Martedì 23 Ottobre 2018 | 20:30

NEWS DALLA SEZIONE

Protestano i grillini
Puglia, la battaglia delle poltroneScontro sulla commissione antimafia al M5S

Puglia, la battaglia delle poltrone
Scontro sulla commissione antimafia al M5S

 
In Cassazione
Riti satanici in casa famiglia nel Salento, otto anni a due educatori

Lacce, riti satanici in casa famiglia
Condannati a 8 anni due educatori

 
L'Italia a due velocità
Treni veloci, ok gara a primo lottoper doppio binario Termoli-Lesina

Treni veloci, ok gara a primo lotto
per doppio binario Termoli-Lesina

 
Dopo il maltempo
«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

 
Durante un'esercitazione
Taranto, botto e fumo da nave militare straniera: «manutenzione»

Taranto, botto e fumo da nave militare straniera: «manutenzione»

 
L'annuncio
Bari, per il ministero: «Giustizia più rapida con gestione digitale delle pratiche»

Palagiustizia, Ministero: «Giustizia più rapida con le pratiche digitali»

 
Dopo due anni di indagini
Taranto, contrabbandavano gasolio agricolo: in 7 ai domiciliari

Taranto, contrabbandavano gasolio: 7 arresti, sequestrati 55 mln beni

 
A Barletta
Rapinato in stazione, arrestata donna rumena: si cercano 2 complici

Rapinato in stazione, arrestata donna rumena: si cercano 2 complici

 
A canosa di Puglia (Bt)
Fermato al posto di blocco con 30kg di droga in auto: arrestato un barese

Fermato al posto di blocco con 30kg di droga in auto: arrestato un barese

 
Il rapporto
Puglia, resta un «buco» da 372 milioni nell’efficienza degli ospedali

Puglia, resta un «buco» da 372 milioni nell’efficienza degli ospedali

 
A Taranto
Spacciavano calando la droga dal balcone: arrestati padre e figlio

Spacciavano calando la droga dal balcone: arrestati padre e figlio

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

bufera alla regione

Sospetto voto di scambio, lascia Mazzarano e annuncia querele. In 3 anni, 5 assessori dimessi

Michele Mazzarano

BARI -  E’ durata 8 mesi l’esperienza di Michele Mazzarano da assessore allo sviluppo Economico della Regione Puglia. L’ex capogruppo del Pd nel Consiglio regionale si è dimesso dopo la messa in onda di un servizio di 'Striscia la Notizià in cui un testimone lo accusa di avergli promesso di assumere i suoi due figli in cambio della concessione gratuita di un locale per la campagna elettorale delle regionali del 2015. Nel rimettere le deleghe al governatore Michele Emiliano, Mazzarano si è dichiarato «vittima di estorsione», ha accusato il suo accusatore di perseguitarlo da tre anni e ha annunciato di avere presentato un esposto querela nei suoi confronti. Emiliano, che con Mazzarano perde per dimissioni il quinto assessore in meno di tre anni di amministrazione, si è limitato a «prendere atto della decisione», ringraziandolo l’ex assessore "per la sensibilità dimostrata» ed «esprimendo l’auspicio che la vicenda possa al più presto chiarirsi».

Nel servizio di 'Striscià, il testimone - intervistato di spalle e incappucciato - afferma che, malgrado gli accordi, solo uno dei suoi figli era stato assunto, a tempo determinato, in un’azienda che lavora con l’Ilva. Per questo aveva chiesto "tramite un avvocato i soldi dell’affitto spesi per il locale elettorale». Nel servizio, l’inviato di Striscia fa anche sentire a Mazzarano un audio di un incontro con l’uomo in cui l'ex assessore tenta di rassicurarlo sull'assunzione dell’altro figlio: «Te lo sistemo, dammi tempo - dice - l’altro l’ho sistemato o no...». «All’Ilva, dove sta lui - dice ancora - due ne ho fatti entrare» e «quando io e te non ci conoscevamo, io ne ho messe 8 di persone, tutte in una volta».

Queste dimissioni e le polemiche le accompagnano pesano sulla maggioranza che sostiene l’amministrazione Emiliano, in un momento caratterizzato da forti tensioni anche interne al Pd per la recente nomina al vertice di Acquedotto pugliese dell’ex sindaco di Bari ed ex deputato di FI, Simeone di Cagno Abbrescia. Una scelta criticata dalle opposizioni ma anche dalla segreteria regionale del Pd e che ha portato oggi Sinistra Italiana ad uscire dalla maggioranza in Consiglio regionale.

Mazzarano è il quinto assessore che si dimette e il terzo del Pd: il 7 febbraio scorso, in piena campagna elettorale, toccò all’assessore all’Ambiente, Filippo Caracciolo (Pd), indagato per corruzione e turbativa d’asta. Prima di lui, nel luglio 2017, era stato l’assessore ai Trasporti Gianni Giannini (Pd), a dimettersi dopo aver appreso di essere indagato in una inchiesta su presunte tangenti. Nemmeno una settimana dopo si dimise (per motivi politici e non giudiziari) l’assessore all’Ambiente, Mimmo Santorsola (Sinistra Italiana), mentre nell’ottobre 2015 si era dimesso per ragioni di opportunità l’allora assessore al Turismo, Gianni Liviano D’Arcangelo (esponente della civica Emiliano Sindaco di Puglia).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleba

    22 Marzo 2018 - 15:03

    Credo sia giunto il tempo di andare alle elezioni regionali in Puglia.Ormai Emiliano e la sua giunta han fatto il loro tempo.

    Rispondi