Sabato 01 Ottobre 2022 | 23:38

In Puglia e Basilicata

ambiente

Il Comune di Modugno
conferma "no" all'inceneritore
e prepara ricorso al Tar

sindaco di Modugno (Bari), Nicola Magrone

15 Febbraio 2018

MODUGNO (BARI) - Sabato prossimo si terrà un’assemblea comunale monotematica e aperta, convocata «per ribadire la contrarietà del Comune di Modugno all’insediamento dell’inceneritore Newo a Bari, a ridosso del centro abitato» del paese pugliese. Lo rende noto il sindaco, Nicola Magrone, sottolineando che bisogna «dire basta a chi fa solo proclami» e per «pretendere in maniera chiara e netta la revoca dell’autorizzazione all’insediamento rilasciata dalla Regione».
Per la realizzazione dell’impianto a ossicombustione Newo, ricordano dal Comune, che prevede attività di trattamento e coincenerimento di rifiuti speciali pericolosi e non, c'è stato il via libera della Regione Puglia con l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) rilasciata lo scorso 25 gennaio.
Il Comune di Modugno - si legge nella nota - «risulta essere tuttora l’unico ente che ha formalmente dato parere sfavorevole durante la Conferenza di Servizi tenutasi nei mesi scorsi alla Regione ed ha, inoltre, già predisposto gli atti per avanzare ricorso al Tar contro l’autorizzazione all’insediamento».
Modugno dà avvio a una serie dei consigli comunali monotematici che i sindaci dell’Aro Ba2, di cui Nicola Magrone è presidente, hanno deciso di tenere nei rispettivi municipi per proporre l’approvazione di un documento unico che ribadisca le motivazioni tecniche e politiche della contrarietà all’impianto Newo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725