Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 02:28

NEWS DALLA SEZIONE

Puglia
Regione, nuove accuse sugli appaltiLiviano: ai soliti. Capone: ora querelo. Pugliapromozione: smentito dai dati

Regione, nuove accuse sulle gare. Liviano: ai soliti. Capone: querelo. Pugliapromozione: ecco i dati

 
Protestano i grillini
Puglia, la battaglia delle poltroneScontro sulla commissione antimafia al M5S

Puglia, battaglia delle poltrone: scontro sulla commissione antimafia al M5S

 
In Cassazione
Riti satanici in casa famiglia nel Salento, otto anni a due educatori

Lacce, riti satanici in casa famiglia. Condannati a 8 anni due educatori

 
L'Italia a due velocità
Treni veloci, ok gara a primo lottoper doppio binario Termoli-Lesina

Treni veloci, ok gara a primo lotto per doppio binario Termoli-Lesina

 
Dopo il maltempo
«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

«Casarano, domani scuole chiuse», ma il post del sindaco è un fake sgrammaticato

 
Durante un'esercitazione
Taranto, botto e fumo da nave militare straniera: «manutenzione»

Taranto, botto e fumo da nave militare straniera: «manutenzione»

 
L'annuncio
Bari, per il ministero: «Giustizia più rapida con gestione digitale delle pratiche»

Palagiustizia, Ministero: «Processi più rapidi con le pratiche digitali»

 
Dopo due anni di indagini
Taranto, contrabbandavano gasolio agricolo: in 7 ai domiciliari

Taranto, contrabbandavano gasolio: 7 arresti, sequestrati 55 mln beni

 
A Barletta
Rapinato in stazione, arrestata donna rumena: si cercano 2 complici

Rapinato in stazione, arrestata donna rumena: si cercano 2 complici

 
A canosa di Puglia (Bt)
Fermato al posto di blocco con 30kg di droga in auto: arrestato un barese

Fermato al posto di blocco con 30kg di droga in auto: arrestato un barese

 
Il rapporto
Puglia, resta un «buco» da 372 milioni nell’efficienza degli ospedali

Puglia, resta un «buco» da 372 milioni nell’efficienza degli ospedali

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

nel processo di appello

Crollo a Barletta
la difesa chiede
una nuova perizia

Crollo Barletta, lunedìil quinto anniversario

BARI - Una nuova perizia potrebbe rimettere in discussione cause e responsabilità del crollo della palazzina avvenuto in via Roma, a Barletta, il 3 ottobre 2011 in cui morirono cinque donne: 4 operaie e la figlia del titolare dell’opificio. È quando hanno chiesto le difese degli imputati alla Corte di Appello dinanzi alla quale è iniziato oggi il processo il secondo grado. Per i reati, a vario titolo contestati, di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni colpose plurimi, omissione di atti d’ufficio e violazione di norme antinfortunistiche, sono imputate 14 persone fisiche e una società.
In primo grado, nel dicembre 2015, i quindici imputati erano stati condannati a pene comprese fra i 5 anni e 6 mesi di reclusione e i 4 mesi. Stando all’ipotesi accusatoria il crollo fu causato dai lavori di demolizione della palazzina adiacente a quella dove c'era l’opificio nel quale morirono le donne.

A chiedere la nuova perizia sono stati gli avvocati Michele Laforgia e Andrea Di Comite, difensori dell’allora direttore dei lavori del cantiere, l’architetto Giovanni Paparella, ritenendo che le perizie del primo grado contengano contraddizioni sulle cause del crollo. Alla stessa richiesta si sono poi associati i difensori di tutti gli altri imputati. Oltre all’architetto Paparella, sono imputati l’ingegner Pietro Ceci, incaricato per conto della Giannini srl, proprietaria del suolo in cui si stava lavorando, della progettazione e sicurezza, il geometra Vincenzo Zagaria, Cosimo Giannini, legale rappresentante dell’omonima società, i fratelli Salvatore, Andrea e Giovanni Chiarelli, della impresa esecutrice dei lavori di demolizione, due vigili urbani, funzionari e tecnici comunali.
Nel processo sono costituite 50 parti civili, 43 familiari delle vittime e sette fra enti, associazioni e sindacati, fra i quali Regione Puglia e Comune di Barletta, il quale è anche costituito come responsabile civile. Nella prossima udienza del 22 gennaio i giudici decideranno se disporre la nuova perizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400