Giovedì 25 Aprile 2019 | 07:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Condanna da Roma

Andria, mazzetta per appalto
sui rifiuti: 6 anni a ex assessore

La sentenza nei confronti di Francesco Lotito, ex componente della giunta Giorgino: agevolò impresa Sangalli

Andria, mazzetta per appalto sui rifiuti: 6 anni a ex assessore

Lotito a sinistra nella foto

ANDRIA - Sei anni di reclusione per l’accusa di aver intascato una ricca tangente che avrebbe dovuto “oliare” l’aggiudicazione dell’appalto per il servizio della raccolta differenziata all’impresa Sangalli di Monza. Questa la pena comminata dal Tribunale di Roma all’ex assessore di Andria Francesco Lotito.
Il 6 maggio 2014 la Corte di Cassazione ritenne che per la contestazione originariamente mossa dalla Procura di Monza fossero competenti i colleghi romani. Nella capitale, infatti, l’ex assessore della giunta Giorgino avrebbe incamerato la tranche di una più corposa mazzetta. La consegna sarebbe avvenuta alla Stazione Termini poco dopo l’arrivo in treno dell’assessore. Lotito, che per diverso tempo fu detenuto prima in carcere e poi ai domiciliari, ha sempre negato gli addebiti. A parlare della tangente furono alcuni personaggi apicali della Sangalli nel corso di una conversazione intercettata dalla Guardia di Finanza. Fu da quel colloquio che emerse la dinamica per la consegna della mazzetta a Termini. Nella conversazione si parlò dei vari negozi della stazione in cui Lotito sarebbe entrato per ricevere la somma al riparo da occhi indiscreti. Spostamenti che avrebbero avuto riscontro nella successiva acquisizione dei filmati dal sistema di videosorveglianza della stazione, accreditando così il tenore del colloquio intercettato.
Per altre contestazioni di competenza della Procura di Trani, sempre legate all’appalto della raccolta differenziata (prima della Sangalli era l’Aimeri Ambiente a gestire il servizio in proroga), Lotito è imputato per le accuse di “turbata libertà del procedimento di scelta del contraente” e “concussione”. Il pm tranese Giuseppe Maralfa chiese che Lotito fosse giudicato con rito immediato, stralciando così la posizione di altri imputati. Due procedimenti distinti, dunque, ancora in corso davanti al Tribunale di Trani: il giudizio immediato a carico di Lotito è alle battute finali. Alle contestazioni della Procura tranese si giunse con gli sviluppi dell’inchiesta su una bomba posta la notte del 31 marzo 2011 al mobilificio di Lotito. Il Comune di Andria conferì mandato all’avvocato Patrizia Carobello per costituirsi parte civile nel processo tranese a carico dell’ex assessore difeso dall’avv. Domenico Di Terlizzi.
Antonello Norscia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400