Lunedì 12 Aprile 2021 | 00:20

NEWS DALLA SEZIONE

ultim'ora
Bari, morto il boss Giuseppe Mercante

Bari, morto il boss Giuseppe Mercante

 
Le dichiarazioni
Vaccini Puglia, gruppo FI chiede dimissioni Lopalco. Marti (Lega): «Inadeguatezza pericolo per la comunità»

Vaccini Puglia, gruppo FI chiede dimissioni Lopalco. Marti (Lega): «Inadeguatezza pericolo per la comunità»

 
il bollettino
Coronavirus, in Italia oltre 15mila casi su 253mila tamponi (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

Covid, in Italia 15mila casi su 253mila test (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

 
Politica
Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1359 nuovi casi su 10mila test. 15 decessi, nuovo aumento ricoveri. Da inizio pandemia 2 milioni di tamponi

Coronavirus, in Puglia 1359 casi su 10mila test. 15 decessi, su i ricoveri. Vaccinate oltre 762mila persone

 
Le linee guida
Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

 
Sanità
Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

 
Industria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
Lecce
Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

 
L'intervista
Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

 
Nel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 

Il Biancorosso

Il punto
Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Homeultim'ora
Bari, morto il boss Giuseppe Mercante

Bari, morto il boss Giuseppe Mercante

 
PotenzaIndustria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
BrindisiNel Brindisino
Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

 
TarantoNel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

molfetta

Morirono in azienda ittica
rinviati a giudizio proprietari

Il processo comincerà il 6 aprile prossimo dinanzi al giudice monocratico del tribunale di Trani

incidente mortale in azienda ittica a molfetta

Il luogo dell'incidente

MOLFETTA (BARI) - Il gup del tribunale di Trani ha rinviato a giudizio per cooperazione in omicidio colposo e violazione delle norme in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, Lorenzo Gadaleta, Vito e Domenico Di Dio, padre e figlio, rispettivamente legale rappresentante ed esecutore di una azienda ittica di Molfetta nella quale morirono due operai impegnati in lavori di manutenzione di una cisterna. Il processo comincerà il 6 aprile prossimo dinanzi al giudice monocratico del tribunale di Trani.

Nell’azienda 'Di Dio', l’8 aprile del 2014, morirono Nicola e Vincenzo Rizzi, anche loro padre e figlio, di 50 e 28 anni, e sopravvisse un altro figlio di Nicola, Alessio. I tre erano stati chiamati per lavori di manutenzione di una vasca dove confluivano le acque di lavorazione del pesce. Secondo quanto accertato dall’autopsia, padre e figlio morirono perchè persero i sensi e annegarono nella cisterna interrata dopo avere inalato acido solfidrico sprigionato dai reflui.

Secondo il pm Antonio Savasta, i Di Dio avrebbero dovuto interrompere il ciclo di lavorazione mentre Nicola, Vincenzo e Alessio Rizzi si occupavano della manutenzione della cisterna. Se lo avessero fatto, i reflui della lavorazione non si sarebbero riversati nella vasca dove i tre si trovavano e dalla quale solo uno, grazie al padre, è uscito vivo.

In un analogo incidente avvenuto sempre a Molfetta anni prima a poca distanza, sempre a causa delle inalazioni di acido solfidrico, nel 2008 alla Truck Center morirono cinque operai, all’interno di una cisterna che stavano lavando, nell’inutile tentativo di salvarsi l’uno con l’altro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie