Mercoledì 10 Agosto 2022 | 14:13

In Puglia e Basilicata

Le nuove droghe

Sballo in Salento, Ketamina
in spray nasale: in coma 16enne

Sballo in Salento, Ketamina in spray nasale: in coma 16enne

foto di repertorio

Un ragazzo salvato a Fazzi di Lecce dopo un a notte brava. IL caso Gallipoli continua a far discutere

01 Agosto 2017

NICOLA PEPE

La Riviera dello sballo in Salento. Se Internet aiuta a confezionare bombe ad aspiranti terroristi, c’è chi «insegna» le nuove tecniche su come sballarsi al meglio. Mentre la cronaca registra l’arresto del quarto spacciatore in pochi giorni all’interno di una discoteca, ecco un nuovo allarme: la «ketamina via nasale», come se fosse uno spray per l'asma. E’ uno dei ritrovati del popolo della notte che ama sballarsi all'inverosimile. Non parliamo della vodka negli occhi o dell'assorbente imbevuto di alcol, pratiche ormai antiquate per ottenere un effetto più immediato; ma di una evoluzione di quella voglia di conquistare «il cielo» ricorrendo non alla «classica» pasticca ma ad altre forme di vero e proprio autolesionismo.

Il nostro reportage su Gallipoli ha fatto emergere una drammatica realtà che vede migliaia di giovani in balia di criminali senza scrupoli che abusano della loro debolezza (divertirsi) per avvelenarli con alcol e droga. Soprattutto gli stupefacenti, in particolar modo le droghe sintetiche, sembrano sfuggire al controllo dlele stesse forze dell'ordine che riescono a malapena a governare un traffico che avviene fuori e dentro i luoghi di divertimento: non solo discoteche ma anche i lidi dove imperversano extracomunitari, magari al soldo di clan locali, che vendono di tutto a ragazzi di ogni età.

Le nuove mode, dunque, conquistano questi giovani che piombano nel Salento, soprattutto a Gallipoli, pensano di vivere in una zona franca. A lanciare l'allarme su tali nuove pratiche è proprio uno dei medici che è in prima linea: il dott. Giuseppe Pulito è il primario della Rianimazione dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce dove arrivano i casi più gravi di coma da abuso di alcol o stupefacenti. Generalmente, il pronto soccorso, è il luogo di cura immediata dove il malcapitato di turno viene sottoposto alle prime terapie farmacologiche per neutralizzare gli effetti soprattutto degli allucinogeni. Ma per i casi più gravi serve la massima assistenza specialistica. «Noi rappresentiamo il terminale di questa catena - racconta il dott. Pulito - anche perche circa un terzo dei casi di coma overdose richiede la nostra assistenza da rianimatori». E sulle tecniche di assunzione degli stupefacenti, è proprio il dott. Pulito a rivelare qualche dettagli. Non più tardi di due settimane fa è finito tra le sua braccia un ragazzo di poco più di 16 anni. Aveva assunto ketamina per «via nasale». Si tratta di una sostanza allucinogena che viene commercializzata in fiale il cui contenuto si versa all'interno di nebulizzatori come se si trattassi di uno spray nasale. Una pratica che provoca «allucinazioni e delirio, soprattuto se associata ad alcol» precisa il dott. Pulito. Fortunatamente la vicenda ha avuto un lieto fine perchè il ragazzo «ha risposto bene alla terapia e, una volta metabolizzato il farmaco, si è ripreso ed è potuto tornare a casa».

Ma per quanto altro tempo dovremo contare questi casi? La forze dell'ordine e i gestori dei locali da ballo (non sono interessati solo loro perchè i beach party nei lidi sono una occasione ghiotta per mix di alcol e droga) sembrano parlare la stessa lingua, come riferiamo in altri servizi in questa pagina. Eppure lo spaccio di droga sembra inarrestabile e fiumi di alcol imperversano soprattutto all’esterno dei locali soprattutto per venditori abusivi che propinano cocktail a prezzi abbordabili, 2 o 3 euro rispetto ai 10 all’interno di un locale. Un’attività che un comune potrebbe (o dovrebbe) ostacolare senza aspettare blitz coordinati delle forze dell’ordine che dovrebbero occuparsi di altro. In fin dei conti, in un comune dove arrivano 200mila persone che lasciano molti soldi per multe e parcheggi, qualche ora di straordinario per i vigili potrebbe pure saltar fuori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725