Martedì 22 Gennaio 2019 | 07:54

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta di Lecce
Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

Mazzette ai magistrati di Trani, imprenditore non risponde. Avvocatessa: estranea ai fatti

 
La decisione
Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

Regionali, centrosinistra ai gazebo il 24 febbraio per il candidato presidente

 
Dl semplificazioni
Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

Xylella, il Governo: chi non abbatte gli alberi ammalati rischia il carcere

 
Il concorso di idee
Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni
Sisto (FI): bufala storica

 
Il caso
Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

 
Nel pomeriggio
A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino

A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino: nessun ferito

 
Operazione Pandora
Mafia a Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

Bari, a processo 100 affiliati dei clan Diomede-Mercante e Capriati

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
In meno di 24 ore
Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

 
Il ritrovamento
Foggia, trovata carcassa delfino in spiaggia: scattano le indagini Asl

Foggia, trovata carcassa delfino in spiaggia: scattano le indagini Asl

 

Condannato il municipio

Ugento, Comune nega il lido
vince la causa dopo 17 anni

Un imprenditore voleva aprire nel 2000 uno stabilimento balneare tra Torre Mozza e Torre San Giovanni. Sentenza definitiva dal Consiglio di Stato

Ugento, Comune nega il lidovince la causa dopo 17 anni

TORRE SAN GIOVANNI (UGENTO) - Il Consiglio di Stato dà il via libera a un lido condannando il Comune a risarcire il titolare per 6mila euro. I giudici di Palazzo Spada hanno accolto un ricorso proposto da Massimiliano Vitali, imprenditore ugentino difeso dall’avvocato Anna Maria Ciardo.
Nel 2000 aveva chiesto di aprire uno stabilimento balneare di 2mila metri quadrati nella marina di Torre San Giovanni, in prossimità del «Bacino Bianca», ma il Comune si era opposto sostenendo che l’area è classificata dal Piano regionale delle coste «in erosione», e perché la stessa rappresenta «una delle sole due zone liberamente fruibili per la balneazione».
Dopo un primo passaggio al Tar di Lecce, che gli aveva dato torto, Vitali ha presentato appello dimostrando che l’area soggetta a erosione non è quella in cui doveva sorgere il suo stabilimento ma un’altra zona tra la località «Fontanelle» e Torre Mozza. «L’area richiesta in concessione - hanno rilevato i giudici romani - rientra in una zona qualificata a media criticità (C2) e a elevata sensibilità ambientale (S1). Dalla disciplina regionale si ricava che dal livello di criticità dipende la possibilità o meno del rilascio della concessione. Per ciò che attiene alla categoria C2, non è previsto un “divieto di rilascio” e si rientra in un’ipotesi di “insediabilità limitata”. Il rilascio della concessione presuppone una verifica positiva in ordine alla stabilizzazione del fenomeno erosivo». Il Consiglio di Stato ha anche stabilito che se il Comune non dovesse provvedere ad annullare il diniego alla concessione entro 60 giorni dovrà intervenire d’imperio il direttore dell’Ufficio regionale del Demanio marittimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400