Venerdì 18 Settembre 2020 | 13:05

NEWS DALLA SEZIONE

Il fatto
Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

 
mercato
Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

 
territorio
Xylella, appello regione Puglia: «Associazioni ci aiutino in espianti»

Xylella, appello regione Puglia: «Associazioni ci aiutino in espianti»

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata oggi nessun nuovo caso: analizzati 483 tamponi

Coronavirus, in Basilicata oggi nessun nuovo caso: analizzati 483 tamponi

 
calcio
Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

 
regionali
Regionali Puglia, le regole anti-Covid al seggio: distanza, matite sanificate, mascherine

Puglia al voto, regole al seggio: distanza, matite sanificate, mascherine

 
contagi
Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

 
nel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
Il caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 
Originari del Napoletano
Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

 
La decisione
Alta velocità Bari-Napoli: finanziamento record di 2 mld da Banca europea investimenti

Alta velocità Bari-Napoli: finanziamento record di 2 mld da Banca europea investimenti

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo in casa della Virtus Francavilla»

Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo»
Marras: «Obiettivo promozione»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'operazione
Coronavirus, poco rispetto delle norme: a Bari polizia setaccia la movida, sanzioni

Coronavirus, poco rispetto delle norme: a Bari polizia setaccia la movida, sanzioni

 
LecceIl fatto
Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

 
Materanel Materano
Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

 
BatIl caso
Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

 
TarantoAmbiente
Taranto, impianti dell’Amiu. Regione in campo

Taranto, impianti dell’Amiu: regione in campo

 
BrindisiL'evento
Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

 
Foggianel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
PotenzaIl caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 

i più letti

ambiente

Macchiato il Pertusillo
«È un'alga non petrolio»

pertusillo macchiato

di ALESSANDRO BOCCIA

POTENZA - «Ad oggi è stata esclusa la presenza di idrocarburi nel Pertusillo». È stato lo stesso governatore lucano Marcello Pittella ieri, al termine di una riunione durata quasi quattro ore, a comunicare l’esito degli esami svolti fino a questo momento sulle acque della diga, che da giorni presentano un colore scuro, tendente al marrone. Un tavolo di lavoro, convocato in Regione a Potenza, che oltre a Pittella ha visto la partecipazione dell’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, rappresentanti dell’Arpab - fra cui il direttore generale Edmondo Iannicelli - ed anche il coordinatore dell’Ispra, Fabio Pascarelli, uno dei maggiori esperti in Italia di siti contaminati.

«Dalle analisi possiamo escludere la presenza di idrocarburi, nonostante l’episodio dello sversamento da una delle cisterne - ha sottolineato Pittella - nel frattempo l’Arpab con Ispra sta continuando le indagini per comprendere fino in fondo le cause dei cambiamenti cromatici, che si verificano in generale su tutti i grandi invasi del mondo e non solo della Basilicata. È stata riscontrata, invece, la presenza di un’alga, di cui cercheremo la natura e l’origine, che potrebbe essere addebitata agli sversamenti impropri che provengono dall’agricoltura. Sono state fatte tra l’altro ulteriori indagini, con il supporto di Acquedotto lucano e di Acquedotto pugliese, che ci hanno confermato l’assoluta potabilità dell’acqua. Una volta avuto il quadro completo dei risultati saremo in grado di agire. Lo faremo in fretta, perché esiste un problema di credibilità nel rapporto tra noi e i cittadini. Non faremo sconti a nessuno ed andremo avanti».

Per fare ulteriore chiarezza, saranno svolti infatti altri esami, utilizzando un’ imbarcazione che preleverà acqua, alghe e terreno in più punti dell’invaso. Nel corso della riunione si è discusso anche dell’episodio di sversamento di idrocarburi da una cisterna del centro olio di Viggiano avvenuto nei giorni scorsi.

Il governatore lucano ha annunciato l’intenzione di «procedere in autonomia ad analisi intorno al perimetro del Centro e all’interno della struttura: ci rivolgeremo anche ai magistrati nel caso in cui non ci dovesse essere permesso l’accesso al Centro, vogliamo controlli severi e chiederemo anche all’Eni di procedere con estrema celerità alla realizzazione del doppio fondo delle tre cisterne all’interno del Centro, anche se la compagnia petrolifera ha tempo per farlo, in base alle norme, fino alla fine di quest’ anno».

Intanto sulla vicenda è intervenuta la stessa Eni che, in merito all’eventuale legame tra la fuoriuscita di idrocarburi dal serbatoio del Cova di Viggiano e la presenza nelle acque superficiali del lago Pertusillo di macchie dalla colorazione scura, ha precisato che «le verifiche hanno accertato che si tratta di fenomeni di produzione di alghe». La società petrolifera ha anche ribadito «che non è emersa alcuna evidenza della possibile presenza di idrocarburi a valle dei pozzetti interessati nella zona industriale di Viggiano» confermando che «sono attualmente in corso gli interventi necessari alla messa in sicurezza delle aree coinvolte, anche solo marginalmente, dalla fuoriuscita di greggio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie