Venerdì 17 Settembre 2021 | 22:16

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

iniziativa comune e Bper

Matera, carta prepagata
che fa anche del bene

carta di credito per solidarietà a matera

di ENZO FONTANAROSA

MATERA - È una operazione che mostra un istituto di credito non solo nel suo ruolo fondamentale e tipico. Perché se da una parte vi è uno strumento di pagamento al passo con i tempi e le esigenze dei cittadini, dall’altro il tutto riesce a coniugarsi perfettamente con un momento di rilancio del territorio materano e con un gesto di solidarietà. Su questi presupposti si è sviluppata una iniziativa che vede il Comune di Matera insieme alla Bper Banca e vede quale beneficiario del momento di beneficenza la Caritas diocesana. Il tutto, poi, ruota sul progetto della fidelity card “Matera nel cuore” pensata quale nuovo strumento di pagamento e con la quale l’istituto di credito, in veste di benefattore, devolverà, una tantum, l’importo di 2 euro per ogni carta prepagata attivata e, poi, donerà una percentuale sulle transazioni operate con la carta stessa. Importi che andranno in favore, appunto, dell’organismo pastorale della Cei per la promozione della carità.

La iniziativa è stata presentata ieri, in un incontro in Municipio, al quale sono intervenuti il sindaco Raffaello De Ruggieri, il direttore territoriale per il Mezzogiorno di Bper Banca, Salvatore Pulignano, la responsabile dell’area manager Basilicata dell’istituto di credito, Enza Stasi, e il direttore della Caritas Diocesana, Annamaria Cammisa. «Non è una semplice operazione pubblicitaria – ha sottolineato il sindaco –. C’è dietro, piuttosto, una missione che è duplice: quella di mettere in luce il valore di una città e quello dimettere in riserva disponibilità e risorse per innalzare i livelli della solidarietà in questa comunità».

Il direttore Pulignano, invece, ha posto l’accento sul rapporto della Bper Banca con il territorio, «sul quale siamo radicati e vero il quale puntiamo a iniziative che lo valorizzino, anche attraverso uno strumento di pagamento, com’è quello del progetto. La Caritas ci sta dando la possibilità di coniugare questi aspetti per affermarci banca del territorio». Ha spiegato che si tratta di «una carta prepagata flessibile, che non prevede l’apertura di un contro corrente collegato, che funziona con tutti gli sportelli automatici Atm anche all’estero, per qualsiasi tipologia di acquisto, e a piacimento anche ricaricata e funziona anche per le transazioni online».

Ha tenuto a precisare che non si tratta di una mera operazione commerciale, invece, la responsabile dell’area manager Stasi: «Non vuole fornire uno strumento di pagamento come tanti altri, e che si può utilizzare dagli 11 anni in poi, ma la nostra ambizione è quella che possa diventare un simbolo, con la sua immagine grafica accattivante, per dimostrare il senso di appartenenza alla città. Vorremmo anche creare un circuito commerciale e farne una vera carte fedeltà magari con convenzioni con attività commerciali o accordi con le agenzie di gestione del turismo. Da lunedì prossimo, la card sarà possibile trovarla o prenotarla in tutte le filiali della città e del resto d’Italia».

Il direttore della Caritas, Cammisa, ha evidenziato una «sensibilità e una passione da parte di una banca, che normalmente, e in generale per un istituto di credito, non viene vista in tal senso» «La passione messa dalla Bper per questo prodotto, ci fa capire che andiamo tutti verso la direzione che è il concetto di comunità, che non deve essere portato avanti non solo dal Comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie