Lunedì 15 Ottobre 2018 | 23:20

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Triglietta e la sua evasione

Messina, ergastolano leccese
aggredisce agenti penitenziari

Messina, ergastolano lecceseaggredisce agenti penitenziari

Fabio Perrone, l’ergastolano salentino ritenuto vicino alla Sacra Corona Unita che il 6 novembre 2015 riuscì ad evadere in maniera rocambolesca durante una visita medica all’ospedale di Lecce, si è reso protagonista oggi di una violenta aggressione a due agenti di polizia penitenziaria del carcere di Messina, dov'è detenuto nel Centro diagnostico terapeutico della struttura dopo essere stato da poco trasferito dal carcere di massima sicurezza di Catanzaro.

Ne dà notizia Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe). Secondo quanto riferito da Capece, l’ergastolano, conosciuto col soprannome di 'Trigliettà, stamani mentre era in procinto di essere accompagnato in Tribunale, prima di uscire dall’istituto di pena, ha aggredito per motivi sconosciuti il personale di scorta e due agenti di polizia penitenziaria sono rimasti feriti.

Perrone, 43 anni, riuscì a fuggire dall’ospedale di Lecce dove era stato portato per un esame diagnostico, impossessandosi della pistola di uno degli agenti penitenziari che lo scortavano, ferendo tre persone e sparando all’impazzata in corsia per farsi strada, per poi rapinare l’auto ad una donna nel parcheggio dell’ospedale, puntandole l’arma alla tempia. L'ergastolano venne catturato il 9 gennaio dello scorso anno, dopo 63 giorni di latitanza, a Trepuzzi (Lecce), suo paese natale, durante un blitz congiunto di Squadra mobile e polizia penitenziaria.

Il Sappe, nel denunciare l’ennesima aggressione ai danni del personale di polizia penitenziaria, esprime solidarietà ai colleghi feriti augurando loro pronta guarigione e il ritorno in servizio, e sollecita l’intervento del ministro della Giustizia e del capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Tap, sindaco Melendugno da Conte:«Stop a progetto, commesse illegalità»

Tap, sindaco Melendugno da Conte per dire no. Palazzo Chigi: stop costerebbe troppo

 
Foggia, un operatore aiuterà bimbo disabile escluso dalla mensa

Foggia, operatore aiuterà bimbo disabile escluso da mensa a scuola

 
Scontro auto nel Foggiano: morte mamma e figlia di pochi mesi

Scontro tra auto nel Foggiano: morte mamma e figlia di pochi mesi

 
Mammografie, Puglia maglia neraM5S: le Asl sbagliano indirizzo

Mammografie, Puglia maglia nera. M5S: le Asl sbagliano indirizzo

 
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

 
Tenta di rubare iPhone a una donna in pieno centro: arrestato 38enne marocchino

Tenta di rubare iPhone a una donna in centro: arrestato marocchino

 
Comune di Bari - Palazzo di Città

Nuovo sindaco Bari, fumata nera del centrodestra: decisione passa a Roma

 

GDM.TV

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 
Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni contrastanti

Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni diverse. «Agenti circondati»

 
Intitolazione caserma a Marzulli, Decaro: «Lui era davvero un galantuomo»

Squillo di tromba e commozione
per la caserma dedicata a Marzulli

 

PHOTONEWS