Martedì 22 Gennaio 2019 | 17:37

NEWS DALLA SEZIONE

Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il caso
Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

Bari, altro «no» della Procura al salvataggio di Interporto

 
Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
Il riconoscimento
Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

 
Truffa aggravata
Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

 
Operazione dei Cc
Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Il Tribunale
Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

 
Duello Landini-Colla
La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

 
Gli sprechi
Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mla euro

Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mila€

 

lotta alla malavita

Il procuratore di Lecce
al Consiglio regionale
«La mafia ha consenso»

Cataldo Motta

BARI - Il procuratore della Repubblica di Lecce, Cataldo Motta, è intervenuto oggi a Bari alla riunione della settima commissione del consiglio regionale, che ha vagliato le proposte di legge d’istituzione di una 'Commissione d’indagine e di inchiesta sulle infiltrazioni mafiose e della criminalità organizzata nel territorio regionale e in particolare sul cosiddetto fenomeno eco-mafioso', e quella di istituire una 'Commissione speciale di studio e di indagine per la promozione della cultura della legalità ed il contrasto a forme di attività corruttiva'. Dal magistrato è arrivata la richiesta di «unificare ed integrare le due proposte di legge, creando un’unica Commissione d’inchiesta».

Secondo Motta, «il momento è tale da dover privilegiare la logica preventiva a quella della repressione». «La cosa grave - ha spiegato - è che non è mancato qualcosa al contrasto dei fenomeni mafiosi. C'è stato anzi un contrasto particolarmente rigoroso, continuo e approfondito. Ciononostante le associazioni mafiose locali hanno fatto il loro corso e sono arrivate al momento della ricerca del consenso sociale, che purtroppo stanno ottenendo. Il fenomeno mafioso - ha aggiunto il procuratore - non è di rilevanza solo giudiziaria ma anche sociale, specie nel momento in cui le associazioni mirano a raggiungere il consenso della gente. Abbiamo avuto casi in cui l’iniziativa, in materia estorsiva ad esempio, si sposta dall’autore del reato di estorsione a quella che dovrebbe essere la vittima che assume l'iniziativa di pagare il 'pizzo' ancor prima che gli venga richiesto».

Secondo Motta si tratta di «una modifica culturale delle associazioni mafiose, ma anche del rapporto tra cittadino e criminalità organizzata che richiede un intervento non solo giudiziario, ma soprattutto a livello sociale e culturale. Cambiare mentalità è quindi un aspetto imprescindibile. La Commissione proposta dal consiglio regionale potrebbe essere particolarmente utile, avendo un rapporto trasparente con l'autorità giudiziaria e ciascuno il proprio compito. Secondo me - ha concluso Motta - ci saranno positivi risultati». Alla riunione della Commissione consiliare, presieduta da Erio Congedo (Conservatori e Riformisti), sono tra gli altri intervenuti il presidente del consiglio regionale, Mario Loizzo, ed il vice presidente della giunta regionale, Antonio Nunziante. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400