Giovedì 21 Marzo 2019 | 15:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
In 5mila al corteo
Emiliano a manifestazione Libera: «Lottiamo con i ragazzi»

Marcia Libera, Emiliano a Brindisi «Approvata legge pugliese sulla legalità» VD

 
L'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 
Università
Puglia, sì a due lauree in contemporanea: l'idea della Lega che piace a Uricchio

Puglia, sì a due lauree in contemporanea: l'idea della Lega che piace a Uricchio

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel Leccese
Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

 
Preso nel Bresciano
Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

 
Il caso
Puglia, le liste d'attesa infiammanoil Consiglio. Passa la «linea» stataleMedici verso sciopero intramoenia

Puglia, le liste d'attesa infiammano il Consiglio. Passa la «linea» statale

 
Il fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
Cassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
HomeIl confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

inchiesta petrolio

Periti: ok a lavori
di adeguamento centro Eni

Rifiuti: traffico in centro Eni di Viggiano, cinque arresti

Il costruendo centro oli della Total a Tempa Rossa

POTENZA - I consulenti della Procura di Potenza hanno valutato positivamente le proposte di adeguamento di alcune parti del Centro oli di Viggiano (Potenza) dell’Eni, dove la produzione - pari a circa 75 mila barili al giorno di petrolio - è ferma dallo scorso 31 marzo in seguito all’inchiesta sulle estrazioni petrolifere in Basilicata.
La valutazione dei consulenti potrebbe portare in tempi brevi a un provvedimento della Procura per il dissequestro temporaneo delle due vasche e di un pozzo di reiniezione.

Il provvedimento di dissequestro permetterebbe all’Eni di realizzare le modifiche proposte dalla stessa compagnia petrolifera. In prospettiva, in tempi che sono ancora da quantificare, l’estrazione del petrolio in Val d’Agri e il trattamento del greggio nel centro oli di Viggiano potrebbero riprendere, col ritorno al lavoro di centinaia di persone.
Intanto, nell’ambito del «filone siciliano» dell’inchiesta, i pm Francesco Basentini e Laura Triassi hanno ascoltato altre due persone - il dirigente ministeriale Enrico Pujia e il capitano di vascello Raffaele Macauda - in relazione alla vicenda che ha portato alla proroga di Alberto Cozzo a commissario dell’autorità portuale di Augusta (Siracusa). 

ENI: BENE PER LA SOLUZIONE - La valutazione positiva dei consulenti della Procura di Potenza sull'adeguamento di alcune parti del centro operativo Val d’Agri (Cova) di Viggiano (Potenza) - dove dal 31 marzo scorso non vengono più trattati 75 mila barili di petrolio al giorno - rappresenta la base per una «soluzione» che è «auspicabile possa essere accolta dalla magistratura per permettere la riapertura dell’impianto».
Lo si è appreso da fonti dell’Eni, con la società che resta "in attesa del giudizio di merito, confidando che potrà chiarire la correttezza del suo operato». Dalla compagnia petrolifera è arrivata la sottolineatura che «il parere favorevole sull'istanza di dissequestro presentata da Eni prevede una modifica dell’impianto tale da permettere comunque la reiniezione dell’acqua di strato». Eni (le fonti hanno precisato di non aver ancora ricevuto «alcuna notifica formale") darà «la massima collaborazione alla magistratura» per ottenere «quanto prima chiarezza sulla vicenda» e giungere «al più presto al riavvio delle operazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400