Mercoledì 18 Settembre 2019 | 05:32

NEWS DALLA SEZIONE

Dai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
La Consulta
Bari, usura: province Sud Italia sono più esposte a rischio

Bari, usura: province Sud Italia sono più esposte a rischio

 
Polis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
Diritti negati
Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

Bari, negato accesso a studentessa disabile: «Niente stanza in fitto»

 
In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
Serie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
Arrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
Ambiente

Polignano, in stallo il progetto del resort a Costa Ripagnola

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Nella notte
Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione, disposta tutela

 
Verso il 2020
Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiDai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
BatIl personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 

i più letti

«La collezione di manifesti storici continua a marcire nel degrado»

La raccolta, creata da Rocco Coronese, è una delle più ampie d'Europa

«La collezione di manifesti storici continua a marcire nel degrado»

di Pierangelo Tempesta

PARABITA - La «Collezione Coronese», forse la più ampia raccolta di manifesti esistente in Europa, è ancora abbandonata e in cattivo stato di conservazione nei locali dell’ex convento dei Domenicani di Parabita. E a distanza di poco più di un mese dal suo primo sopralluogo, l’opposizione cittadina è tornata sul posto per documentarne le condizioni e per sollecitare il Ministero dei Beni culturali e la Soprintendenza di Lecce a intervenire.

La collezione è stata creata dal professore Rocco Coronese e contiene manifesti, cinematografici e non, risalenti alla fine dell’Ottocento e alla prima metà del Novecento. Una raccolta pregiata, forse unica nel suo genere, che circa trent’anni fa era stata depositata nelle sale di palazzo Ferrari, per poi essere trasferita nell’ex municipio, dove ancora oggi si trova. Quando lo scorso anno sono iniziati i lavori di recupero dell’immobile, i manifesti sono stati spostati in altre stanze dello stesso edificio. Molti si sono danneggiati irrimediabilmente a causa della cattiva conservazione e dell’umidità. A oggi la proprietà della collezione è degli eredi del professore Coronese. Negli anni scorsi, diverse amministrazioni comunali hanno tentato, senza riuscirci, di trovare un accordo con la famiglia per la cessione al Comune e per l’apertura di un museo.

A interpellare nuovamente le autorità sono i consiglieri Alberto Cacciatore, Antonio Prete e Maria Concetta Toma, del gruppo «Cambiamo insieme». «La preziosa collezione - si legge nella segnalazione - rimane a marcire in ambienti non consoni alla salvaguardia della stessa, riscontrandosi nell’immobile la presenza di una diffusa umidita,̀ che ne pregiudica l’utilizzo dal punto di vista igienico-sanitario. E questo, nonostante la realizzazione di importanti lavorazioni, durante la quale la stessa collezione è stata lasciata incustodita».

Dai consiglieri giunge la richiesta di avviare tutte le procedure necessarie per salvare i manifesti e per spostarli in un ambiente adeguato, catalogarli e recuperarli. «Non possiamo accettare - continuano - che un tale patrimonio storico e culturale vada perduto, così come non possiamo correre il rischio che gli eredi, a oggi ancora proprietari della collezione, chiedano i danni all’amministrazione e di conseguenza all’intera comunità. Sulla vicenda - chiudono i tre consiglieri - ognuno può dire quello che vuole, ma la verità è assoluta e le immagini dei manifesti che marciscono nell’incuria totale di chi dovrebbe salvaguardarli e custodirli è fin troppo evidente».

ParabitaLa denuncia dell’opposizione, che ieri ha effettuato un sopralluogo nei locali dell’ex Convento dei Domenicani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie