Sabato 23 Marzo 2019 | 20:01

NEWS DALLA SEZIONE

Dal 6 maggio a Roma
Tennis, il biscegliese Pellegrino verso il Foro Italico

Tennis, il biscegliese Pellegrino verso il Foro Italico

 
Verso le regionali
Tavolo c.sinistra Bari, Stefàno: «Sforzo vano se si punta a autocandidatura»Lacarra replica: «Faccia pace con se stesso»

Tavolo c.sinistra Bari, Stefàno: «Sforzo vano se si punta a autocandidatura»
Lacarra replica: «Faccia pace con se stesso»

 
A Roma
Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

 
Nel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
La parodia su Youtube
Taranto, addio ad Annapia diventata famosa con la frase «Quanda mineral»

Taranto, addio ad Annapia diventata famosa con la frase «Quanda mineral»

 
Un 72enne
Carapelle, voleva farsi saltare in aria e uccidere tutti i condomini: arrestato

Carapelle, voleva farsi saltare in aria e uccidere tutti i condomini: arrestato

 
I fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
Fermati da cc e polizia
Rubano borsello al centro commerciale e prelevano al bancomat: arrestati in 2 a Foggia

Rubano borsello al centro commerciale e prelevano al bancomat: arrestati in 2 a Foggia

 
Serie D
Scontri dopo Fasano-Altamura: denunce e Daspo per 11 ultras

Scontri dopo Fasano-Altamura: denunce e Daspo per 11 ultras

 
Tragedia sfiorata
Bus in fiamme, vicepresidente Consiglio Regionale Puglia propone onorificenza carabiniere barese

Bus in fiamme, vicepresidente Puglia propone onorificenza carabiniere barese

 
A san Cataldo (Le)
Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
HomeA Roma
Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

gazzetta intervista il viceministro

Migranti e criminalità
l'intervista a Bubbico

Il numero due del Viminale a Bari incontra i commercianti che hanno denunciato il racket.

Una 'passeggiata antiracket' si è tenuta oggi nel quartiere Carrassi del capoluogo con la partecipazione del viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, del presidente della Fondazione antiracket, Tano Grasso, del prefetto di Bari, Carmela Pagano e del sindaco, Antonio Decaro. L'iniziativa ha avuto lo scopo di sottolineare il coraggio dei commercianti del rione che hanno denunciato d’essere vittime del pizzo consentendo nei giorni scorsi l’arresto di esponenti del clan malavitoso Diomede.
«Noi vorremo tanto poterle replicare, queste passeggiate, in ogni città d’Italia - ha detto Bubbico - in modo particolare nelle città del Mezzogiorno che sono più segnate dai fenomeni estorsivi praticati dalle organizzazioni criminali. Oggi è una giornata bella e importante perché attraverso il lavoro di condivisione che la Fai, Federazione antiracket, ha saputo fare, molti commercianti hanno trovato la forza per reagire trovando nelle istituzioni il massimo della vicinanza e del sostegno».
«Noi vogliamo dare esattamente questo segnale - ha insistito - che è possibile pretendere il rispetto della legalità, è possibile ribellarsi al gioco mafioso e criminale, è possibile vivere in libertà e autonomia la propria storia imprenditoriale, poter beneficiare dei propri sacrifici, dei propri impegni per migliorare la vita di ciascuno e realizzare condizioni di serenità per le famiglie». «Siamo convinti - ha concluso Bubbico - che il Mezzogiorno, in modo particolare quando riuscirà a liberarsi dal dominio criminale, troverà anche le energie e le risorse giuste per assicurare progresso, benessere e sviluppo».
«Sono piccoli uomini e poco numerosi, solo che fanno paura perché pensano che utilizzando le armi possano spaventare un’intera comunità. La comunità questa volta ha reagito, non è la prima volta che accade. Per fortuna non è l'unico quartiere. Le indagini della Procura, delle forze dell’ordine, ci dicono che anche in altri quartieri le persone cominciano a reagire». Lo ha dichiarato il sindaco di Bari, Antonio Decaro, durante la 'passeggiata antiracket' nel rione Carrassi.
«C'è un humus - ha proseguito - all’interno del quale la criminalità organizzata cresce. Dobbiamo eliminare quell'humus dalla nostra città, quella zona grigia. Esistono i buoni e i cattivi. Non esiste una fascia intermedia, la terra di mezzo. La terra di mezzo, in questa città, va eliminata. Si tira una linea, da un lato ci sono quelli buoni e dall’altro i cattivi». Poi, rivolto a una coppia di commercianti che ha avuto il coraggio di denunciare d’essere vittime del pizzo, ha detto: "Volevamo ringraziarvi perché da questo momento la città ha dimostrato di fare uno scatto in avanti. Questa città ha avuto uno scatto di reni. E non è più solo una questione legata all’ottimo lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura. Credo che questa volta sia anche una questione della città, della comunità. Credo che i cittadini abbiano avuto davvero uno scatto d’orgoglio».
«Da questo momento - ha concluso Decaro - da quello che è successo in questi giorni, credo che in questo quartiere possa partire la riscossa da parte della città e della nostra comunità. Per tanto tempo siamo stati, forse, nascosti, abbiamo avuto paura. Continuiamo ad avere paura, ma è giusto reagire e sapere che ci sono persone, forze dell’ordine, magistratura, che lavorano tutti nella stessa direzione».
«Il senso di questa giornata è far conoscere a tutti ciò che è accaduto in questa strada e in questo quartiere di Bari: uno spartiacque storico, un fatto inedito, con alcuni commercianti che hanno denunciato collettivamente, attraverso l’associazione antiracket, di essere vittime di estorsioni consentendo indagini e arresti». Lo ha dichiarato il presidente della Fondazione antiracket, Tano Grasso, nel corso della passeggiata alla quale ha partecipato in onore dei commercianti del rione Carrassi che hanno denunciato di essere vittime del pizzo consentendo l’arresto dei responsabili.
«Questa è la prova - ha proseguito - che quando la denuncia è collettiva mette al riparo chi si espone. Questo di oggi è un atto di incoraggiamento per chi ha denunciato e per chi non lo ha ancora fatto». «L'auspicio - ha concluso - è che questa strada sia un modello per il resto della città, un modello di funzionamento tra commercianti, associazioni e le forze dell’ordine. Chiaramente sappiamo che il fenomeno esiste anche in altre aree della città di Bari. Questa non è solo una passeggiata di sensibilizzazione, ma c'è di più: il riconoscimento per chi ha denunciato e l’incoraggiamento a chi deve ancora farlo».

Il ministro Bubbico è stato poi ospite nella sede della Gazzetta dove è stato intervistato dal nostro direttore, Giuseppe De Tomaso, della capocronista Carmela Formicola e dei colleghi Giovanni Longo e Gianluigi De Vito. Ecco uno stralcio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400