Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 08:12

NEWS DALLA SEZIONE

La nomina
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

 
Il vicepremier
Migranti, Salvini annuncia chisura del Cara di Borgo Mezzanone

Migranti, vicepremier: chiuderà Cara Borgo Mezzanone a Foggia

 
Il leader della lega in città

Salvini a Bari, in visita alla villa sequestrata alla mafia La diretta

 
A Gallipoli
Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
Le dichiarazioni
Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
L'emergenza
Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Accoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

arte e cultura

E' un foggiano doc
il nuovo direttore
di Castel del Monte

«Vorrei un museo che cambi la sua impostazione ottocentesca ponendosi non più al servizio di una élite, ma di una intera comunità», spiega Alfredo de Biase

Alfredo de Biase direttore museo Castel del Monte

Alfredo de Biase

Alfredo de Biase, 53 anni, un foggiano doc, dopo 15 anni alla Soprintendenza di Foggia è stato promosso alla direzione generale del Museo Archeologico di Palazzo Sinisi a Canosa e di Castel del Monte ad Andria: fiore all’occhiello della Puglia, il castello federiciano è tra i 49 siti italiani che l’Unesco ha inserito, nel 1996, nel World Heritage List ed è nella Top 30 dei musei italiani più visitati.
Docente a Brera presso l’Accademia di Belle Arti di Milano poi, dopo aver vinto il concorso nel Mibact, Alfredo de Biase ha lavorato come architetto nella soprintendenza ai beni artistici di Ravenna e sino ad un mese fa era direttore della Soprintendenza delle Belle Arti e del Paesaggio per i territori di Foggia, BAT e Bari.

«Dell’esperienza foggiana, intensa e ovviamente maggiormente partecipata perché sono del posto - spiega -, ricordo in particolare gli interventi a tutela del paesaggio, perché la Capitanata è un’area straordinaria dal punto di vista paesaggistico, ma ha subito anche interventi invasivi. Penso alle pale eoliche sui monti dauni o al cemento che ha deturpato alcune aree del meraviglioso promontorio del Gargano. Essere riusciti non solo a limitare i danni ma a fare opera di prevenzione è per me motivo di orgoglio professionale. È stato un lavoro estenuante, ma alla fine gratificante».

Dalla soprintendenza al polo museale della Puglia con la direzione di due siti di straordinaria importanza. Con quale obiettivo?
«Vorrei un museo che cambi la sua impostazione ottocentesca ponendosi non più al servizio di una élite, ma di una intera comunità. Parafrasando Papa Francesco, il museo dev’essere “…una realtà vitale che sappia custodire il passato per raccontarlo agli uomini di oggi, a cominciare dai più umili, e disporsi così, con fiducia al presente ed anche al futuro. L’arte ha in sé una dimensione salvifica e deve aprirsi a tutti…”. Da questo punto di vista ho registrato grande interesse per un meccanismo nuovo e per questa nuova concezione che ho di museo, ma non basta. Sarà mio obiettivo aprire quanto più possibile il museo al pubblico poiché solo i visitatori, i cittadini possono essere i maggiori tutori e fruitori del proprio patrimonio culturale».
De Biase è alla guida del sito più visitato della Puglia, Castel del Monte, bene dell’Unesco e indicato dal ministro Franceschini come esempio di gestione di un museo aperto.
«Fa piacere, non ci sono dubbi avere questi apprezzamenti, penso che con la mia nomina si completi un disegno federiciano, visto che ad un reggente foggiano, Riccardo di Montefuscolo, fu dato incarico di completare quel meraviglioso castello», scherza de Biase.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400