Sabato 30 Maggio 2020 | 10:18

NEWS DALLA SEZIONE

il colpo
Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

 
Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 
Tragedia sfiorata
Bari, maxi rissa al Libertà finita a coltelate: 21 denunciati dalla Polizia

Bari, maxi rissa al Libertà finita a coltellate: 21 denunciati dalla Polizia

 
operazione «Brothers»
Taranto, un circolo ricreativo trasformato in market della droga ai Tamburi: 6 arresti

Taranto, circolo ricreativo trasformato in market della droga ai Tamburi: 6 arresti

 
L'annuncio
Melfi, Fca conferma investimenti per l'ibrido di Compass e Renegade

Melfi, Fca conferma investimenti per l'ibrido di Compass e Renegade

 
Maltempo
Bari, temporali in arrivo nel week-end: scatta l'allerta meteo in provincia

Bari, temporali in arrivo nel week-end: scatta l'allerta meteo in provincia

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, numero positivi sceso a 46.175: 87 i morti

Coronavirus in Italia, numero positivi sceso a 46.175: 87 i morti

 
Banche
PopBari, Riesame conferma sequestro beni a Jacobini. E il 4 via al processo

PopBari, Riesame conferma sequestro beni a Jacobini. E il 4 via al processo

 
L'idea
Acquedotto pugliese: più acqua dove serve, al via progetto da 75 mln

Acquedotto pugliese: più acqua dove serve, al via progetto da 75 mln

 
a Taurisano
Grandine come neve nel basso Salento: strade ricoperte di ghiaccio

Grandine come neve nel basso Salento: strade ricoperte di ghiaccio VIDEO

 
Le indicazioni
Bari, accesso alla farmacia dell'Asl: come evitare code e assembramenti

Bari, accesso alla farmacia dell'Asl: come evitare code e assembramenti

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiail colpo
Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

Foggia, assalto al bancomat: lo fanno esplodere con una «marmotta» e fuggono con i soldi

 
LecceParenti serpenti
Lecce, lite sull'eredità, 70enne fericse due cognati a colpi di forbici

Lecce, lite sull'eredità, 70enne ferisce 2 cognati a colpi di forbici

 
GdM.TVOggi la festa
Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia  omaggia il Santo Patrono

Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia omaggia il Santo Patrono

 
BariTragedia sfiorata
Bari, maxi rissa al Libertà finita a coltelate: 21 denunciati dalla Polizia

Bari, maxi rissa al Libertà finita a coltellate: 21 denunciati dalla Polizia

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 
MateraLa decisione
Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

 
TarantoIl caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
BatLa decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 

i più letti

L'arrivo della Vlora nel '91 «Il mio Enrico, il sindaco  che disse no al lager»

BARI - Vent’anni fa, quando arrivò la «Vlora» al porto di Bari con il suo carico di 15mila disperati, l’unico ad opporsi all’idea dello stadio-lager fu l’allora sindaco di Bari Enrico Dalfino. per questo, il presidente della repubblica Cossiga lo etichettò di un bel «cretino». La moglie del primo cittadino, scomparso nel 1994, ricorda quei giorni difficili e l’incontro con Cossiga un anno dopo dell'uomo che tornava a casa quasi ogni giorno con le tasche piene di bollette da pagare. Gliele portavano al Comune, nella sua stanza di sindaco, che era sempre aperta a tutti, i tanti baresi che non riuscivano a pagarle
• Vent'anni fa il Vlora. Una mostra a Bari
L'arrivo della Vlora nel '91 «Il mio Enrico, il sindaco  che disse no al lager»
Maria Grazia Rongo

BARI - Tornava a casa quasi ogni giorno con le tasche piene di bollette da pagare. Gliele portavano al Comune, nella sua stanza di sindaco, che era sempre aperta a tutti, i tanti baresi che non riuscivano a pagarle. Questo era Enrico Dalfino, illustre docente di Diritto Amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bari, democristiano, sindaco di Bari dall’agosto del 1990 a dicembre 1991. Quel sindaco che si trovò, da solo, ad affrontare la storia che avrebbe cambiato l’identità di una città e di una regione. La mattina dell’8 agosto del 1991, Enrico Dalfino fu svegliato poco dopo l’alba, intorno alle 6, da una telefonata della capitaneria di porto che aveva appena avvistato una nave a largo di Bari: si chiamava «Vlora», con il suo carico di quindicimila vite disperate in fuga dall’Albania.

A raccontare quei giorni di vent’anni fa è la compagna di una vita intera di Enrico Dalfino, sua moglie Anna, pianista, impegnata quotidianamente nella cura dei cani randagi. Insieme da quando lei aveva 14 anni e lui 16 e mezzo, si sono sposati nel 1963, hanno avuto due figli, Giuseppe e Lidia, e sono rimasti accanto fino all’ultimo giorno di vita di Enrico, scomparso il 24 agosto del 1994 per un male incurabile.

Signora Dalfino, quale fu la prima reazione di suo marito alla notizia dello sbarco?

«Andò subito al porto, prima ancora che la Vlora sbarcasse. A Bari non c’era nessuno del mondo istituzionale, erano tutti in vacanza, il prefetto, il comandante della polizia municipale, persino il vescovo era fuori. Quando uscì di casa però non immaginava quello a cui stava andando incontro. Dopo qualche ora mi telefonò dicendomi che c’era una marea di disperati, assetati, disidratati, e aveva una voce così commossa che non riusciva a terminare le frasi. Non dimenticherò mai l’espressione che aveva quando tornò a casa, alle 3 del mattino dopo. “Sono persone” - ripeteva - “persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro ultima speranza”».

Così però non la pensavano il governo e soprattutto l’allora presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, che etichettò il sindaco di Bari come “cretino” e pretese delle scuse proprio per il suo comportamento umanitario.

«Mio marito non accettava che lo stadio della Vittoria, dove furono stipati gli uomini albanesi (perché per fortuna le donne e i bambini lui era riuscito a sistemarli in centri di accoglienza), fosse trasformato in un lager. Le parole di Cossiga lo ferirono profondamente. Eravamo insieme quando le sentì per la prima volta al tg. Diventò paonazzo e gli si gonfiò la vena che aveva sulla tempia, ma non polemizzò, non era nel suo stile. Proprio dalle pagine della “Gazzetta” decise di rispondere a Cossiga. “Quando saprò di cosa devo chiedere scusa, se questo mio comportamento sarà riprovevole sul piano etico e sul piano giuridico, certamente chiederò scusa” - disse».

Nell’estate del ’92 voi andaste a Pian di Cansiglio, nella residenza estiva di Cossiga, perché il sindaco e il presidente dovevano incontrarsi. Cosa accadde lì?

«Fu una scelta di Enrico che io non condivisi. Io e i ragazzi rimanemmo ad aspettare in giardino e dopo un’ora circa li vedemmo venirci incontro sottobraccio. Quando furono vicini io non mi alzai, come l’etichetta impone quando si è al cospetto di un capo di Stato, e il mio sguardo era piuttosto eloquente. Cossiga capì che io non avevo ancora mandato giù - e non lo farò mai - il suo comportamento nei confronti di Enrico, e mi disse: “Mi spiace, ma è stato un fatto di Stato”».

La ragione di Stato che non piegò il sindaco Dalfino ma che lo segnò profondamente e decretò la fine della sua vita politica.

«Enrico Dalfino era un politico scomodo, perché leale. Era troppo onesto quindi pericoloso per l’establishment politico, ma non per la gente comune. Io conservo ancora più di quattromila telegrammi arrivati in quei giorni del ’91 da tantissimi italiani che ringraziavano il sindaco di Bari per l’umanità dimostrata, per aver fatto dell’Italia la terra dell’accoglienza. Per lui, al primo posto, in ogni circostanza, c’era la dignità delle persone, e di ogni cosa lui voleva “conoscere”, era questa la sua forza. Tutto il clamore suscitato dalla vicenda dell’arrivo degli albanesi a Bari fu la scusa che i suoi stessi alleati usarono per farlo fuori, così lui fu costretto a dimettersi da sindaco e non riuscì a diventare senatore per una manciata di voti. Fu allora che cominciò a stare male, anche se non lo dava a vedere, perché lui era così: venivano prima gli altri, e poi se stesso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie