Lunedì 25 Marzo 2019 | 22:46

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

 
Inquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
La protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
L'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
In Puglia e Basilicata
Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

 
Il caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
Gli arresti
Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

 
L'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
Vandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
Lotta all'inquinamento
Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

 
La storia
Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale Ragone

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

L'Intervento

Caso Moro, un mese prima di via Fani
un documento anticipava rapimento

Caso Moro, un mese prima di via Faniun documento anticipava rapimento

Gero Grassi *


I documenti ci sono da sempre ma o non sono stati capiti, oppure sono stati accantonati perché capiti troppo bene da parte di Governo, Magistratura, Servizi e Commissioni precedenti. In base alla ragione di Stato.
L’attuale Commissione Moro ed il presidente Giuseppe Fioroni invece li hanno letti, riletti ed attenzionati ora, con opportune indagini e ricostruzioni.


Quale è la vicenda? Il documento originale, sotto riprodotto fedelmente, il 18 febbraio 1978, parte da Beirut, presumibilmente dal Colonnello Stefano Giovannone. Dice notizia riservatissima.


È forse la prima notizia del rapimento di Aldo Moro perché i terroristi, di cui parla il documento, sono le Brigate Rosse e la Banda Baider Meinhof tedesca.


La “fonte 2000” cita Habbash e parla di operazione terroristica di notevole portata che salvaguarderebbe impegni finalizzati ad escludere il nostro Paese da piani terroristici (Lodo Moro).


Attenzione: nella chiusura del documento si dice di «non diramare la notizia ai Servizi collegati all’OLP» e questa è affermazione straordinariamente importante perché conferma grandi rapporti tra parte dei nostri Servizi e l’Organizzazione per la liberazione della Palestina.


Lasciamo il documento al lettore e, per ora, alla sua fantasia.


Aggiungiamo che, in una delle lettere scritte dal carcere delle BR, Moro cita il colonnello Giovannone, deceduto anni dopo improvvisamente. Così come misteriosamente è “suicidato”, anni dopo, il capitano dei carabinieri Mario Ferrario, altro protagonista di questa storia. Analogamente sospetta è la scomparsa, nell’agosto 1980, a Beirut di due giovani giornalisti italiani, mai più ritrovati: Graziella De Palo ed Italo Toni che avevano denunciato la copertura, da parte dei nostri Servizi Segreti, della internazionale e clandestina vendita di armi italiana.


Il Maresciallo Oreste Leonardi, capo scorta di Moro, a fine febbraio 1978, è fortemente preoccupato e ai suoi superiori evidenzia necessità di maggiore protezione.


Moro certamente ha saputo di questo documento e il 15 marzo 1978, giorno prima dell’eccidio di via Fani, chiama il Capo della Polizia, non certo per aumentare la scorta al suo studio, come invece sostengono dopo lo stesso Capo della Polizia e i suoi collaboratori Sereno Freato e Nicola Rana. Chiama perché sa ed ha paura.


A questo punto va citato, perché potrebbe avere grande connessione, il documento che il 2 marzo 1978, secondo G71, al secolo il gladiatore Antonino Arconte, parte dal Ministero della Difesa, a firma dell’Ammiraglio Remo Malusardi, Capo della X Divisione SB (Gladio), con il quale si invita il Colonnello Giovannone (G219), Capo dei nostri Servizi Segreti in Medio Oriente, a “prendere contatti immediati con i Gruppi del terrorismo mediorientale al fine di ottenere informazioni e collaborazioni per la liberazione di Aldo Moro”. 14 giorni prima del rapimento.


Io non so se la connessione tra i due documenti è certa.


Le indagini verificheranno cosa lo Stato italiano ha fatto per rispondere al documento proveniente da Beirut.


So che la perizia “Gabella” dice vero il documento Arconte, così come so che a questo documento nessuna presta grande attenzione e fede.


Non so se Arconte dice il vero, ma è verosimile che Arconte abbia intercettato una notizia successiva al documento Habbash.
So per certo che le armi ai palestinesi le vendevano gli italiani e che i palestinesi le hanno date anche alle Brigate Rosse.
So infine che sulla porta di casa, quella mattina del 16 marzo 1978, negli occhi di Aldo Moro, mentre Maria Fida gli impediva di portare insieme il figlio Luca, di due anni e mezzo, c’era la consapevolezza che qualcosa di grave stava per succedere ed il Maresciallo Leonardi, nella telefonata alla moglie di qualche minuto prima, aveva lanciato strani e preoccupanti segnali di immediato pericolo.


* Vicepresidente Gruppo Pd
Camera dei Deputati

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400