Venerdì 18 Gennaio 2019 | 11:11

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il furto nel Foggiano
Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

 
Serie B1 pallavolo
La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

 
Probabile formazione
Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

 
Operazione dei Carabinieri
Droga, operazione dei carabinieri a Barletta: arresti

Traffico di droga, blitz a Barletta: arresti contro clan Cannito-Lattanzio

 
Si chiama Francesco Tomaiuolo
Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

 
La cerimonia
Matera 2019, domani l'inaugurazioneEcco tutto il programma

Matera 2019, il grande giorno: domani l'inaugurazione, ecco tutto il programma

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Il salvataggio
Bari, le sparano e diventa cieca: la cagnolina viene chiamata «Carabina»

Bari, le sparano e diventa cieca: la cagnolina viene chiamata «Carabina»

 

Bari, tre trapianti di fegato
al Policlinico in una settimana

operazione, intervento chirurgico

Il prof. Gino Lupo

BARI - Un altro trapianto di fegato (il numero 310) al Policlinico di Bari, il secondo in 24 ore, il terzo nel giro di una settimana. L'ultimo è stato eseguito nella giornata di oggi dall'equipe del prof. Gino Lupo del Centro Trapianti del Policlinico di Bari. In questo caso l'intervento, durato «appena» tre ore e che ha coinvolto diversi specialisti tra cui gli anestesisti e gli epatologi della Gastroenterologia dello stesso ospedale, ha interessato una donna di Bari di 62 anni che da diversi mesi era in lista d'attesa per questo intervento considerato «salva vita». Anche gli altri due pazienti trapianti nei giorni scorsi sono due donne pugliesi.

«Questi dati - sottolinea il prof. Lupo - se da una parte dimostrano come nella nostra regione sta crescendo notevolmente l'attività trapiantologica di reni e di fegato come conseguenza naturale delle donazioni di organi, grazie anche alla sensibilità dei pugliesi, dall'altra dimostra come la complessa macchina organizzativa dei trapianti affidata al Coordinamento regionale dei Trapianti diretto dal prof. Loreto Gesualdo, funziona». 

Quello dei trapianti di organo infatti richiede una organizzazione complessa che oltre a coinvolgere equipe di medici delle diverse branche specialistiche (Gastroenterologi, chirurghi, anestesisti etc), ha bisogno della fattiva collaborazione delle strutture sanitarie coinvolte, a partire dall'ospedale nel quale avviene l'espianto destinato alla donazione. Negli ultimi casi, infatti sono stati interessati gli ospedali di Foggia, Acquaviva, Andria, Lecce, Taranto.

«Un coinvolgimento delle strutture della Sanità Pugliese che dimostra la maturità e la grande preparazione medico-scientifica della nostra regione per quello che viene considerato uno dei più difficili interventi chirurgici della medicina».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400