Venerdì 18 Giugno 2021 | 16:38

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

 
Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
Il bollettino regionale
Coronavirus, oggi in Puglia 106 casi positivi e 4 morti

Coronavirus, oggi in Puglia 106 casi positivi e 4 morti

 
l'emergenza
Contagi in aumento nel Barese, effetto zona bianca

Contagi in aumento nel Barese, effetto zona bianca

 
formazione
I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

 
La storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 
la ripartenza
«L’economia pugliese e lucana sta rifiorendo dopo la pandemia»

«L’economia pugliese e lucana sta rifiorendo dopo la pandemia»

 
L'arresto
Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

 
Politica &tangenti
Foggia, Iaccarino l'8 luglio davanti ai giudici

Foggia, Iaccarino l'8 luglio davanti ai giudici

 
la situazione
Covid: altri 26 casi di variante indiana in Puglia

Covid: altri 26 casi di variante indiana in Puglia

 
Il fatto
Bitonto, sequestro ad imprenditore che imponeva a ditte edili lavori in subappalto

Lavori in subappalto ad imprese edili,  sequestro di beni ad imprenditore bitontino

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl Bollettino
Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

 
LecceLa tragedia
Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
BatLa curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
MateraIl caso
Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

 
FoggiaLa storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 
Brindisinel brindisino
Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

Giustizia svenduta

Amara, un amico in Paradiso: trovati 2 milioni sul conto del poliziotto arrestato

L'avvocato pochi giorni fa era andato in tv a raccontare della loggia segreta di cui avrebbe fatto parte

Amara, un amico in Paradiso: trovati 2 milioni sul conto del poliziotto arrestato

La pista dei soldi è spesso quella più eloquente. E certo colpisce che Filippo Paradiso, un semplice sovrintendente della Polizia di Stato, risulti «gestore di una polizza di gestione patrimoniale di oltre 2 milioni di euro incompatibile con il suo profilo reddituale». Non basta spacciarsi per viceprefetto, come aveva raccontato ai pm di Potenza un colonnello dell’Arma, per mettere insieme una somma del genere. E infatti le indagini che martedì li hanno fatti finire entrambi in una cella hanno accertato che Paradiso «agiva in nome e per conto di Piero Amara con cui viveva in simbiosi anche affaristica»: l’avvocato siciliano gli aveva assunto la moglie, e in cambio di «relazioni e rapporti fondamentali per il raggiungimento dei suoi obiettivi» come era la nomina di Carlo Capristo a Procuratore di Taranto, gli garantiva «consistenti somme di denaro».

Chi indaga considera Paradiso, 55 anni, nato a Matera ma residente a Modugno, il perno del sistema che per soddisfare gli obiettivi del gruppo di potere non ha esitato a manomettere un pezzo dell’indagine sull’ex Ilva. Se Amara, tramite il suo «relation man» Paradiso, si era mosso per sponsorizzare Capristo a procuratore di Taranto con pezzi della politica e dell’imprenditoria, lo aveva fatto - ha scritto il gip Antonello Amodeo - «non per amicizia o cameratismo ma per interessi economici specifici»: Amara pagava Paradiso, Capristo interveniva sull’Ilva per Amara, l’Ilva pagava Amara per i due incarichi ottenuti grazie al commercialista Nicola Nicoletti, consulente dei commissari Ilva «che lo aveva seriamente sponsorizzato». Un tipo di corruzione che non è fatto di mazzette ma di consulenze, di scambi di favori, di reciproci riconoscimenti.

Ne è un esempio quanto accaduto con l’indagine Ilva. Quando - dice la Procura di Potenza - era necessario far dissequestrare l’Afo4 dopo l’incidente che ha causato la morte dell’operaio Giacomo Campo, è Amara a fornire a Capristo il nome del consulente tecnico cui affidare la perizia: un ingegnere che «partiva da Torino la domenica stessa, 18 settembre 2016, giungendo a Taranto con volo aereo pagato da Amara tramite suo prestanome, in serata riceveva l’incarico ex 360 cpp, il lunedì mattina svolgeva e concludeva il sopralluogo, a seguito del quale l’Afo 4 veniva dissequestrato».

Amara e Paradiso oggi saranno sentiti dal gip: il primo nel carcere di Potenza, il secondo in videoconferenza dal penitenziario militare di Santa Maria Capua Vetere. L’accusa nei loro confronti è concorso in corruzione in atti giudiziari insieme a Capristo (obbligo di dimora a Bari), Nicoletti e all’avvocato molfettese Giacomo Ragno (domiciliari): secondo il legale dell’avvocato siciliano, Salvino Mondello, «l’ipotesi di reato appare travisata in fatto ed erronea in diritto». I due sono coinvolti insieme a Roma in una strana indagine per traffico di influenze in cui si parla di soldi a gente dei Servizi. Eppure fino a poche settimane fa il poliziotto barese ha lavorato nella segreteria del sottosegretario all’Interno, Carlo Sibilia, l’ultima di quelle in cui è stato ininterrottamente dal 2004. Nel 1996 Paradiso è stato condannato a 23 anni di carcere per un omicidio commesso durante una rapina che l’allora poliziotto avrebbe fatto nel 1987 a Reggio Calabria con un collega, condanna cancellata in appello nel 2002: da allora non è più tornato al servizio attivo, ma è stato chiamato nello staff ministeriale del Berlusconi bis ed ha collaborato con vari ministeri di 11 governi consecutivi. Un uomo di relazioni che garantiva tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie