Domenica 11 Aprile 2021 | 19:52

NEWS DALLA SEZIONE

il bollettino
Coronavirus, in Italia oltre 15mila casi su 253mila tamponi (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

Covid, in Italia 15mila casi su 253mila test (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

 
Politica
Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1359 nuovi casi su 10mila test. 15 decessi, nuovo aumento ricoveri. Da inizio pandemia 2 milioni di tamponi

Coronavirus, in Puglia 1359 casi su 10mila test. 15 decessi, su i ricoveri. Vaccinate oltre 762mila persone

 
Le linee guida
Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

 
Sanità
Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

 
Industria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
Lecce
Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

 
L'intervista
Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

 
Nel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
La circolare
Coronavirus Puglia, da domani vaccino agli over 60 senza prenotazione

Covid Puglia, da domani vaccino a over 60 senza prenotazione Le linee guida: ecco come funzionerà

 
Polizia Locale
Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

 

Il Biancorosso

Il punto
Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIndustria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
BrindisiNel Brindisino
Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

 
TarantoNel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
BariPolizia Locale
Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

 
HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

Lotta al virus

Covid Puglia, il mistero dei «caregiver»: vaccinate intere famiglie

Centri aperti anche sabato e domenica prossimi: impossibile verificare chi davvero assiste un disabile

Covid Puglia, il mistero dei «caregiver»: vaccinate intere famiglie

L’apertura straordinaria degli ambulatori vaccinali pugliesi a Pasqua e Pasquetta ha consentito di somministrare circa 13mila dosi ai cosiddetti «caregiver» (badanti). Sono le persone che si prendono cura di un malato grave o di un disabile, e i familiari, conviventi, tutori e affidatari di disabili gravi minori di 16 anni. Un’iniziativa che la Regione considera un successo, tanto da riproporla anche per sabato e domenica con la stessa formula: niente prenotazione, ci si presenta con i documenti necessari e si ottiene la dose di AstraZeneca.
Nei giorni festivi di Pasqua sono stati attivati 37 punti di somministrazione, numero che nel prossimo weekend potrebbe anche crescere perché c’è la disponibilità delle fiale necessarie. Le code all’esterno dei centri, spiegano dal dipartimento Salute della Regione, non sono un sintomo di disorganizzazione ma anzi testimoniano il gradimento per la scelta, tanto che parecchie persone si sono presentate nei centri anche nei giorni successivi.


Per ottenere la vaccinazione come caregiver è sufficiente presentare una certificazione da cui emerge l’esistenza di una disabilità grave (cioè secondo l’articolo 3, comma 3, della legge 104) e dichiararsi «caregiver» di quella persona. Un figlio per un padre, ad esempio. Ma anche (per quanto la circolare della Regione utilizzi il termine al singolare) i figli per un padre. Non esiste nessuna possibilità di sottoporre a controllo questo tipo di dichiarazione e, d’altro canto, spiegano fonti dell’assessorato alla Salute, l’indicazione data alle Asl è di non fare discriminazione. Se un disabile grave vive con mamma e sorella, hanno entrambi diritto alla vaccinazione (se il disabile ha meno di 16 anni, non esistendo ancora vaccini autorizzati per i ragazzi la somministrazione copre solo i parenti). Ma è lo stesso anche se il «caregiver» non vive con il disabile grave? In teoria sì, e nei fatti - questo è accaduto nei centri vaccinali lo scorso fine settimana - anche in pratica: mamma anziana disabile (magari di norma affidata alla badante, che è a sua volta convivente del disabile ed ha dunque diritto al vaccino) ha consentito di vaccinare i due figli che usufruiscono entrambi della legge 104 e persino il nipote studente universitario che ha dichiarato di dormire a casa della nonna. Tutto grazie ad una semplice autodichiarazione.

Secondo la Regione va bene così. La logica applicata in questo caso è «purché si vaccini», visto che al momento esiste la disponibilità delle dosi, anche perché si tratta pur sempre di tutelare le persone più fragili. Anche se questo meccanismo a maglie larghe potrebbe consentire a qualcuno di utilizzare una scorciatoia per ottenere l’agognato vaccino.
Nell’ultima circolare vaccinale (quella di martedì) la Regione ha imposto alle Asl di organizzare in settimana sedute dedicate per la somministrazione contestuale del vaccino al caregiver/convivente insieme ai disabili gravi, sia nei centri vaccinali, sia nelle sedi messe a disposizione dai Comuni, sia a domicilio. L’indicazione è di non fare attendere nessuno, soprattutto tra le persone più fragili, e di procedere contestualmente (per i disabili ultraottantenni con il Pfizer nei centri vaccinali e con il Moderna a domicilio). Esiste però anche un problema di scetticismo: nello scorso fine settimana non pochi caregiver hanno rinunciato alla somministrazione quando hanno saputo che sarebbe stato utilizzato il vaccino AstraZeneca di cui, a ieri sera, la Puglia aveva quasi 130mila dosi nei frigoriferi a fronte di 110mila Pfizer e 43mila Moderna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie