Venerdì 18 Settembre 2020 | 12:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il fatto
Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

 
mercato
Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

Lecce, i nuovi Paganini e Listowski si presentano

 
territorio
Xylella, appello regione Puglia: «Associazioni ci aiutino in espianti»

Xylella, appello regione Puglia: «Associazioni ci aiutino in espianti»

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata oggi nessun nuovo caso: analizzati 483 tamponi

Coronavirus, in Basilicata oggi nessun nuovo caso: analizzati 483 tamponi

 
calcio
Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

Longo non ha dubbi: «Il Lecce sarà grande protagonista in Serie B»

 
regionali
Regionali Puglia, le regole anti-Covid al seggio: distanza, matite sanificate, mascherine

Puglia al voto, regole al seggio: distanza, matite sanificate, mascherine

 
contagi
Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

 
nel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
Il caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 
Originari del Napoletano
Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

Si fingevano carabinieri e avvocati e truffavano anziani nel Brindisino: 6 arresti

 
La decisione
Alta velocità Bari-Napoli: finanziamento record di 2 mld da Banca europea investimenti

Alta velocità Bari-Napoli: finanziamento record di 2 mld da Banca europea investimenti

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo in casa della Virtus Francavilla»

Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo»
Marras: «Obiettivo promozione»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baril'operazione
Coronavirus, poco rispetto delle norme: a Bari polizia setaccia la movida, sanzioni

Coronavirus, poco rispetto delle norme: a Bari polizia setaccia la movida, sanzioni

 
LecceIl fatto
Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

 
Materanel Materano
Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

 
BatIl caso
Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

 
TarantoAmbiente
Taranto, impianti dell’Amiu. Regione in campo

Taranto, impianti dell’Amiu: regione in campo

 
BrindisiL'evento
Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

 
Foggianel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
PotenzaIl caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 

i più letti

Il caso

Puglia, allarme Rsa «Nessun dialogo con la Regione». Rischio chiusura?

L’emergenza pesa anche sui centri diurni: da settimane si attende un incontro con Emiliano

Bari, le Rsa in Puglia a rischio chiusura

BARI  - Non si ferma la protesta dei gestori e dei lavoratori delle residenze sanitarie assistite e dei centri diurni pugliesi che attendono da settimane un incontro con il presidente della Regione Michele Emiliano e con i dirigenti del settore Sanità.

In vista potrebbe esserci addirittura il rischio chiusura. «Abbiamo protocollato in Regione - dichiara in un intervento il presidente della Federazione medie e piccole imprese Alessandro Saracino - prosegue - la richiesta di un incontro da tenersi con urgenza il 4 agosto (domani, ndr), se il presidente non risponderà saremo costretti a indire il venerdì successivo, 7 agosto, una nuova manifestazione, alla quale aderirà anche l’Associazione generale cooperative italiane (Agci)». Secondo Saracino: «Residenze e centri» rischiano di «chiudere e non poter assistere gli utenti». L’atto d’accusa è duro nei toni: «La Regione continua a ignorare i problemi di decine di strutture e di circa 1000 lavoratori, un comportamento che sta trascinando le imprese del settore sociosanitario verso un inevitabile tracollo».

Le Rsa e i Centri diurni della Puglia (che hanno già di recente protestato consegnando simbolicamente le chiavi delle strutture sotto la Regione lo scorso 8 luglio) «sono oramai allo stremo - si legge in una nota stampa - stritolati tra la crisi economica Covid, che, tra l’altro, ha introdotto obblighi onerosi per le strutture non indennizzati dalla Regione, e i ritardi lungaggini e a volte inadempienze burocratiche e politiche.

Presto le strutture non saranno più disponibili a prestare assistenza alle condizioni economiche cui sono state costrette dalla Regione», avverte il presidente di Fmpi Puglia Saracino.

«La mancanza di riscontri da parte dell’Ente - sottolinea ancora Saracino - ha portato a uno stato di confusione e agitazione tutto il settore sociosanitario. Da un lato, infatti, i ritardi nell'attuazione dei regolamenti regionali 4 e 5 del 2019 con la mancata ricognizione delle strutture operanti e autorizzate e l'esclusione delle residenze socio-sanitarie che avevano presentato istanza di conversione in residenze sanitarie rende impossibile una seria rideterminazione delle tariffe, dall'altro i costi di gestione dell'emergenza Covid stanno ricadendo in modo drammatico sulle imprese, che così si vedono traghettate verso un inevitabile tracollo finanziario. Nello specifico, nella fase 1 la Regione non ha supportato le strutture sociosanitarie, nella fase due ha imposto nuovi requisiti organizzativi senza prevedere un adeguamento delle tariffe».

«La Regione - conclude Alessandro Saracino - ha inoltre cambiato “in corsa” quanto previsto per l'adeguamento ai nuovi requisiti, senza aver tuttavia modificato le relative tariffe. Ciò è ancora più rilevante se si considera che tali misure dovranno rimanere efficaci fino a che il virus non sarà debellato o fino a che la popolazione non sia vaccinata in massa. Eventi che, a essere ottimisti, non si verificheranno fino a metà del 2021. In assenza di un indispensabile adeguamento delle tariffe, le strutture rappresentate dalla Federazione medie e piccole imprese sarebbero costrette in tempi brevi alla sospensione delle attività con conseguente interruzione degli attuali rapporti lavorativi in essere e affidamento di tutti i loro lavoratori agli ammortizzatori sociali previsti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie