Lunedì 03 Agosto 2020 | 14:46

NEWS DALLA SEZIONE

l'allarme
Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

 
L'intervista rosa
Dallapé, tuffi di passione. Tokyo è il grande sogno

Francesca Dallapé, tuffi di passione. Tokyo è il grande sogno

 
calcio
La promessa solenne di Sticchi Damiani:«Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

Lecce, la promessa di Sticchi Damiani: «Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

 
orrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi, tra Bari, Lecce e Foggia, su 865 test

Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi, tra Bari, Lecce e Foggia, su 865 test

 
post-Covid
Ansia e panico, salute mentale a prova di virus

Ansia e panico, salute mentale a prova di Coronavirus: in aumento i disagi psicologici

 
Legge elettorale
Bari, doppia preferenza al via l'iter alla Camera

Doppia preferenza, parte oggi l'iter per l'approvazione

 
Ostaggi Selvaggi
Di Cagno Abbrescia: «Io ex sindaco in cerca d'acqua»

Di Cagno Abbrescia: «Io ex sindaco di Bari, ora in Aqp»

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata positiva una badante della Moldavia, asintomatica, su 277 test

Coronavirus, in Basilicata positiva una badante della Moldavia, asintomatica, su 277 test

 
nel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
Tarantoorrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
Brindisil'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 
BariFase 3
Un barese formerà i medici serbi

Un barese formerà i medici serbi per il trattamento del Coronavirus

 
Potenzala scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Leccenel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

i più letti

In aula

Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Disastro sfiorato altre 146 volte»

Esperti in materia di sicurezza nell'aula sull' incidente Andria-Corato del 2016

Trani, strage dei treni dal gup «stoccata» ai magistrati: assolta dirigente imputata

BARI - Per ben 146 volte prima del disastro ferroviario è accaduto il pasticcio dei convogli 'bis' che il 12 luglio 2016, giorno dello scontro fra treni che causò 23 morti e 51 feriti sulla tratta tra Andria e Corato, potrebbe aver causato confusione sui convogli effettivamente partiti e arrivati. I treni Ferrotramviaria sarebbero stati infatti rinominati aggiungendo al numero del convoglio la parola «bis" pur essendo partiti in anticipo rispetto al treno regolamentare dal quale avevano preso il numero e che avrebbe dovuto precederli. La stessa cosa è accaduta il 12 luglio 2016, quando uno dei due treni coinvolti nell’incidente portava il numero regolamentare, mentre il convoglio 'bis' con lo stesso numero, giungendo a destinazione in anticipo, potrebbe aver fatto pensare che anche il treno fermato dal disastro fosse invece già in stazione al sicuro.
Questo particolare, che potrebbe aver contributo a causare l'equivoco sui treni in corsa al momento dell’incidente, è stata evidenziata dai due consulenti tecnici della Procura di Trani, esperti in sicurezza ferroviaria, durante l’udienza del processo nei confronti di Ferrotramviaria e di 17 persone fisiche (dipendenti e dirigenti dell’azienda pugliese di trasporti e del Ministero delle Infrastrutture), accusate, a vario titolo, di disastro ferroviario, omicidio colposo, lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele e violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro.

In aula, eccezionalmente allestita nell’auditorium dell’oratorio Santa Annibale Maria di Francia ad Andria per l’emergenza Covid, i due consulenti hanno risposto alle domande della Procura, ricostruendo per la prima volta in modo analitico tutte le fasi dell’incidente ferroviario e l'intera catena di errori. Hanno fatto ascoltare le telefonate tra i capistazione e la Direzione centrale di coordinamento, evidenziando la confusione di quei minuti e le «falle di sistema» non legate soltanto a errori umani. «Se in tanti sbagliano - hanno spiegato in sintesi - vuol dire che c'è un fallimento organizzativo». Principale accusato è il sistema, definito ancora una volta "obsoleto», del blocco telefonico, risalente alla metà dell’Ottocento, e quindi il mancato adeguamento tecnologico della linea, oltre alla violazione dei regolamenti da parte del personale di terra e viaggiante per la modalità di tenuta dei registri. Nella prossima udienza dell’8 luglio i consulenti dovranno rispondere alle domande delle difese. Nel processo sono costituiti parte civile i familiari delle vittime, i Comuni di Andria, Corato e Ruvo di Puglia, diverse associazioni e la Regione Puglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie