Mercoledì 01 Aprile 2020 | 20:32

NEWS DALLA SEZIONE

In diretta
Italia chiusa fino a Pasquetta: la conferenza stampa di Conte

Italia chiusa fino a Pasquetta: la conferenza stampa di Conte

 
L'annuncio
Tirrenia, forse da stasera ripartono i traghetti

Tirrenia, forse da stasera ripartono i traghetti

 
Il bollettino Coronavirus
Coronavirus Puglia

Puglia, virus sull'altalena: altri 143 contagi, sfiorati 2mila casi. Crescono i guariti (57). 19 morti (11 nel Barese)

 
il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, 80.572 positivi in Italia, 2937 in più da ieri. Altri 727 decessi. Ancora in calo numero morti e ricoverati

Coronavirus in Italia, 80.572 positivi, + 2937. Altri 727 decessi. Cala numero morti e ricoverati

 
nel barese
Rogo ad Adelfia, gli studenti mandano videomessaggio al sindaco

Rogo ad Adelfia, gli studenti mandano videomessaggio al sindaco

 
raid
Foggia: bomba contro centro anziani, danni. Secondo attentato in tre mesi

Foggia: bomba contro Rsa. Secondo attentato in tre mesi
La gente dai balconi: «Basta mafia»

 
il nodo europeo
«Rischiamo più burocrazia: l’Italia riparta dalla libertà», la parola all'economista De Nicola

«Rischiamo più burocrazia: l’Italia riparta dalla libertà», la parola all'economista De Nicola

 
la testimonianza
Covid-19 e Rsa, la storia: «Mia madre in una struttura, vorrei riportarla a casa ma sono costretta a tenerla lì»

Covid-19 e Rsa, la storia: «Mia madre in una struttura, vorrei riportarla a casa ma sono costretta a tenerla lì»

 
L'annuncio della Regione
Coronavirus, Puglia «traccia» cellulari «esodati» dal Nord: monitorati gli spostamenti

Coronavirus, Puglia «traccia» cellulari «esodati» dal Nord: monitorati gli spostamenti

 
La tragedia nel Foggiano
Alberona, crollano due palazzine dopo esplosioni bombola gas: 6 estratti vivi

Alberona, crollano due palazzine dopo esplosione bombola gas: morta donna anziana, altri 6 estratti vivi

 

Il Biancorosso

l'annuncio
Comune Bari stanzia 3,6mln per manutenzione stadio San Nicola

Comune Bari stanzia 3,6mln per manutenzione stadio San Nicola

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaemergenza coronavirus
Scuola didattica a distanza: oltre un milione per la Basilicata

Scuola didattica a distanza: oltre un milione per la Basilicata

 
Bariemergenza coronavirus
Bari, alla Mater Dei mascherine «Andrà tutto bene» alle partorienti

Bari, alla Mater Dei mascherine «Andrà tutto bene» alle partorienti

 
Materasolidarietà
Matera, 5mila mascherine donate all'ospedale Madonna delle Grazie

Matera, 5mila mascherine donate all'ospedale Madonna delle Grazie

 
Tarantola segnalazione
Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

 
Foggiaraid
Foggia: bomba contro centro anziani, danni. Secondo attentato in tre mesi

Foggia: bomba contro Rsa. Secondo attentato in tre mesi
La gente dai balconi: «Basta mafia»

 
Batuniversità
Come cambia lo stile di vita al tempo del Covid-19? La risposta in una tesi di Laurea di un barlettano

Come cambia lo stile di vita al tempo del Covid-19? La risposta in una tesi di Laurea di un barlettano

 
Brindisia mesagne
Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

 
Leccel'operazione
Lecce, cc arrestano in flagrante giovane con marijuana e 395 euro in contanti

Lecce, cc arrestano in flagrante giovane con marijuana e 395 euro in contanti

 

i più letti

L'iniziativa

Tumori, screening senologico personalizzato: Lilt promuove il progetto Ue

Considerati quattro livelli di rischio per diverse tipologie di controlli, ravvicinati o biennali, a tutti i soggetti dopo i 40 anni

Tumori, screening senologico personalizzato: Lilt promuove il progetto Ue

Lo screening dei tumori del seno si aggiorna. Dopo 30 anni il controllo senologico di prevenzione diventa personalizzato. Le donne non sono tutte uguali. Il profilo genico individuale, la familiarità, le terapie ormonali, lo stile di vita e la conformazione del seno rendono ogni donna unica. Per questo l’attuale procedura appare inadeguata. Anzi, decisamente vecchia.

I modelli di screening hanno finora allineato le donne senza fare distinzioni. Scadenze uguali per tutte, esami uguali per tutte. Ma le differenze nella popolazione femminile sono enormi.

Il Progetto “MyPeBS” (My Personal Breast Screening), finanziato dalla Comunità Europea con 12,5 milioni di Euro, introduce la possibilità di definire con esattezza l’identikit personale del rischio, stabilendo quattro diversi percorsi di prevenzione e diagnosi precoce.

MyPeBS è nato sulla base dei risultati di otto grandi studi randomizzati e sta per arruolare 85 mila donne in Francia, Belgio, Regno Unito, Italia e Israele con un obiettivo preciso, quello di individuare il cancro al seno il più presto possibile. È una straordinaria occasione per migliorare i benefici dell’approccio tradizionale (grazie al quale peraltro la mortalità è stata già ridotta del 20%). Ma le Regioni italiane del centro-sud non hanno ancora raccolto l’invito. Anche la Puglia è fuori.

A scendere ufficialmente in campo ora è la LILT, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, che ha condiviso il razionale scientifico, gli obiettivi e il modello organizzativo dell’avanzato Progetto.

«Il nuovo screening proposto dall’Unione Europea - spiega il prof. Francesco Schittulli, Presidente nazionale della LILT - rappresenta la frontiera più avanzata per la prevenzione e diagnosi precoce dei tumori del seno, non solo perché integra tutte le tecniche di indagine più moderne, dalla mammografia con tomosintesi alla risonanza magnetica alle biopsie stereotassiche 3D, ma perché personalizza i percorsi diagnostici in base a quattro differenziati livelli di rischio.»

Lo studio metterà a confronto l’attuale strategia standard di screening mammografico con una strategia personalizzata, che esamina le donne con un alto rischio di cancro al seno con maggiore frequenza, e le donne con rischio più basso con minore frequenza.

Il primo step è un test salivare grazie al quale viene tracciato innanzitutto il profilo genico di ogni donna che aderisce allo screening MyPeBS. È l’esame che consente di individuare eventuali polimorfismi associati alla comparsa di neoplasie del seno. Successivamente tutte le informazioni sulla familiarità di malattia, sull’esposizione a ormoni e sulle caratteristiche radiologiche dell’organo, consentono una classificazione più esatta del rischio individuale e un più appropriato percorso diagnostico di prevenzione.

«In questi anni abbiamo dovuto constatare che, effettuando una mammografia ogni due anni a partire dai 50 anni, non raggiungiamo un risultato ottimale. Certo, con lo screening tradizionale la mortalità si è ridotta, ma non abbastanza. Non poche volte scopriamo tumori in fase già avanzata. Il nostro obiettivo è dunque spostare il traguardo, in modo da diagnosticare neoplasie iniziali, sempre più piccole. Così potremo ottenere guarigioni definitive, in percentuali sempre più alte, vicine al 100%.»

«Se arriviamo a scoprire un tumore di pochi millimetri - continua lo Specialista, che sin dagli anni ’80 si è impegnato nelle Campagne di prevenzione senologica a fianco al prof. Umberto Veronesi, - quel tumore ha un indice di malignità, di aggressività, molto basso. Abbiamo perciò bisogno di mettere in campo tutta l’innovazione tecnologica di cui disponiamo. A partire da quelle indagini rapide sul DNA, che ci permettono di individuare le donne più a rischio per indagarle con le apparecchiature più moderne: dall’ecografia con elastosonografia, alla tomosintesi, alla mammografia con mezzo di contrasto e alla risonanza magnetica (ancora troppo poco utilizzata).»

Nel 2020 un tumore al seno sarà diagnosticato a 53 mila donne italiane (3.200 in Puglia). Questo numero, sempre più elevato, non corrisponde però al totale della popolazione effettivamente ammalata. Molti casi sfuggono alle indagini e vengono diagnosticati con anni di ritardo, semplicemente perché il sistema di controllo biennale, che parte soltanto al compimento dei 50 anni, è troppo rigido e trascura colpevolmente molte donne ad alto rischio che hanno bisogno di controlli più ravvicinati, a partire da un decennio prima: dai 40 anni in poi.

«È con questa consapevolezza - dichiara il prof. Schittulli - che la LILT si è impegnata nel sostegno al Progetto Europeo MyPeBS. La popolazione femminile ha bisogno di uno screening personalizzato. Il vecchio sistema è inadeguato. Tutte le Regioni settentrionali, la Toscana e l’Emilia Romagna hanno subito aderito. Dispiace invece che il Sud non abbia risposto. Ora farò di tutto affinché anche la Puglia possa partecipare a questo studio. Naturalmente, come Responsabile della Breast Unit della Mater Dei Hospital cercherò di essere presente.»

Al vecchio screening ha aderito in fondo solo una minoranza di donne pugliesi, perché troppo burocratico, spersonalizzato e poco rassicurante, con i suoi controlli biennali riservati esclusivamente alla fascia tra i 50 e i 69 anni. L’invito spedito a casa dalle ASL pugliesi è stato sistematicamente ignorato, perché quasi sempre coincidente con i controlli volontari, ritenuti più sicuri e attenti alle esigenze personali.

Forse anche a causa di questo fallimento, nel Sud la mortalità oncologica è più alta rispetto alle Regioni settentrionali. La sopravvivenza media a cinque anni delle donne colpite da un tumore al seno in Italia è dell’87%. In Emilia Romagna si ottiene il risultato migliore (89%), con uno screening che inizia a 45 anni. In Puglia la sopravvivenza raggiunge appena l’85%. Ottocentosessantasei donne pugliesi sono decedute nel 2019 per un tumore al seno. Siamo certi che molte di loro non avrebbero potuto essere salvate?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie