Lunedì 17 Febbraio 2020 | 01:17

NEWS DALLA SEZIONE

Pallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
Incidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
Sanità
Altamura, la denuncia di Sasso (Lega): «la Regione scarica 300 bimbi disabili»

Altamura, la denuncia di Sasso (Lega): «la Regione scarica 300 bimbi disabili»

 
Il caso
Taranto, operaio dimenticato a 70 metri d'altezza: le sue urla hanno attirato i soccorsi

Taranto, operaio dimenticato a 70 metri d'altezza: le sue urla attirano i soccorsi

 
Banco Farmaceutico
Raccolta del farmaco cresce del 20% in Puglia: «Aiuteranno circa 33mila persone bisognose»

Raccolta del farmaco cresce del 20% in Puglia: «Aiuteranno circa 33mila persone bisognose»

 
I vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
il match
Bari - Picerno: la diretta della partita

Il Bari vince 3-0 contro il Picerno e ora è a meno sei dalla Reggina. Rivedi la diretta

 
Nel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
nel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
processo d'appello
Il furto al caveau in Svizzera fallì: 2 cerignolani e un foggiano condannati a 10 anni

Il furto al caveau in Svizzera fallì: 2 cerignolani e un foggiano condannati a 10 anni

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
BariL'iniziativa
A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

 
TarantoIncidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
PotenzaI vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
LecceNel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Foggianel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
MateraViolenza in casa
Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

 

i più letti

L'inchiesta

Regione, caso Avvocatura: segnalato a Procura altro legale per parcelle milionarie

Aperto un fascicolo in cui risultano indagate una decina di persone: in 10 anni sono stati spesi 23 milioni di euro

Regione puglia

BARI - La valanga di pignoramenti per l’indennità agricola compensativa non si è fermata. Nonostante l’avvio dell’inchiesta della Procura di Bari che conta già una decina di indagati, la Regione continua a ricevere decine o centinaia di atti che risalgono a sentenze di trent’anni fa. Piccole cifre che, moltiplicate migliaia di volte, hanno portato finora a pagare 23 milioni di euro di sole spese legali.

Ecco perché negli scorsi giorni, dopo la denuncia dello scorso anno che ha portato all’apertura del fascicolo affidato al procuratore aggiunto Roberto Rossi e al pm Francesco Bretone, l’avvocatura regionale guidata da Rossana Lanza ha presentato un nuovo esposto. Nel mirino sono infatti finiti alcuni episodi tutti riconducibili a uno stesso legale, uno dei professionisti che fu tra i primi - intorno a metà degli Anni ‘90 - a interessarsi alla questione dell’indennità compensativa. Si tratta di centinaia di pignoramenti presso terzi che il legale ha notificato a Intesa San Paolo, l’istituto tesoriere della Regione, innescando il procedimento amministrativo di regolarizzazione: quando arriva un atto esecutivo, la banca - su ordine del giudice - paga il creditore e chiede alla Regione di «rimettere a posto» i conti correnti.

La stranezza starebbe appunto nel fatto che - parliamo di una sorte capitale fatta di piccole cifre, qualche centinaio di euro che lievitano per effetto delle spese -, quando viene eseguito il pignoramento nei confronti della Regione il giudice di pace dichiara sempre l’«incapienza», consentendo al creditore di agire una seconda o anche una terza volta per recuperare il resto della somma. Una stranezza, perché i conti di cui parliamo hanno saldi a nove zeri. In questo modo negli ultimi due anni, con centinaia di atti tutti a firma dello stesso legale, sarebbero stati pagati centinaia di migliaia di euro.

L’indennità compensativa fu introdotta nel 1982 con una legge regionale che erogava a favore degli agricoltori «in zone svantaggiate» i fondi della allora Comunità Europea. Dal 1989 al 1993 il meccanismo si è inceppato per mancanza di risorse, e così migliaia di persone hanno fatto causa, tanto da indurre la Regione (nel 2000) ad approvare una legge di sanatoria. Ma non tutti hanno aderito, qualcuno ha preferito coltivare le cause partendo dalla prima sentenza con cui il pretore di Bari nel 1996 condannò la Regione a pagare il dovuto oltre le spese legali. Negli anni nessuno era in grado di tenere traccia nemmeno delle sentenze, con l’ente che spesso pagava due volte o pagava solo le spese e non la sorte capitale, consentendo agli avvocati di presentare un secondo decreto ingiuntivo e magari un terzo o un quarto, sempre partendo dalla stessa condanna.

La prima fase dell’inchiesta è sfociata, esattamente un anno fa, in un blitz della Finanza in alcuni studi legali. La Procura contesta a vario titolo le ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, falso ideologico e materiale, autoriciclaggio e corruzione in atti giudiziari. Al vertice dell’associazione - sempre secondo l’accusa - ci sarebbero gli avvocati Michele Primavera, 58 anni, di Bitonto, residente in Svizzera, e il collega Oronzo Panebianco, 48 anni, di Bari. In questi mesi la Procura di Bari ha fatto eseguire una serie di perizie sugli atti finiti nel mirino, nonché una serie consulenze giuridiche e contabili per smontare il meccanismo e analizzarne la legittimità e per tentare di intercettare il flusso dei milioni pagati agli avvocati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie