Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 18:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
Serie A
Lecce, ufficializzato l'acquisto di Riccardo Saponara

Lecce, ufficializzato l'acquisto di Riccardo Saponara

 
Politica
Vito Crimi e Luigi Di Maio

Governo, Di Maio si dimette da capo M5S, ipotesi di una reggenza a Crimi.
«I peggiori nemici al nostro interno»

 
La truffa
Bari, falsificarono fogli di presenza, indagati dipendenti Arif

Bari, falsificarono fogli di presenza, indagati dipendenti Arif

 
Violenza
Monopoli, badante georgiano picchia 90enne, arrestato

Monopoli, badante georgiano picchia 90enne, arrestato

 
L'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
Crisi editoria
Bari, proposto un «patto» per rilanciare l'informazione

Bari, proposto un «patto» per rilanciare l'informazione

 
Calcio serie A
Lecce, Lapadula: «Bene con l'Inter ma a Verona sarà battaglia»

Lecce, Lapadula: «Bene con l'Inter ma a Verona sarà battaglia»

 
Tragedia sfiorata
Taranto, ArcelorMittal, tre esplosioni in Acciaeria 2, nessun ferito

Taranto, ad ArcelorMittal tre esplosioni in Acciaeria 2: nessun ferito

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari in notturna al San Nicola contro la Sicula Leonzio.
Segui la diretta

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari in notturna al San Nicola contro la Sicula Leonzio.
Segui la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
GdM.TVDue uomini
Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonata a scaricare rifiuti: denunciati

Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonata a scaricare rifiuti: denunciati

 
BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
TarantoL'evento
Taranto, Giochi del Mediterraneo 2026, il sindaco incontra ministro Spadafora

Taranto, Giochi del Mediterraneo 2026, il sindaco incontra ministro Spadafora

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

Riunione a Bruxelles

Xylella, l'Ue cambierà le misure di emergenze: ridotta l'area di taglio

Le aree in cui esiste l’obbligo di monitoraggio del batterio e di eradicazione degli alberi malati sono troppo ampie, rendendo materialmente impossibile controllare e intervenire

Xylella, l'Ue cambierà le misure di emergenze: ridotta l'area di taglio

BARI - Le aree in cui esiste l’obbligo di monitoraggio del batterio e di eradicazione degli alberi malati sono troppo ampie, rendendo materialmente impossibile controllare e intervenire. Per questo, mercoledì, il Comitato fitosanitario permanente dell’Unione europea cambierà le regole per l’emergenza Xylella: verrà dimezzata l’ampiezza della zona di contenimento e di quella cuscinetto e verrà sensibilmente ridotta la distanza dalle piante infette entro cui bisogna tagliare tutto, ma soprattutto verranno eliminati quasi tutti i vincoli alla movimentazione dei prodotti locali che stanno mettendo in ginocchio i vivaisti del Salento.

Le modifiche alla Decisione di esecuzione 2015/789 derivano da un percorso di completa revisione delle misure fitosanitarie di emergenza, inserite in una bozza che mercoledì a Bruxelles sarà discussa da tutti gli Stati membri. Ma non è stata solo l’Italia (impegnata in prima linea con il ministero dell’Agricoltura) a chiedere un intervento di semplificazione: anche Francia, Spagna e Portogallo, alle prese con focolai di infezione, hanno evidenziato difficoltà nell’attuazione delle regole attuali.
A partire proprio dai meccanismi di eradicazione, che oggi impongono di tagliare tutte le piante nel raggio di 100 metri da ogni ulivo infetto: significa radere al suolo ogni volta oltre tre ettari di campagna. La nuova regola prevede una sensibile diminuzione, portando il raggio a 10 metri che vuol dire ridurre di cento volte l’area oggetto di taglio.

Arretreranno anche le zone di controllo della batteriosi. L’area di contenimento (i primi 20 km dell’area infetta, soggetta a eradicazioni) verrà portata a 5 o 10 km. La zona cuscinetto (l’ultima parte della zona indenne a contatto con quella in cui c’è l’infezione), attualmente di 10 km, verrà portata a 5 km mantenendo le misure previste (ovvero il monitoraggio da parte dei proprietari dei suoli).

L’effetto di queste modifiche sarà un arretramento delle zone di controllo, che oggi arrivano (con il «buffer») a comprendere i territori di Monopoli, Castellana Grotte, Noci e Palagiano. Se verranno confermate le nuove regole, l’emergenza Xylella arretrerà di 10-15 chilometri, tornando a fermarsi alle pendici della Valle d’Itria come era circa un anno fa.

L’altra novità attesa, già condivisa con le organizzazioni di categoria che fino all’estate hanno battagliato con la Regione per ottenere un allentamento dei vincoli, riguarda i vivaisti. Oggi chi produce all’interno dell’area infetta è soggetto a forti limitazioni nella movimentazione delle specie che non sono dotate di passaporto biologico: le piante che vengono considerate attaccabili dal batterio Xylella non sono «esportabili» fuori delle zone confinate. Ora invece le limitazioni varranno soltanto per le specie vegetali soggette al ceppo trovato nell’area delimitata. Questo significa, per la Puglia, che i divieti varranno per le sole piante ospiti della «pauca» (la subspecie di Xylella), consentendo dunque la movimentazione di cavoli, rape, cavolfiori e pomodori che era stata bloccata a settembre del 2018.

L’emergenza Xylella è uno dei temi caldi dell’agricoltura pugliese, proprio per la ritenuta insufficienza delle misure di contenimento dell’infezione. A dicembre 2018 la commissione Ue ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia: la prima fase si è conclusa a settembre con la sentenza che ha certificato l’inadempimento dello Stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie