Venerdì 18 Gennaio 2019 | 14:15

NEWS DALLA SEZIONE

Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il furto nel Foggiano
Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

 
Serie B1 pallavolo
La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

 
Probabile formazione
Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

 
Operazione dei Carabinieri
Droga, operazione dei carabinieri a Barletta: arresti

Traffico di droga, blitz a Barletta: 21 arresti contro clan Cannito-Lattanzio VD

 
Si chiama Francesco Tomaiuolo
Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

 
Il programma
Matera 2019, domani l'inaugurazioneEcco tutto il programma

Matera 2019: domani si inaugura
Pittella: «È la vittoria dei sogni»
Riapre la stazione centrale

 

LA SENTENZA

Inchieste sanità, assolto
ex pm Bari Giuseppe Scelsi

giuseppe scelsi

Il gup del Tribunale di Lecce ha assolto «perchè il fatto non sussiste» dall’accusa di abuso d’ufficio il magistrato barese Giuseppe Scelsi. Il procuratore di Lecce, Cataldo Motta, aveva chiesto la condanna a 16 mesi di reclusione per l’ex pm della Procura di Bari, ora in servizio presso la Procura generale del capoluogo pugliese. Il processo si è svolto con rito abbreviato.

La vicenda contestata all’ex pm Scelsi riguarda intercettazioni telefoniche disposte d’urgenza dal pm per danneggiare - secondo l’accusa - la collega Desirèe Digeronimo che assieme a lui conduceva indagini sulla sanità pugliese e che aveva intercettato casualmente il fratello di Scelsi, Michele, medico, mentre questi parlava con l’allora assessore pugliese alla Sanità Alberto Tedesco, indagato dalla Digeronimo. Scelsi - secondo l’accusa - temendo che in base a questa intercettazione Digeronimo potesse sottrargli un’altra indagine sulla sanità, intercettò con decreto d’urgenza i telefoni di Paola D’Aprile che - secondo i pm salentini - sapeva amica di Digeronimo, affinchè potesse risultare il rapporto di amicizia e la collega fosse costretta ad astenersi dal fascicolo a carico di Tedesco. Digeronimo e D’aprile erano parte civile nel processo a carico di Scelsi: la prima aveva chiesto un risarcimento danni di 250 mila euro, D’Aprile un milione di euro. Le richieste, ovviamente, sono state respinte.

«Ho accolto con grande soddisfazione la decisione adottata dal giudice che mi scagiona completamente da ogni accusa. La sottoposizione al procedimento penale ha provocato in me gravi danni morali e professionali, oltre che a una grande sofferenza umana» ha detto il magistrato barese Giuseppe Scelsi dopo la lettura della sentenza. «Voglio ringraziare i miei avvocati difensori, Luigi Covella e Andrea Sambati, che - conclude il magistrato - mi hanno assistito con grande professionalità ed umanità, accompagnandomi in questo lungo percorso di affermazione della verità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400