Venerdì 17 Gennaio 2020 | 23:44

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
L'attesa
Incontro in corso a Palazzo Chigi sull'ex Ilva di Taranto

Incontro in corso a Palazzo Chigi sull'ex Ilva di Taranto

 
nel Potentino
Muro Lucano, muore avvolto dalle fiamme mentre brucia sterpaglie

Muro Lucano, muore avvolto dalle fiamme mentre brucia sterpaglie

 
La relazione Dia
Foggia, «i clan emulano la 'ndrangheta»

Foggia, «i clan emulano la 'ndrangheta»

 
nel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
calciomercato
Lecce, Falco in bilico: emergenza senza fine

Lecce, Falco in bilico: emergenza senza fine

 
migranti
Taranto, polizia arresta lo scafista a bordo della Sea Watch 3

Taranto, polizia arresta lo scafista a bordo della Sea Watch 3

 
la procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
il sindacato
Regione, per la prima volta presidenza RSU a un autonomo

Regione, per la prima volta presidenza RSU a un autonomo

 
nel Barese
Toritto, auto del sindaco bruciata nella notte: indagano i cc

Toritto, auto del sindaco bruciata nella notte: indagano i cc

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

Maltrattamenti

Ceglie Messapica, costretta per 18 anni a mangiare gli avanzi di marito e suocera

Le minacce e i maltrattamenti erano continui. Emesso un divieto di avvicinamento“

Ceglie Messapica, costretta per 18 anni a mangiare gli avanzi di marito e suocera

CEGLIE MESSAPICA - La costringevano a consumare gli avanzi dei pasti consumati da altri familiari. In un’occasione le hanno anche sottratto i documenti d’identità, sotto minaccia di un coltello. 

Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, alla suocera 58enne e a suo figlio di 38 anni è stato imposto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna, che ha trovato il coraggio di denunciare dopo 18 anni di calvario solo a fine maggio, a seguito della decisione di lasciare il tetto coniugale per rifugiarsi a casa di un’amica.

Secondo quanto riferito ai carabinieri di Ceglie Messapica (Brindisi), la donna avrebbe subito percosse e atteggiamenti violenti fin dal 2001 e in una circostanza sarebbe anche stata minacciata con un coltello e privata dei documenti di identità. La vittima veniva costantemente insultata dalla suocera che ne controllava gli spostamenti, le sputava addosso minacciandola che se si fosse ribellata sarebbe stata picchiata. La 58enne avrebbe anche inscenato un malessere incolpando la nuora di averglielo provocato, minacciandola di riferire il tutto al figlio per farla malmenare. 

Il giudice, sulla scorta degli elementi emersi, al fine di scongiurare il pericolo di ulteriore reiterazione delle medesime condotte attuate dai due indagati, ha emesso nei loro confronti la misura coercitiva personale del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa. Ha così, prescritto al marito e alla suocera di mantenersi a una distanza di 500 metri dalla donna con l’ulteriore precisazione di non comunicare attraverso qualsiasi mezzo neppure in forma scritta o a mezzo del telefono o della rete internet.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie