Domenica 16 Giugno 2019 | 11:35

NEWS DALLA SEZIONE

Amara sorpresa
Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio cotto

Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio

 
Tecnologia
Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

 
Sul tratto Bari-Putignano
Fse, lavori sulle rete ferroviaria da domani chiuse 8 stazioni

Ferrovie Sud Est, lavori sulle rete ferroviaria: da domani chiuse 8 stazioni

 
La tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 
Il matrimonio
Marò, il sì del fuciliere Latorre alla sua Paola: oggi le nozze

Marò, il sì del fuciliere Latorre alla sua Paola: oggi le nozze a Roma

 
L'annuncio
Medicina, parte a Taranto il primo corso per 60 studenti

Medicina, parte a Taranto il primo corso per 60 studenti

 
Serie c
Crisi del Matera calcio, l'appello del Comune: «Salviamo la squadra»

Crisi del Matera calcio, l'appello del Comune: «Salviamo la squadra»

 
La Regata
Vela, domani la Brindisi-Corfù con oltre 100 imbarcazioni

Vela, domani la Brindisi-Corfù con oltre 100 imbarcazioni

 
Il vademecum
Vacanze prenotate online, 8 consigli della polizia postale per evitare le truffe

Vacanze prenotate online, 8 consigli della polizia postale per evitare le truffe

 
L'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
Alla Bcc di Locorotondo
Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

Cisternino, assaltano un bancomat ma i carabinieri li mettono in fuga

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa richiesta
S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

 
TarantoLa concessione
Manduria, sedie job per disabili in spiaggia: via libera al bando

Manduria, sedie job per disabili in spiaggia: via libera al bando

 
LecceCaldo estivo
Lecce bloccata nella morsa del caldo africano: attesa una tregua

Salento bloccato nella morsa del caldo africano: attesa una tregua

 
FoggiaL'atto di accusa
Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

 
BrindisiTra 11 persone
Brindisi, maxi rissa per uno sguardo di troppo verso una ragazzina

Brindisi, maxi rissa per uno sguardo di troppo verso una ragazzina

 
BariTecnologia
Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

 
BatTragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 
MateraL'iniziativa
Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

 

i più letti

Il sogno tradito

Taranto, dopo 38 anni di lotta muore senza aver mai incassato quel 13 miliardario al Totocalcio

La storia di Martino Scialpi, il commerciante ambulante di 67 anni di Martina Franca (Taranto) che aveva ingaggiato con il Coni un’estenuante battaglia giudiziaria.

Martino Scialpi e la sua schedina

Martino Scialpi e la sua schedina

TARANTO - E’ morto senza riuscire ad incassare il 13 al Totocalcio da circa un miliardo di lire che sosteneva di aver realizzato il primo novembre del 1981: è la storia di Martino Scialpi, il commerciante ambulante di 67 anni di Martina Franca (Taranto) che aveva ingaggiato con il Coni un’estenuante battaglia giudiziaria. La vincita, però, non gli è stata mai riconosciuta perché il Coni ha sempre sostenuto che la schedina non sia mai arrivata all’archivio corazzato del Totocalcio.

Scialpi fu processato e assolto in via definitiva nel 1987 dall’accusa di truffa con la restituzione della schedina originale. Per quasi 38 anni ha combattuto una battaglia giudiziaria, inseguendo il sogno di incassare quella vincita che oggi, con la rivalutazione monetaria, corrisponderebbe a una decina di milioni di euro. Il commerciante, assistito dall’avv. Guglielmo Boccia, ha intrapreso numerose azioni legali e nell’ultimo periodo pare si fossero aperti degli spiragli per una definizione positiva della controversia.

Scialpi ha sostenuto per le spese legali ed i viaggi per raggiungere i tribunali di mezza Italia oltre 500mila euro, più della cifra che avrebbe dovuto incassare ma che per una serie di cavilli e di ritardi e lui sosteneva, di omissioni, gli è sempre stata negata. Probabilmente, le iniziative legali saranno portate ancora avanti dagli eredi. Lo scommettitore qualche anno fa ha scritto un libro, «Ho fatto 13», per raccontare la sua incredibile storia e quel sogno di una vita, che non ha potuto coronare. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400