Venerdì 18 Ottobre 2019 | 08:53

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta alla droga
Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

 
I soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
L'inchiesta
Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

 
Domenica gioca con il Milan
Lecce si prepara alla trasferta di San Siro: Liverani avrà tutti gli effettivi

Lecce si prepara alla trasferta di San Siro: Liverani avrà tutti gli effettivi

 
La decisione
Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

 
La causa civile
Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

 
Il vertice
Vertenza Gazzetta, incontro a Roma tra Fnsi, Cdr e azienda

Vertenza Gazzetta, incontro a Roma tra Fnsi, Cdr e azienda

 
La denuncia
Puglia, Centri per l'impiego senza pc e stampanti. Csa: stallo da 15 mesi

Puglia, Centri per l'impiego senza pc e stampanti. Csa: stallo da 15 mesi

 
La procura
Foggia, dall'emendamento al numero come la salumeria per l'appuntamento«Un sistema basato sulle clientele»

Foggia, dall'emendamento al numeretto per l'appuntamento: «Continue clientele»

 
Il caso nel Barese
Calcio, l'allenatore: «Via i calciatori rissosi». Il club: «Te ne vai tu»

Calcio, l'allenatore: «Via i calciatori rissosi». Il club: «Te ne vai tu»

 

Il Biancorosso

Domenica
Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLotta alla droga
Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

 
LecceI soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, la capitale è anche il «Paese della cuccagna»

Matera 2019, la capitale è anche il «Paese della cuccagna»

 
FoggiaLa decisione
Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

 
BariLa causa civile
Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

 
TarantoLunedì
Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

 
BrindisiLe indagini
Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

 

i più letti

la sentenza

Bari, fallimenti truccati: condannato Marco Vignola

La Corte dei conti: l’avvocato pagherà 280mila euro per il danno all’immagine dello Stato

corte dei conti bari

BARI - Sono stati gli articoli di giornale sulla sua condanna penale a innescare i giudici contabili. Ed è proprio a seguito della pubblicazione delle notizie sui reati compiuti nel ruolo di curatore del fallimento « Nova Tessile» che l’avvocato barese Marco Vignola, 49 anni, è stato condannato a risarcire il danno d’immagine all’ordine giudiziario: poco più di 281mila euro, pari al doppio della cifra che - secondo le indagini all’epoca compiute dalla Finanza - Vignola avrebbe sottratto illecitamente dai conti di una procedura.

La sentenza della Corte dei conti (presidente facente funzione Daddabbo, relatore Laino) ha ridimensionato, e di molto, la pretesa economica della procura contabile, che con il viceprocuratore Pierpaolo Grasso (oggi trasferito nelle Marche e sostituito dal collega Carlo Picuno nell’aprile scorso chiese e ottenne il sequestro conservativo dei beni di Vignola (29 appartamenti sparsi tra Bari, Vietri di Potenza, Conegliano e San Vito di Cadore, oltre a vari conti correnti) per un valore pari a 3,7 milioni di euro. In sede di convalida, infatti, il sequestro fu circoscritto a 281mila euro, perché nel frattempo il notissimo professionista barese aveva proceduto a restituire buona parte dell’ammanco dai conti del fallimento, inizialmente quantificato in circa 1,5 milioni di euro e poi progresivamente ridotto a 146mila euro: per quest’ultima somma, peraltro, la stessa curatela ha nel frattempo eseguito un pignoramento sui beni di Vignola. I giudici contabili hanno dunque preso atto della «già avvenuta precostituzione di un titolo giudiziale idoneo a ristorare il danno» (il pignoramento dei 146mila euro), e hanno provveduto a quantificare il danno d’immagine prodotto dal «disdicevole episodio», comunque limitato per via «dell’assenza di un pubblico dibattimento penale».

Dopo l’arresto cautelare patito nel 2011, nel 2015 Marco Vignola patteggiò una condanna poi divenuta definitiva a due anni e quattro mesi (di cui due anni coperti da indulto) per peculato, truffa aggravata, falso ideologico e per vari reati tributari. Questa vicenda, comunque, non si è ancora conclusa del tutto: Gaetano Vignola, padre di Marco, è ancora a processo davanti al Tribunale di Bari. Anche lui ha provveduto a restituire parte delle somme illecitamente prelevate dai conti dei fallimenti che gestiva. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie