Giovedì 21 Febbraio 2019 | 08:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Sentenze tributarie pilotate

Bari, caso «Gibbanza» Cassazione annulla 2 condanne

Un imputato assolto, per un altro annullata una contestazione

«Gibbanza», 6 assolti in appellosulle sentenze pilotate a Bari

BARI - La sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato le condanne nei confronti di due professionisti baresi coinvolti nell’inchiesta chiamata «Gibbanza» su presunte sentenze tributarie pilotate. Gli imputati, Francesco Della Corte e Edmondo Caccuri, erano stati giudicati con rito abbreviato e condannati in primo e secondo grado per corruzione in atti giudiziari (Della Corte a 1 anno e 4 mesi, Caccuri a 10 mesi di reclusione).

Francesco Della Corte, accusato di aver fatto da intermediario con il giudice tributario Oronzo Quintavalle per ottenere una sentenza favorevole a fronte di un presunto pagamento illecito, è stato definitivamente assolto «perché il fatto non sussiste» dalla Suprema Corte, che ha annullato senza rinvio la decisione della Corte di Appello di Bari.
Annullata anche la condanna del commercialista Edmondo Caccuri, chiamato a rispondere di due ipotesi di corruzione del giudice tributario Oronzo Quintavalle: assoluzione definitiva, "perché il fatto non sussiste», per un capo d’accusa, e rinvio dinanzi alla Corte d’Appello di Bari per un nuovo giudizio in relazione alla residua contestazione.

«La sentenza del Supremo Collegio, - dichiarano i difensori, gli avvocati Michele Laforgia e Andrea Di Comite (Polis Avvocati) - oltre a porre fine al calvario di due persone oneste, conferma quello che abbiamo sempre sostenuto in ordine alle gravi carenze di un giudizio incentrato sulle chiamata in correità del presunto corrotto. La verità è che i processi fondati sulla delazione sono a elevato rischio di errore». Nell’ambito della stessa vicenda altre 23 persone sono a processo con rito ordinario dinanzi al Tribunale di Bari. Per 11 di loro, tra i quali il giudice Quintavalle, la Procura ha chiesto condanne fino a 5 anni e 8 mesi di reclusione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400