Lunedì 21 Gennaio 2019 | 14:49

NEWS DALLA SEZIONE

Alle urne
Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

Da domani settemila avvocati baresi al voto: così si rinnova l'ordine

 
Denunciati due fasanesi
Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

Monopoli, radiatori e auto cannibalizzate: scoperta centrale di riciclaggio

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

 
In scooter sulla Statale 100
Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

Bari, non si ferma all'alt e punta la pistola contro la polizia: preso 19enne

 
L'incidente
Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi della vecchia Filobus

Bari, traffico in tilt per colpa di un camion: trancia cavi del vecchio Filobus

 
Le polemiche del giorno dopo
Matera 2019, venti sindaci se ne vanno dalla piazza per protesta

Matera 2019, venti sindaci se ne vanno dalla piazza per protesta

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
Il caso
Puglia, mafia nei rifiuti: dietrofront su Ercav

Puglia, mafia nei rifiuti: dietrofront su Ercav

 
Ulivi a rischio
Xylella alle porte di Bari: è allarme in sette comuni

Xylella alle porte di Bari: è allarme in sette comuni

 
Serie A
Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

 
L'annuncio
Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

 

Lotta alla droga

Smantellato clan nigeriano di spacciatori tra Potenza e Napoli: 21 arresti

Alcuni dei 21 indagati saranno detenuti in carcere, ad altri è stato notificato il divieto di dimora. La base del clan era proprio nel capoluogo lucano

carabinieri

Foto Tony Vece

POTENZA - Ventuno misure cautelari sono state eseguite stamani dai carabinieri al termine di indagini su altrettanti indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione a fini di spaccio di droga, proprio nel capoluogo lucano.
Le misure cautelari sono state eseguite a Potenza - dove è stata sgominata «una cellula criminale nigeriana» - a Napoli e in alcuni comuni della provincia di Potenza. Alcuni dei 21 indagati sono stati arrestati e saranno detenuti in carcere, ad altri è stato notificato il divieto di dimora. La base del clan era proprio a Potenza.

Tredici cittadini nigeriani - richiedenti asilo ospiti di centri di accoglienza del Potentino - sono stati arrestati perché ritenuti responsabili di aver organizzato una «frenetica attività di spaccio» di eroina, hashish e marijuana - acquistate a Napoli - nel centro storico di Potenza.

I carabinieri hanno eseguito anche otto divieti di dimora nel capoluogo lucano, a carico di persone sia italiane sia nigeriane. All’operazione, denominata «Level», hanno partecipato 120 Carabinieri e un elicottero del Nucleo di Pontecagnano-Faiano (Salerno) dell’Arma. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza, sono cominciate nell’ottobre del 2017. I carabinieri hanno stabilito che al vertice del clan vi era un cittadino nigeriano, Samuel Dumkwu, che, grazie alla sua «posizione di supremazia», assicurava «un continuo rifornimento di sostanza stupefacente alla piazza di spaccio di Potenza», dove poi la droga veniva venduta: secondo l’accusa, ha agito con «criteri tipicamente imprenditoriali», rilevabili dalla «precisa ripartizione dei compiti affidati ai suoi connazionali». La droga veniva comprata a Napoli e ciò ha confermato l’"allarmante sinergia fra criminalità straniera e quella operante nell’area partenopea». Lo spaccio avveniva nel centro storico di Potenza, che il clan controllava in modo «monopolistico». (Foto e video Tony Vece)

Avevano creato un meccanismo organizzato per lo spaccio di droga a Potenza, in prevalenza nel centro storico della città, diventando il riferimento «stabile" di consumatori e piccoli spacciatori: il gruppo era composto da cittadini nigeriani - tutti richiedenti asilo per motivi umanitari, in Italia da circa tre anni e ospitati in alcune strutture del capoluogo lucano - per i quali sono state emesse 18 ordinanze di custodia cautelare (di cui 13 in carcere e otto divieti di dimora).
I particolari dell’operazione «Level» - condotta dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura e dai Carabinieri del nucleo investigativo - sono stati illustrati stamani nel corso di una conferenza dal Procuratore, Francesco Curcio, dal pm Antonio Natale e dal comandante del Comando provinciale dei Carabinieri, il colonnello Nicola Albanese. Nel corso dell’operazione sono stati impiegati 120 militari, un elicottero e tre unità cinofile. L’organizzazione - diventata il riferimento della droga in città - era guidata da un nigeriano che si occupava dei «rifornimenti» a Napoli, in prevalenza eroina, hashish e marijuana: lo stupefacente veniva poi consegnato agli spacciatori, sempre nigeriani, per essere venduto nel centro storico e nella villa di Santa Maria, a volte anche a piccoli spacciatori italiani, con un giro di affari di molte migliaia di euro al mese.
Il Procuratore ha evidenziato la difficoltà delle indagini, in quanto «gli spacciatori comunicavano in un dialetto del delta del Niger», e non avevano mai addosso grandi quantità di droga: "Non solo l’eroina era pericolosa per i composti chimici con cui era tagliata - ha aggiunto Curcio - ma il gruppo si era ormai 'insediato' nella città in cui era ospitato, per altro in strutture pubbliche, ovvero due hotel del centro e alcune abitazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400