Martedì 25 Settembre 2018 | 09:05

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Dopo gli arresti in Basilicata

Sanità, Emiliano frena nomine
nelle Asl: gli arrestati tra idonei

Montanaro (Asl Bari) e Quinto (Asm) Matera erano nella rosa delle candidatire. Lo scandalo si Matera ha fermato tutto

Emiliano: «Dopo Matteo il Pd vuole vivere ora avviamo una discussione con il M5S»

Michele Emiliano

BARI - Tra gli idonei alla nomina di direttore generale nella più grande Asl pugliese ci sono nomi già noti e in questi giorni nell’occhio del ciclone: il dg uscente Vito Montanaro, il commissario della Asm Matera, Pietro Quinto, il numero uno dei «Riuniti», Vitangelo Dattoli. Il presidente Michele Emiliano non ha ancora aperto le buste consegnate dalla commissione che ha valutato i 66 curriculum. Ma le candidature, presentate ben prima del terremoto giudiziario lucano che ha coinvolto i primi due manager, sono ormai note. E sia Montanaro che Quinto, per quanto spiegano fonti qualificate, sarebbero stati inseriti nelle «rose» per più di un’azienda.

Emiliano sembrerebbe intenzionato a prendere altro tempo, incontrando di persona i candidati che non conosce. Difficilmente la decisione avverrà prima della prossima settimana: ieri non se n’è parlato durante la riunione di giunta, e il capo dipartimento Giancarlo Ruscitti è impegnato a Roma fino a domani. Domani, oltretutto, è previsto l’interrogatorio davanti al gip Nettis di Montanaro, ai domiciliari da venerdì scorso con le accuse di abuso d’ufficio e rivelazione di segreto per il concorso a dirigente amministrativo dell’Asm di Matera che ha visto piazzarsi al terzo posto il barlettano Luigi Fruscio (pure lui finito ai domiciliari).

Il presidente della Regione non ha scartato del tutto l’ipotesi di mantenere Montanaro tra i possibili dg, ma vuole vedere cosa succederà a Matera. Certo, nel confronto tra i collaboratori del governatore non sono mancate le perplessità sull’ipotesi di confermare un manager che ha a carico l’accusa di aver contribuito a truccare un concorso, a meno che la circostanza non venga completamente chiarita. Ma va detto che in questa situazione il tempo non gioca a favore di Montanaro.

L’unica certezza resta dunque l’arrivo del palermitano Giovanni Migliore alla guida del Policlinico di Bari. Emiliano si è convinto della necessità di chiamare un «esterno» alle logiche attuali: il corteggiamento al ginecologo siciliano Migliore dura ormai da prima di Natale, e l’accordo sembra ormai raggiunto. Per quello che riguarda Brindisi e Taranto, l’intenzione prima del terremoto giudiziario era di procedere con un avvicendamento degli uscenti Giuseppe Pasqualone e Stefano Rossi (anche loro dovrebbero far parte della rosa degli idonei), ma al momento non è stata fatta alcuna valutazione specifica.

Tutto dipende da ciò che Emiliano deciderà per Bari (tra gli idonei dovrebbe infatti esserci anche il direttore amministrativo uscente, Gianluca Capochiani). La scelta non è semplice, ma anche la responsabilità non è da meno: negli ultimi 10 anni, oltre Montanaro, ci sono già stati un dg arrestato (Lea Cosentino) e due indagati (Nicola Pansini e Domenico Colasanto). È quella che qualcuno, in Regione, definisce la «maledizione» della Asl di Bari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Furti di mezzi nelle aziende agricoleArresti a Bari e a Foggia

Furti di mezzi nelle aziende agricole
Arresti a Bari e a Foggia

 
Bari, aggressione a corteo anti Salvini, la Cgil: «Domani tutti in piazza»

Bari, aggressione a corteo anti Salvini «Tutti in piazza». Legali Casapound: nessun assalto

 
Dall'industria alla cultura: ok all'intesa tra Puglia e Mosca

Dall'industria alla cultura: ok all'intesa tra Puglia e Mosca

 
Bari, sparatoria a Carbonara: un morto e un ferito

Bari, inseguimento con sparatoria per strada: un morto e un ferito grave. Sono i figli del boss ucciso nel 1994 VD

 
Sanitopoli lucana, Pittella torna libero

Sanitopoli lucana, tornano liberi Pittella e Montanaro (ex Asl Bari)

 
Catania, sequestro di beni all'editore Mario Ciancio

Catania, Ciancio lascia «La Sicilia» dopo sequestro beni da 150mln
Giornalisti Gazzetta: da sempre nostra informazione libera e corretta

 
Ruvo, scoperto supermarket della droga: arrestata coppia di pusher

Ruvo, scoperto supermarket della droga: arrestata coppia di pusher

 
Ilva, il sindaco Melucci: «Inizia una nuova fase con la grande industria»

Ilva, il sindaco Melucci: «Inizia una nuova fase con la grande industria»

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS