Lunedì 02 Agosto 2021 | 08:37

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
le indagini
Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

 
Serie C
Calcio: giocatore positivo al Covid nel Foggia

Calcio: giocatore positivo al Covid nel Foggia: ritiro blindato

 
Indagini in corso
Foggia, migranti: nigeriano muore dopo una coltellata al braccio

Foggia, migranti: nigeriano muore dopo una coltellata al braccio

 
Istanza al ministero
Foggia, Ufficio del Giudice di Pace di Rodi Garganico: rappresentate le istanze del territorio

Foggia, Ufficio del Giudice di Pace di Rodi Garganico: rappresentate le istanze del territorio

 
L'Irccs di San Giovanni Rotondo
Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

 
Sicurezza
Aggredito autista bus a Foggia, colpito con una bottiglia

Aggredito autista bus a Foggia, colpito con una bottiglia

 
La nomina
Gargano e Pollino: 8mila ettari delle foreste italiane diventano patrimonio umanità

Gargano e Pollino: 8mila ettari delle foreste italiane diventano patrimonio umanità

 
Il caso
Pendolare della droga arrestato sull'intercity Milano-Lecce

Pendolare della droga arrestato sull'intercity Milano-Lecce

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

il processo

Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Foggia, 4 i giovani accusati dell’omicidio di Francesco Traiano, titolare del bar «Gocce di Caffè»

Ucciso durante una  rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Foggia - La Regione Puglia e l’associazione Panunzio si sono costituite parte civile nel processo cominciato oggi, dinanzi alla Corte d’assise di Foggia, a carico dei quattro giovani accusati dell’omicidio di Francesco Traiano, il titolare del bar «Gocce di Caffè» morto il 9 ottobre scorso dopo essere rimasto gravemente ferito durante una rapina compiuta il 17 settembre all’interno del suo locale. Per il delitto vennero arrestati dalla polizia il 25 febbraio scorso Antonio Bernardo, di 24 anni, Christian Consalvo e Antonio Tufo, di 21, e un diciassettenne accusato di aver materialmente colpito a morte la vittima e che viene ora giudicato dal Tribunale per i minorenni di Bari. Fu arrestato, con l’accusa di favoreggiamento anche Simone Pio Amorico, di 22 anni.

Nel corso dell’udienza la difesa ha nuovamente presentato istanza di rito abbreviato per i quattro imputati, richiesta già rigettata dal giudice dell’udienza preliminare. Si torna in aula il prossimo 9 luglio. Nel processo sono già costituiti parte civile i familiari della vittima, il Comune di Foggia e la Camera di Commercio.

Il pomeriggio della rapina il 17enne, Tufo e Bernardo fecero irruzione nel locale, mentre Consalvo rimase all’esterno alla guida dell’auto. I tre erano tutti a volto coperto con passamontagna e solo il 17enne impugnava un coltello. Stando a quanto ricostruito dall’accusa proprio quest’ultimo si avventò contro la vittima colpendola ripetutamente al volto e continuando a sferrare calci anche quando la vittima era accasciata al suolo. Amorico è invece accusato di aver prelevato con un’auto, da una località di campagna, il 17enne e Consalvo dopo la rapina. 

LA  CONFESSIONE DEL 17ENNE  - «Non era quello che doveva succedere. È una disgrazia per la mia famiglia ma soprattutto per quella di Traiano. Siamo andati lì per fare una rapina, avevo un coltello per spaventarlo, ma non volevo ucciderlo». È  quanto ha confessato in aula, davanti al gup del Tribunale per i minorenni di Bari, il 17enne foggiano accusato dell’omicidio di Traiano. 

«Sono pentito - ha proseguito il minorenne -. Io e Traiano abbiamo avuto una colluttazione. Ho sbattuto contro il bancone ed ho sferrato la coltellata, ma non volevo colpirlo all’occhio». Il 17enne nei mesi scorsi aveva già inviato una lettera al giudice con cui si dichiarava pentito. L’avvocato del minorenne (che compirà 18 anni a luglio) ha chiesto la messa alla prova per il suo assistito. Il pm si è opposto ed il dup ha rigettato l’istanza. A quel punto il legale Francesco Santangelo ha chiesto per il 17enne il rito abbreviato. Il processo sarà celebrato in ottobre quando ci sarà la discussione delle parti. Il ragazzo è detenuto nel carcere Fornelli di Bari. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie