Sabato 27 Febbraio 2021 | 23:36

NEWS DALLA SEZIONE

Tragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Il gesto
Foggia, fiori per la Polizia dopo arresti per omicidio tabaccaio: la città abbraccia gli agenti

Foggia, fiori per la Polizia dopo arresti per omicidio tabaccaio: la città abbraccia gli agenti

 
Coronavirus
Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

 
nel foggiano
Cerignola, sparano a 31enne in agguato: ferito, è grave in ospedale

Cerignola, sparano a 31enne in agguato: ferito, in prognosi riservata

 
Il caso
Arriva a S. Giovanni Rotondo nuovo ambulatorio per malattie non diagnostiche

Arriva a S. Giovanni Rotondo nuovo ambulatorio per malattie non diagnostiche

 
Il Nil
Foggia, Carabinieri sospendono reddito di cittadinanza a 50 persone arrestate

Foggia, Carabinieri sospendono reddito di cittadinanza a 50 persone arrestate

 
In zona Salice Nuovo
Foggia, bomba esplode davanti a villa in ristrutturazione

Foggia, bomba esplode davanti a villa in ristrutturazione

 
In serata
Manfredonia, fallisca rapina a mano armata a titolare concessionaria

Manfredonia, fallisca rapina a mano armata a titolare concessionaria

 
L'ìindagine
Licenza Ncc a Vico del Gargano, ma «lavoravano» a Roma: 3 denunciati per truffa

Licenza Ncc a Vico del Gargano, ma «lavoravano» a Roma: 3 denunciati per truffa

 
Il sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

la decisione

Cerignola, paziente morta al Tatarella: archiviate accuse nei confronti dei medici della Rianimazione

Erano indagati per omicidio colposo per la morte avvenuta il 22 ottobre 2018 di Stefania Fede, 39enne di Orta Nova residente a Stornara

Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

CERIGNOLA - Il Gip del Tribunale di Foggia, Michela Valente, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale nei confronti di alcuni dei medici, all’epoca dei fatti in servizio nella rianimazione dell’ospedale Tatarella di Cerignola, indagati per omicidio colposo per la morte in quel reparto il 22 ottobre 2018 di Stefania Fede, 39enne di Orta Nova residente a Stornara.

Lo rendono noto gli avvocati Raffaele Preziuso, Potito Marucci e Michele Sarcina, difensori di alcuni dei medici indagati. Nelle motivazioni che hanno portato il gip a disporre l’archiviazione si legge come «l’operato dei medici sia stato immune da censure ed il decesso di Fede Stefania imputabile a cause naturali».

Secondo i legali dei medici inizialmente indagati, «la conclusione di questa vicenda, con il profondo rispetto dovuto al dolore che ha colpito i familiari della paziente, dimostra ancora una volta che medici ed operatori sanitari, che con professionalità sono a servizio ogni giorno per la tutela della salute degli altri, sono troppo spesso accusati superficialmente di condotte scorrette e sottoposti a un vergognoso linciaggio mediatico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie