Lunedì 09 Dicembre 2019 | 11:15

NEWS DALLA SEZIONE

Nel foggiano
volante polizia

San Severo, in fuga per 30 chilometri: aveva eroina nell'auto

 
Festività 2019
Al via il Natale a Foggia con ruota panoramica, pista di pattinaggio e albero illuminato

Al via il Natale a Foggia con ruota panoramica, pista di pattinaggio e albero illuminato

 
L'arresto
Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

 
Il riconoscimento
Transumanza patrimonio dell'Unesco, settimana clou per decidere

Transumanza patrimonio dell'Unesco, settimana clou per decidere

 
La decisione
Foggia, le società e i rapporti con il boss Trisciuglio: Tar rigetta ricorsi su interdittive

Foggia, le società e i rapporti con il boss Trisciuoglio: Tar rigetta ricorsi su interdittive

 
Sanità
A Foggia elisoccorso notturno attivo tutto l'anno e non solo d'estate

A Foggia elisoccorso notturno attivo tutto l'anno e non solo d'estate

 
L'inchiesta
Orta Nova, vendita loculi a Rionero: arrestato consigliere comunale

Orta Nova, vendita loculi a Rionero: arrestato consigliere comunale

 
Aeroporto
Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccenel Salento
Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
FoggiaNel foggiano
volante polizia

San Severo, in fuga per 30 chilometri: aveva eroina nell'auto

 
PotenzaLa tragedia
Scivola e cadendo parte un colpo dal suo fucile. Muore un cacciatore

Forenza, scivola e gli parte un colpo dal fucile: muore cacciatore

 
BariLa cena del cuore
Metti una sera a cena con i bimbi autistici dietro i fornelli

Metti una sera a cena a Bari con i bimbi autistici dietro i fornelli

 
HomeIl siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

La mobilitazione in Capitanata

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Protestano i prof a contratto foggiani: «Non ci assumono e anche il privato non chiama»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

FOGGIA - Ricercatori sul piede di guerra, a Foggia come in tutta Italia i neolaureati in cerca di un futuro occupazionale all’interno dell’università o anche all’esterno, sono alle prese con una crisi di sistema tra le più gravi dell’ultimo decennio. «Siamo i campioni della precarietà», dicono i dottori foggiani che giovedì hanno srotolato un manifesto dalle finestre del dipartimento di Studi umanistici. Martedì 11 i ricercatori hanno convocato un incontro nella sede della Camera del lavoro, sede della Cgil, organizzati dall’Associazione dottorandi di ricerca italiani e dalla Flc Cgil, la federazione dei lavoratori della Conoscenza. Parliamo di una platea che a Foggia si aggira intorno alle 200 unità, attivamente impegnata nei sei dipartimenti, costretta ogni anno a fare i conti con il rinnovo dell’assegno (dai 1200 ai 1400 euro mensili), senza orari di lavoro fissi, appesa al filo dell’improvvisazione di una vita che a 35-40 anni non sei ancora in grado di poter pianificare. I ricercatori adesso spingono sull’acceleratore, per il 14 dicembre hanno già fissato una manifestazione nazionale a Roma nelle ore calde dell’approvazione della Legge di Stabilità 2019: chiedono un piano strutturale per l’assunzione di personale, norme meno rigide per l’immissione in ruolo, una riforma che dia prospettiva di vita. «Siamo sul filo dell’improvvisazione - dice Francesco Di Noia, dottore di ricerca assegnista in Diritto del lavoro - il mio contratto può essere prorogato fino a un massimo di 12 anni, poi potrei essere assunto come ricercatore per altri 3-5 anni. Ma finito tutto questo a 45 anni, oggi ne ho 31, paradossalmente potrei trovarmi fuori dall’università. Vi sembra normale tutto ciò?». Il fattore forse più grave e sconcertante in questo scenario è che i ricercatori foggiani puntino su una carriera universitaria tralasciando a priori le possibilità di poter spendere il titolo di studio all’esterno. Il privato non chiama (salvo rare eccezioni) e anche nel pubblico ci sono seri problemi di collocamento:

«Sono un biologo - dice Francesco Sessa, 39 anni - il mio titolo di studio mi abilita a fare il professore universitario, ma non posso insegnare nelle scuole superiori perchè dovrei abilitarmi ulteriormente. All’estero invece la mia abilitazione è molto apprezzata sia nel privato che nelle università: sono questi paradossi che alla fine ti spingono a cambiare aria, ci sto pensando». I ricercatori chiedono un piano straordinario di 20mila assunzioni, il governo risponde con mille nella nuova legge di Stabilità ma non è detto che l’emendamento rientri nel pacchetto. «I ricercatori costituiscono ormai l’ossatura delle università - sottolinea il prof. Giovanni Messina, delegato alla ricerca scientifica tecnologica e terza missione dell’Ateneo dauno - a Foggia siamo perfettamente in linea con la media nazionale, il 56% del corpo docente è formato da loro». A Foggia i professori a contratto sono circa 200, su 370 docenti di ruolo (associati e ordinari). La platea della precarietà in cattedra è molto variegata: ci sono i ricercatori cosiddetti di “tipo A” (tre anni più due di contratto), gli assegnisti, i dottorandi (circa 90) che sono un po’ gli studenti “senior”, il primo gradino della scala gerarchica che porta al dottorato di ricerca. «Un piano straordinario è auspicabile - aggiunge Messina - tenuto conto che negli ultimi anni il personale di ruolo nelle università è diminuito del 20%. Chiediamo l’assunzione di giovani che non sono più giovani - aggiunge - perchè a quarant’anni si abbia finalmente il diritto di aspirare a quel posto tanto agognato». Le contraddizioni sono enormi, abbiamo detto che il settore privato non aiuta ma quando lo fa i ricercatori si ritrovano a doversi quasi giustificare per aspirare a un posto di lavoro: «Ti dicono sei troppo qualificato - aggiunge Sessa - nel mio settore ci cercano soprattutto le aziende farmaceutiche e qualche multinazionale. All’estero non è così, la riforma dovrebbe intervenire a mio avviso anche su queste palesi incongruenze che scoraggiano oggi i giovani a intraprendere un percorso professionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie