Mercoledì 24 Luglio 2019 | 00:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
La manifestazione
Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

 
Secondo episodio
Lancio di pietre contro braccianti da un'auto in corsa: 3 feriti nel Foggiano

Lancio di pietre contro braccianti da un'auto in corsa: 3 feriti nel Foggiano. Due piste al vaglio degli inquirenti

 
Nella zona del santuario
S.Giovanni Rotondo, parcheggiatore abusivo in cella per tentata estorsione

S.Giovanni Rotondo, parcheggiatore abusivo in cella per tentata estorsione

 
L'operazione
Reati contro la P.A.: nel Foggiano 3 arresti e 12 misure interdittive, imprenditori e amministratori pubblici

Brogli in gare pubbliche ad Apricena, arrestato anche sindaco leghista VD

 
Sanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
Nel Foggiano
Auto in fiamme sulla A14 dopo tamponamento: una 34enne estratta viva dalle lamiere

Auto in fiamme sulla A14 dopo tamponamento: una 34enne estratta viva dalle lamiere

 
In via La Piccirella
Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

 
La decisione
S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

 
Tra Mattinata e Vieste
Resort senza autorizzazioni: sequestro nel Foggiano

Resort senza autorizzazioni: sequestro nel Foggiano

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Torre dell'Orso
Dieci persone intossicate in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

Dieci intossicati in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

 
GdM.TVL'evento in piazza
«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

 
FoggiaIl caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
TarantoNel Tarantino
Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

La mobilitazione in Capitanata

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Protestano i prof a contratto foggiani: «Non ci assumono e anche il privato non chiama»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

FOGGIA - Ricercatori sul piede di guerra, a Foggia come in tutta Italia i neolaureati in cerca di un futuro occupazionale all’interno dell’università o anche all’esterno, sono alle prese con una crisi di sistema tra le più gravi dell’ultimo decennio. «Siamo i campioni della precarietà», dicono i dottori foggiani che giovedì hanno srotolato un manifesto dalle finestre del dipartimento di Studi umanistici. Martedì 11 i ricercatori hanno convocato un incontro nella sede della Camera del lavoro, sede della Cgil, organizzati dall’Associazione dottorandi di ricerca italiani e dalla Flc Cgil, la federazione dei lavoratori della Conoscenza. Parliamo di una platea che a Foggia si aggira intorno alle 200 unità, attivamente impegnata nei sei dipartimenti, costretta ogni anno a fare i conti con il rinnovo dell’assegno (dai 1200 ai 1400 euro mensili), senza orari di lavoro fissi, appesa al filo dell’improvvisazione di una vita che a 35-40 anni non sei ancora in grado di poter pianificare. I ricercatori adesso spingono sull’acceleratore, per il 14 dicembre hanno già fissato una manifestazione nazionale a Roma nelle ore calde dell’approvazione della Legge di Stabilità 2019: chiedono un piano strutturale per l’assunzione di personale, norme meno rigide per l’immissione in ruolo, una riforma che dia prospettiva di vita. «Siamo sul filo dell’improvvisazione - dice Francesco Di Noia, dottore di ricerca assegnista in Diritto del lavoro - il mio contratto può essere prorogato fino a un massimo di 12 anni, poi potrei essere assunto come ricercatore per altri 3-5 anni. Ma finito tutto questo a 45 anni, oggi ne ho 31, paradossalmente potrei trovarmi fuori dall’università. Vi sembra normale tutto ciò?». Il fattore forse più grave e sconcertante in questo scenario è che i ricercatori foggiani puntino su una carriera universitaria tralasciando a priori le possibilità di poter spendere il titolo di studio all’esterno. Il privato non chiama (salvo rare eccezioni) e anche nel pubblico ci sono seri problemi di collocamento:

«Sono un biologo - dice Francesco Sessa, 39 anni - il mio titolo di studio mi abilita a fare il professore universitario, ma non posso insegnare nelle scuole superiori perchè dovrei abilitarmi ulteriormente. All’estero invece la mia abilitazione è molto apprezzata sia nel privato che nelle università: sono questi paradossi che alla fine ti spingono a cambiare aria, ci sto pensando». I ricercatori chiedono un piano straordinario di 20mila assunzioni, il governo risponde con mille nella nuova legge di Stabilità ma non è detto che l’emendamento rientri nel pacchetto. «I ricercatori costituiscono ormai l’ossatura delle università - sottolinea il prof. Giovanni Messina, delegato alla ricerca scientifica tecnologica e terza missione dell’Ateneo dauno - a Foggia siamo perfettamente in linea con la media nazionale, il 56% del corpo docente è formato da loro». A Foggia i professori a contratto sono circa 200, su 370 docenti di ruolo (associati e ordinari). La platea della precarietà in cattedra è molto variegata: ci sono i ricercatori cosiddetti di “tipo A” (tre anni più due di contratto), gli assegnisti, i dottorandi (circa 90) che sono un po’ gli studenti “senior”, il primo gradino della scala gerarchica che porta al dottorato di ricerca. «Un piano straordinario è auspicabile - aggiunge Messina - tenuto conto che negli ultimi anni il personale di ruolo nelle università è diminuito del 20%. Chiediamo l’assunzione di giovani che non sono più giovani - aggiunge - perchè a quarant’anni si abbia finalmente il diritto di aspirare a quel posto tanto agognato». Le contraddizioni sono enormi, abbiamo detto che il settore privato non aiuta ma quando lo fa i ricercatori si ritrovano a doversi quasi giustificare per aspirare a un posto di lavoro: «Ti dicono sei troppo qualificato - aggiunge Sessa - nel mio settore ci cercano soprattutto le aziende farmaceutiche e qualche multinazionale. All’estero non è così, la riforma dovrebbe intervenire a mio avviso anche su queste palesi incongruenze che scoraggiano oggi i giovani a intraprendere un percorso professionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie