Sabato 20 Aprile 2019 | 12:40

NEWS DALLA SEZIONE

Contratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 
L’operazione della Dia
Mafia e droga, maxi blitz della polizia: arrestati boss del Gargano

Blitz antidroga della polizia: 10 arresti tra cui boss del Gargano

 
Il caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
Il 4 maggio
Conte torna in Puglia per 100 anni Bcc di San Giovanni Rotondo

Conte torna in Puglia per 100 anni Bcc di San Giovanni Rotondo

 
Accoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
Criminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
Operazione dei cc
Monte S.Angelo, pregiudicato morì per faida tra clan: 2 arresti

Monte S.Angelo, pregiudicato morì per faida tra clan: 2 arresti. A indagini collaborò anche carabiniere ucciso

 
Dopo la sparatoria
Cagnano Varano, il carabiniere ferito lascia la terapia intensiva

Cagnano Varano, carabiniere ferito lascia la terapia intensiva: «Perdonare? Non so»

 
Incidente sulla Lucera - Biccari
Foggia, carambola tra 5 auto: sul posto arriva l'elisoccorso, 10 feriti

Foggia, carambola tra 5 auto: 10 feriti, interviene l'elisoccorso 

 
I fondi
Il Miur dovrà liquidare 7 mln all'Università di Foggia

Il Miur dovrà liquidare 7 mln all'Università di Foggia

 
La baraccopoli
Migranti, ruspe abbattono baracche nel ghetto di Borgo Mezzanone

Migranti, ruspe abbattono 19 baracche nel ghetto di Borgo Mezzanone VD

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Metaponto, occupazione abusiva: sequestrato un camping

Metaponto, occupazione abusiva: sequestrato un camping

 
LecceIl caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
BariSgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
TarantoL’edificio è in piazza Ebalia
Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

 
FoggiaContratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 
BrindisiTurismo
«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

«Super ponte» in arrivo, piovono le prenotazioni: al top Ostuni

 

La mobilitazione in Capitanata

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

Protestano i prof a contratto foggiani: «Non ci assumono e anche il privato non chiama»

Foggia, l'appello dei ricercatori: «Noi, precari a vita»

FOGGIA - Ricercatori sul piede di guerra, a Foggia come in tutta Italia i neolaureati in cerca di un futuro occupazionale all’interno dell’università o anche all’esterno, sono alle prese con una crisi di sistema tra le più gravi dell’ultimo decennio. «Siamo i campioni della precarietà», dicono i dottori foggiani che giovedì hanno srotolato un manifesto dalle finestre del dipartimento di Studi umanistici. Martedì 11 i ricercatori hanno convocato un incontro nella sede della Camera del lavoro, sede della Cgil, organizzati dall’Associazione dottorandi di ricerca italiani e dalla Flc Cgil, la federazione dei lavoratori della Conoscenza. Parliamo di una platea che a Foggia si aggira intorno alle 200 unità, attivamente impegnata nei sei dipartimenti, costretta ogni anno a fare i conti con il rinnovo dell’assegno (dai 1200 ai 1400 euro mensili), senza orari di lavoro fissi, appesa al filo dell’improvvisazione di una vita che a 35-40 anni non sei ancora in grado di poter pianificare. I ricercatori adesso spingono sull’acceleratore, per il 14 dicembre hanno già fissato una manifestazione nazionale a Roma nelle ore calde dell’approvazione della Legge di Stabilità 2019: chiedono un piano strutturale per l’assunzione di personale, norme meno rigide per l’immissione in ruolo, una riforma che dia prospettiva di vita. «Siamo sul filo dell’improvvisazione - dice Francesco Di Noia, dottore di ricerca assegnista in Diritto del lavoro - il mio contratto può essere prorogato fino a un massimo di 12 anni, poi potrei essere assunto come ricercatore per altri 3-5 anni. Ma finito tutto questo a 45 anni, oggi ne ho 31, paradossalmente potrei trovarmi fuori dall’università. Vi sembra normale tutto ciò?». Il fattore forse più grave e sconcertante in questo scenario è che i ricercatori foggiani puntino su una carriera universitaria tralasciando a priori le possibilità di poter spendere il titolo di studio all’esterno. Il privato non chiama (salvo rare eccezioni) e anche nel pubblico ci sono seri problemi di collocamento:

«Sono un biologo - dice Francesco Sessa, 39 anni - il mio titolo di studio mi abilita a fare il professore universitario, ma non posso insegnare nelle scuole superiori perchè dovrei abilitarmi ulteriormente. All’estero invece la mia abilitazione è molto apprezzata sia nel privato che nelle università: sono questi paradossi che alla fine ti spingono a cambiare aria, ci sto pensando». I ricercatori chiedono un piano straordinario di 20mila assunzioni, il governo risponde con mille nella nuova legge di Stabilità ma non è detto che l’emendamento rientri nel pacchetto. «I ricercatori costituiscono ormai l’ossatura delle università - sottolinea il prof. Giovanni Messina, delegato alla ricerca scientifica tecnologica e terza missione dell’Ateneo dauno - a Foggia siamo perfettamente in linea con la media nazionale, il 56% del corpo docente è formato da loro». A Foggia i professori a contratto sono circa 200, su 370 docenti di ruolo (associati e ordinari). La platea della precarietà in cattedra è molto variegata: ci sono i ricercatori cosiddetti di “tipo A” (tre anni più due di contratto), gli assegnisti, i dottorandi (circa 90) che sono un po’ gli studenti “senior”, il primo gradino della scala gerarchica che porta al dottorato di ricerca. «Un piano straordinario è auspicabile - aggiunge Messina - tenuto conto che negli ultimi anni il personale di ruolo nelle università è diminuito del 20%. Chiediamo l’assunzione di giovani che non sono più giovani - aggiunge - perchè a quarant’anni si abbia finalmente il diritto di aspirare a quel posto tanto agognato». Le contraddizioni sono enormi, abbiamo detto che il settore privato non aiuta ma quando lo fa i ricercatori si ritrovano a doversi quasi giustificare per aspirare a un posto di lavoro: «Ti dicono sei troppo qualificato - aggiunge Sessa - nel mio settore ci cercano soprattutto le aziende farmaceutiche e qualche multinazionale. All’estero non è così, la riforma dovrebbe intervenire a mio avviso anche su queste palesi incongruenze che scoraggiano oggi i giovani a intraprendere un percorso professionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400