Mercoledì 23 Giugno 2021 | 05:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Covid in Puglia, preoccupazione tra i detenuti: salgono a 40 i contagi nel carcere di Taranto

Covid in Puglia, preoccupazione tra i detenuti: salgono a 40 i contagi nel carcere di Taranto

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, somministrato il 94,9% delle dosi, ma c'è carenza di Pfizer

Vaccini Puglia, somministrato il 94,9% delle dosi, ma carenza di Pfizer. Covid, salgono a 40 i casi nel carcere di Taranto

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 835 nuovi casi e 31 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 835 nuovi casi e 31 morti nelle ultime 24 ore. Dal 28 addio alle mascherine all'aperto

 
Il caso
Bari, sono circa 10mila gli operatori sanitari non vaccinati

Bari, 10mila gli operatori sanitari non vaccinati in Puglia

 
Covid
Bari: 92enne guarisce e festeggia ballando in corsia

Bari: 92enne guarisce e festeggia ballando in corsia

 
Il dibattito
Bari, «l’ospedale in Fiera funziona, non deve essere smantellato»

Bari, «l’ospedale in Fiera funziona, non deve essere smantellato»

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 1197 nuovi casi e 28 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 1197 nuovi casi e 28 morti nelle ultime 24 ore

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, gli under 60 possono dire no a Pfizer e Moderna e fare il richiamo con AstraZeneca

Vaccini in Puglia, gli under 60 possono dire no a Pfizer e Moderna e fare il richiamo con AstraZeneca

 
Il caso
Covid, la denuncia del Sappe: «focolaio nel carcere ad alta sicurezza di Taranto: 34 detenuti contagiati»

Covid, la denuncia del Sappe: «focolaio nel carcere ad alta sicurezza di Taranto: 34 detenuti contagiati»

 
bollettino regionale
Puglia, per l'infezione da Covid-19 sono 61 i nuovi casi positivi

Covid 19 in Puglia, sono 61 i nuovi casi positivi e 3 morti. Focolaio a Taranto tra i detenuti del carcere ad alta sicurezza

 
bollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 

GDM.TV

Il Biancorosso

Serie C
Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaClima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
TarantoIl caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
BariOrgoglio pugliese
Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

 
LecceStrage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
FoggiaLa sentenza
Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

 
Brindisitask force anti-caporalato
Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

 
PotenzaNel Potentino
Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

Tifoso Vultur investito e ucciso: ultras della squadra avversaria condannato per omicidio stradale

 
MateraSport
Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

 

i più letti

L'emergenza

Bari, anticorpi monoclonali: da domani cure a domicilio

Definite le istruzioni operative. La circolare Asl inviata a Usca e medici di base

Bari, anticorpi monoclonali: da domani  cure a domicilio

Bari - Venerdì sono state definite le istruzioni operative, subito dopo è stata inviata una circolare che dai distretti della Asl ha infine raggiunto le Usca e i medici di medicina generale, due dei pilastri per la riuscita del servizio voluto dall’azienda sanitaria locale di Bari: la cura a domicilio dei pazienti malati di Covid (che abbiano sintomi lievi e moderati) con gli anticorpi monoclonali per spegnere l’infezione che altrimenti, a causa di specifici fattori di rischio, può comportare conseguenze gravi e anche letali. Da lunedì si parte. Il servizio, messo a punto dal Dipartimento di assistenza territoriali, sarà garantito dai medici anestesisti e rianimatori dell’unità operativa di Fragilità e complessità assistenziale in accordo con Enrico Lauta, responsabile del Centro territoriale Malattie rare, oltre che attuale coordinatore Covid all’ospedale Santa Maria degli Angeli di Putignano. Saranno per ora cinque gli specialisti, coadiuvati da altrettanti infermieri, che si alterneranno, secondo una programmazione definita, per raggiungere a casa i pazienti di tutta la provincia che risulteranno idonei alla infusione previa proposta dei medici delle unità di continuità assistenziale (che si occupano delle visite a domicilio dei positivi al virus) e dei medici di famiglia.

DOMICILIO Nella stessa giornata ci saranno più somministrazioni, una ogni due ore (una serve per completare l’infusione, l’altra per l’osservazione di possibili effetti collaterali). Gli operatori sanitari si presenteranno con gli strumenti necessari a garantire l’operabilità e anche l’intervento in caso di reazioni avverse. Nel setting domiciliare è previsto che l’équipe abbia in dotazione, tra l’altro, un defibrillatore portatile, farmaci di emergenza, tutto il materiale occorrente per la intubazione in emergenza e per la ventilazione manuale e una bombola di ossigeno. Inoltre, sarà allertata la centrale operativa del 118 (cui verrà comunicato l’avvio delle procedure per la somministrazione della terapia), pronta a dare assistenza in caso di emergenza. Da questo punto di vista è previsto il supporto della Protezione civile che che garantirà comunque la presenza di un’ambulanza (attrezzata come unità mobile di Rianimazione) con autista e due soccorritori. Il mezzo di soccorso potrà essere anche il luogo del trattamento nel caso in cui il medico ravvisasse, dal punto di vista logistico (esempio: l’assenza di spazi adatti), l’impossibilità di procedere nell’abitazione del paziente. In questo caso il malato sarà trasportato trasferito in ambulanza dopo aver indossato una maschera FFP2 o FFP3.

OSPEDALI Nel frattempo, proseguono le terapie negli ospedali. Al Policlinico si va verso i 100 pazienti trattati. Poi ci sono gli altri centri autorizzati (anche Pediatrico, San Paolo, Perinei di Altamura, Santa Maria degli Angeli di Putignano e Fallacara di Triggiano), tra cui il Di Venere, dove c’è anche la farmacia territoriale (in cui sono immagazzinati i flaconi: ce ne sono a disposizione circa 8mila). A Carbonara il numero di trattamenti è in linea con quello del nosocomio di piazza Giulio Cesare, nonostante una organizzazione sottodimensionata. «È fondamentale - spiega Piero Berardi, anestesista - che i colleghi del territorio intercettino i pazienti eleggibili, ampliando la platea dei beneficiari del trattamento, che vanno identificati precocemente. Il successo della terapia è legato esclusivamente alla tempestività. Allo stesso tempo è importante sottolineare che c’è una serie di difficoltà di natura logistica e organizzativa. Un esempio è quello del trasferimento dei pazienti dal domicilio all'ospedale e viceversa, di cui bisognerebbe farsi carico senza gravare sugli assistiti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie