Martedì 19 Gennaio 2021 | 23:32

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Fellini 100, per festeggiare l'anniversario un cartellone di iniziative in streaming

Fellini Calls, per festeggiare l'anniversario un cartellone di iniziative in streaming

 
Visioni
«Per tornare a respirare devi uccidere il mostro»: il corto con i colori di Federico

«Per tornare a respirare devi uccidere il mostro»: il corto con i colori di Federico

 
L'intervista
Domenico Procacci, il «Mosè» del cinema pugliese

Domenico Procacci si racconta: da Radiofreccia a Gomorra una carriera di successi

 
L'intervista
Gianni Ciardo: «Dopo il Covid ci sarà un boom»

Gianni Ciardo: «Dopo il Covid ci sarà un boom»

 
Il punto
Quelle scorie nucleari nel set a cielo aperto

Quelle scorie nucleari nel set a cielo aperto

 
Su Amazon Prime Video
«Dinner club», Monopoli protagonista del cooking show con Carlo Cracco e Luciana Littizzetto

«Dinner club», Monopoli protagonista del cooking show con Carlo Cracco e Luciana Littizzetto

 
Spettacoli
Alessandro Borghese domani in tv la puntata su Bari: 4 ristoranti si sfidano sul crudo di mare

Alessandro Borghese, domani in tv la puntata su Bari: 4 ristoranti si sfidano sul crudo di mare

 
La decisione
«Si vive una volta sola»: niente streaming per il film di Verdone girato in Puglia

«Si vive una volta sola»: niente streaming per il film di Verdone girato in Puglia

 
Spettacoli
«Nasumice»: su Amazon Prime Video il film girato in Puglia fra trulli e ulivi

«Nasumice»: su Amazon Prime Video il film girato in Puglia fra trulli e ulivi

 
L'evento
Da Lecce il «Cinema che verrà»

Da Lecce il «Cinema che verrà»

 
su Sky
Tv, Alessandro Borghese con i suoi 4 Ristoranti arriva in Basilicata

Tv, Alessandro Borghese con i suoi 4 Ristoranti arriva in Basilicata

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

L'intervista

Gianni Ciardo: «Dopo il Covid ci sarà un boom»

Il comico barese non sopporta il teatro in streaming: «Diciamo 'no grazie', è un fai-da-te»

Gianni Ciardo: «Dopo il Covid ci sarà un boom»

Per tornare ai classici, ai fondamentali del teatro popolare pugliese, anzi barese, in questi tempi cupi di coronavirus e di vaccini incombenti pungenti e iniettabili, non si possono evitare alcune domande a Gianni Ciardo, che resta fra i Padri Fondatori della «commedia alla barese» di felice storia e memoria. Personaggio Ciardo, come si sa, arguto e puntuto anzichenò.

Ebbene, maestro Ciardo, che dire di questa emergenza della Pandemia che costringe il teatro alla chiusura e i teatranti all’ inattività forzata?
«Dico che Cristo è grande».

In che senso, scusi?
«Nel senso che questa crisi nella disgrazia generale, pure qualche effetto benefico lo ha prodotto. Per dire, si è realizzata un po’ di pulizia nel settore del teatro nostrano, mi riferisco a Bari e alla Puglia in genere: tanti teatranti, tanti attori, tanti comici “di passaggio”, spesso dei veri e propri passanti, dei teatranti casuali e per caso, beh sono stati costretti a smettere di fare danni! Non è cattiveria, è giustizia!».

Sì, forse, ma ci sono in effetti tanti professionisti, tante compagnie allo sbando. Quale sarà il futuro delle realtà pugliesi, di quelle valide, poche o tante che siano?
«Ci sarà un boom. Una volta svoltata e superata questa crisi da Pandemia, che prima o poi finirà, ci sarà un boom del teatro, dello spettacolo dal vivo, con la gente di teatro alla riscossa. Vedrete che spunteranno come i funghi dopo la pioggia. Quelli bravi e anche quelli ciucci, purtroppo».

Cosa ne pensa intanto di questi spettacoli ed esibizioni in streaming che nel frattempo molti gruppi e molte formazioni stanno realizzando?
«Io lo streaming lo voglio vedere sparato! Ma per favore! Io, per quanto mi riguarda, proprio mi rifiuto di fare quelle cose brutte. Lo streaming è televisione, ma senza le regole della televisione, una cosa “fai da te”, dove chiunque (cani e porci) si esibisce senza controlli: ti ritrovi a fare eventualmente un lavoro di pregio, tutto studiato e provato a lungo, accanto e mescolato a robetta improvvisata e messa lì un po’ a caso, tanto per fare presenza. Lo streaming è una specie di refugium peccatorum».

In certi casi, per esempio con le proposte messe in campo dal Teatro pubblico, si tratta di un modo per agevolare, anche economicamente, i gruppi e gli interpreti.
«Sì, mi rendo che l’aria è amara per tutti, belli o brutti o cattivi che siano. C’è solo da sperare che questa Pandemia stramaledetta finisca al più presto possibile e che si torni a una dinamica normale dell’offerta e della domanda teatrale. Forse andrà meglio che prima, chissà».

Quali spettacoli, in repertorio e in cartellone quest’anno, si sono dovuti bloccare?
«Proprio in questi giorni, per l’ esattezza il 9 gennaio, dovevo essere sul palco del Teatroteam col mio lavoro Novecento, dal testo di Baricco, che ha debutatto già a Bari alla Vallisa. Tutto rinviato sine die, o meglio tutto rinviato a ottobre, nella speranza che si possa riaprire ovunque normalmente e con un numero di spettatori adeguato. Anche la stagione che avevo programmato alla Vallisa, con numerosissime recite in mezzo alla settimana di tanti miei lavori, vecchi e nuovi, tutto saltato, tutto rinviato a data da destinarsi».

Quali previsioni si sente di fare, circa la situazione generale della Pandemia, a proposito del teatro ma non solo del teatro?
«Fratello caro, che ti devo dire? Qui è come il diluvio universale, una cosa che non coinvolge solo noi poveri teatranti, noi poveri pugliesi, noi poveri italiani. Il guaio è generale e dovrebbero capirlo prima di tutto quelli che con i loro comportamenti sembra quasi che vogliano negare la realtà, e mi riferisco ai giovani e giovincelli vari, ma non solo a loro. Non resta che affidarci al grande Eduardo e dire di nuovo insieme a lui che “deve passare la nottata”, sperando che questa volta sia una nottata un po’ più breve delle solite».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie