Sabato 04 Aprile 2020 | 04:16

Il Biancorosso

emergenza coronavirus
Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa ricerca
Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

 
BrindisiIl caso
Covid 19, rubano alimenti donati alla Caritas di Brindisi: ritrovati in poche ore

Covid 19, rubano alimenti donati alla Caritas di Brindisi: ritrovati in poche ore

 
MateraIl virus
Coronavirus, guarito il Prefetto di Matera: dimesso dall'ospedale

Coronavirus, guarito il Prefetto di Matera: dimesso dall'ospedale

 
FoggiaLo scatto virale
Carabiniere dona mascherina ad anziana in fila alla Posta nel Foggiano

Carabiniere dona mascherina ad anziana in fila alla Posta nel Foggiano

 
TarantoSolidarietà
Covid 19, Gdf consegna 10mila mascherine ad Asl Taranto

Covid 19, Gdf consegna 10mila mascherine ad Asl Taranto

 
LecceLa novità
Nel parco sboccia il Fiordaliso di Punta Pizzo

Gallipoli, nel parco sboccia il fiordaliso di «Punta Pizzo»

 
BatL'idea - consegna a domicilio
«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

 

i più letti

Serie B

Il Foggia deve rifare i conti ma non si può più sbagliare

La rimonta-salvezza è possibile, però non si può più sbagliare. Toppato il primo scontro diretto, sono all’orizzonte adesso altri tre spareggi di fila per evitare il declassamento

Foggia cala un tridente top:  Galano-Iemmello-Mazzeo

FOGGIA - Si è inceppato di nuovo, sul più bello. In Laguna il Foggia è affondato, incapace di tramutare in gol e punti la grossa mole di gioco sviluppata. Al Venezia è bastato tirare in porta una sola volta (dal dischetto, con Di Mariano) e difendersi, per vincere 1-0 e scappare a +3. Uno stop ancora più amaro, perché arrivato in uno scontro diretto per la permanenza in B. Una battuta d’arresto che ha avuto riflessi piuttosto pesanti sulla classifica: ha lasciato al terz’ultimo posto la formazione rossonera, che rimane esposta al duplice rischio di dover disputare i playout o di retrocedere direttamente in C. Delusione e preoccupazione tra i tifosi, ma tecnico e squadra devono reagire, senza farsi vincere dallo scoramento: il Foggia resta artefice del proprio destino. «Abbiamo ancora tanto da dire in questo campionato, noi ci crediamo», hanno sottolineato Grassadonia e il centrocampista Greco.

La rimonta-salvezza è possibile, però non si può più sbagliare. Toppato il primo scontro diretto, sono all’orizzonte adesso altri tre spareggi di fila per evitare il declassamento. Lunedì prossimo - la sera di Pasquetta - partita da dentro o fuori allo «Zaccheria», alle 21 contro il Livorno. Domenica 28 aprile la trasferta di Cremona (calcio d’inizio alle 15). Mercoledì 1 maggio, alle 15, il confronto interno con la Salernitana.
Cremonese e Salernitana hanno acquisito un buon margine di vantaggio rispetto alle altre pericolanti – come Ascoli e Cosenza - tuttavia non possono ritenersi già del tutto fuori dalla lotta per la salvezza.

Il primo mese del Grassadonia-bis è andato in archivio, con un pareggio (col Cittadella), una vittoria (contro lo Spezia) e due sconfitte (Brescia e Venezia). Progressi nel gioco, rispetto al recente passato: baricentro più alto, migliore fraseggio, atteggiamento più intraprendente. Sul piano dei risultati, però, la svolta non c’è stata: la media rimane di 1 punto a partita.

Conferme quanto alla ritrovata tenuta difensiva: il Cittadella, allo «Zaccheria», ha sbloccato il punteggio attraverso un autogol, e le due sconfitte di Brescia e Venezia sono state decise da calci piazzati (una punizione e due rigori). Riguardo alla fase offensiva è cresciuto il numero delle occasioni create, resta però la difficoltà nell’andare in rete. Pochi gol segnati, in rapporto alla mole di gioco prodotta e alle opportunità da rete costruite. La sconfitta di Venezia è stata simile all’1-0 di Pescara: Foggia padrone del campo e del gioco, eppure tornato a casa senza punti. Un k.o., quello dell’Adriatico, che arrivò alla quarta d’andata e che, in una fase di rodaggio, poteva starci. Preoccupa, invece, se a pochi turni dalla fine si perde ancora allo stesso modo. Limiti che persistono, tempo che scorre: non c’è più alternativa, da lunedì prossimo serve solo vincere. Accanto ai verdetti del campo, intanto, il Foggia non perde di vista l’altra partita in cui è impegnato, avviata da mesi: quella con la giustizia sportiva, relativa alla penalizzazione di inizio stagione per gli illeciti amministrativi contestati al club e inerenti alle stagioni di Lega Pro tra il 2015 e il 2017. Si attende l’esito del nuovo ricorso presentato dalla società rossonera al Collegio di garanzia del Coni. Il club spera in un’ulteriore riduzione della sanzione, già rideterminata, a gennaio scorso, da 8 a 6 punti.

Oggi pomeriggio, nel frattempo, ripresa della preparazione in vista della gara casalinga col Livorno. Sedute in programma tutti i giorni, Pasqua inclusa. Lunedì, nel reparto arretrato, sarà out anche Martinelli, per squalifica, oltre agli infortunati Tonucci, Camporese e Ingrosso. Infine è stato tesserato il difensore Federico Sonnini, toscano, classe ’98, che già da diverse settimane si stava allenando con la squadra: numero di maglia 34; è cresciuto nelle giovanili del Grosseto e del Chievo ed ha maturato qualche esperienza in D.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie