Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 05:49

NEWS DALLA SEZIONE

Operazione dei Cc
Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

 
Il caso
Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

Brindisi, macchia scura nelle acque del Porto: al via i controlli

 
Nel pomeriggio
A fuoco bus pieno di studenti, panico a San Pacrazio Salentino

A fuoco bus di studenti, panico a San Pancrazio Salentino: nessun ferito

 
A causa di un guasto
Brindisi, volo Ryanair in ritardo di 5 ore per un guasto: l’ira dei passeggeri

Brindisi, volo Ryanair in ritardo di 5 ore: l’ira dei passeggeri

 
Arte
Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

Ostuni e Mesagne: Andy Warhol arriva in mostra

 
Nel Brindisino
Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

Fasano, fatturato in tempo record, l'azienda manda i dipendenti in crociera

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
Da Maria De Filippi
Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

Carovigno, una 23enne invitata a C'è Posta per Te

 
Nel pieno della movida
Brindisi, spari dopo una lite in un locale: ferito un 27enne

Brindisi, sparò a 27enne dopo lite in un locale, 20enne si costituisce

 
Ss 172 dir.
Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

Via ai lavori sulla statale dei trulli: fine entro il 2020

 

Il dossier del Sole 24 Ore

Qualità della vita: Brindisi risale 8 posizioni ma resta nei bassifondi

La provincia è al 98° posto, mentre in Puglia è terza

Allerta nave carboniera porto di Brindisi: aumenta temperatura

Qualità della vita: Brindisi muove qualche passo in avanti, salendo dal 106° posto del 2017 al 98° dell’anno in corso ma restando comunque nei pieni bassifondi della classifica.
È quanto emerge dal consueto dossier curato da Il Sole 24 Ore e pubblicato ieri sulle pagine dell’autorevole testata economico-finanziaria, con tutte le graduatorie stilate in relazione a 6 macro-aree, a loro volta suddivise in complessivi 42 indicatori di valutazione (7 per ciascuna macro-area).
Rispetto ad un anno fa, dunque, la provincia di Brindisi sale di otto “gradini” e, su scala regionale, si piazza dopo Bari (la migliore tra le pugliesi, ma soltanto 77° in classifica, pur avendo guadagnato 9 posti rispetto al 2017) e Lecce (92° e 12 posizioni in più in confronto a dodici mesi prima), ma avanti a Bat (99°), Taranto (105°) e Foggia (107°), su un campione di 107 province.
Giustizia e sicurezza Tra le 6 macro-aree è quella con la performance peggiore, atteso che la nostra provincia è al 99° posto. Colpa sopratutto dei furti di auto (Brindisi è al 100° posto con 326,3 furti ogni 100mila abitanti), dei reati connessi a stupefacenti (93° con 83,3 reati di tale genere ogni 100mila abitanti) e della durata media dei processi (91° con una media di 505,6 giorni per ogni contenzioso). Male anche per rapine (84° con 39,7 ogni 100mila abitanti) e per indice di litigiosità (84° con 2.881,0 lcause iscritte ogni 100mila abitanti). Un po’ meglio in relazione alla percentuale di cause ultratriennali sul totale (70° con il 23,7%) e soprattutto a scippi e borseggi (33° posto con 81,3 ogni 100mila abitanti).

Affari e lavoro Brindisi è un gradino più in giù, ovvero al 98° posto. Incide in negativo l’88° posto in start-up innovative (appena 2,7 ogni mille abitanti), l’87° in tasso di occupazione (46,1%), l’82° in imprese registrate (9,3 ogni mille abitanti) e l’81° in impieghi su depositi (84,6). Sostanzialmente negativo anche il dato inerente il tasso di disoccupazione giovanile (77° posto con il 34%), la quota di export sul Pil (71° con il 14,9%) e il gap retributivo di genere (62° con il 26%).

Ricchezza e consumi In relazione a questa macro-area, la nostra provincia guadagna qualche posizione, collocandosi all’84° gradino della classifica. Malissimo in riferimento al prezzo medio di vendita delle case (103° con 900 euro al m/q) e ai depositi pro-capite (97° con 12.666 euro). Male per spesa pro-capite in viaggi/turismo (88° posto copn 100,8 euro), per Pil pro-capite (86° con 16,9) e per spesa media per famiglia per beni durevoli (82° con 1.697 euro). Poco poco meglio per protesti pro-capite (72° con 11,1 euro), mentre uan delle pochissime note positive si riscontra in tema di canoni medi di locazione (Brindisi è addirittura al 6° posto con 360 euro al mese).

Cultura-tempo libero Posizione numero 84 anche in questa macro-area. I risultati peggiori riguardano l’offerta culturale (87° con 44,5 spettatori ogni mille abitanti), il numero di onlus (83° con 21,3 ogni 100mila abitanti), il numero di librerie (82° con 6,1 ogni 100mila abitanti), la spesa al botteghino per spettacoli (76° con 16,3 euro per abitante) e l’indice di sportività (72°). A metà classifica, invece, per sale cinematografiche (1.183,6 posti a sedere ogni 100mila abitanti), mentre l’unico riscontro positivo è in relazione alla permanenza media in strutture recettive dei turisti (4,0 e 29° posto).

Demografia e società Note dolenti anche qui, atteso che Brindisi è all’83° posto. Malissimo in tasso di fecondità (103° posto con 1,1 figli per donna) e, un po’ meno, in saldo immigratorio interno (86°), in tasso di natalità (78° con 6,8 nascite ogni mille abitanti) e in acquisizione di cittadinanza italiana (72° con un valore di 19,8 ogni mille abitanti). Così e così sia in numero di laureati perr provincia di residenza (52° posto con il 31,3%), sia in relazione all’indice di vecchiaia (50°). Abbastanza buono, infine, il dato inerente il tasso di mortalità (siamo al 34° posto con 10,5 morti ogni mille abitanti).

Ambiente e servizi I risultati migliori per Brindisi attengono a questa macro-area. La nostra provincia, infatti, è al 9° posto quanto a rischio idrogeologico (che interessa solo l’1,8% della superficie) e al 24° per indice climatico (con una temperatura media di 19,8 gradi). Non tanto bene, invece, va in relazione alla spesa sociale degli enti locali (62° posto con 39,2 euro pro-capite), alla speranza di vita media alla nascita (65° con 82,5) e all’ecosistema urbano (72°). Decisamente male, infine, in “home banking” (95° con 31.942 servizi attivati ogni 100mila abitanti) e soprattutto in “Icityrate” (100° posto).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400