Sabato 25 Maggio 2019 | 05:25

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Speciale Elezioni 2019Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
PotenzaAuto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
TarantoA Grottaglie
Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

 
LecceL'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

pericolo

Trani, l'erosione minaccia
l'antica Torre Olivieri

Due anni fa l'ordinanza della Capitaneria che vietava la sosta e la balneazione. La necessità di una messa in sicurezza

Nico Aurora
Trani - È in avanzato processo erosivo, tuttora in corso, la falesia immediatamente prossima alla spiaggia di Ponte Lama e sottostante Torre Olivieri. Siamo in territorio di Trani, ma sembra che la vicenda sia nota a pochi ed interessi ancora meno. Eppure il problema è duplice, e molto serio: l’erosione avanza incontrastata e, nel frattempo, si dovrebbe procedere alla messa in sicurezza della torre, che si trova sotto tutela dello Stato con apposito decreto di vincolo emesso dal Ministero per i beni culturali. La questione era stata sollevata già alcuni anni fa, almeno dieci, prevedendo interventi a protezione della suddetta falesia e quindi della torre, progettati ed appaltati, ma non più realizzati.
Torre Olivieri svetta nella sua imponenza per oltre venti metri al di sopra della falesia stessa che, negli ultimi settanta anni è arretrata di oltre dieci metri a seguito di un processo erosivo ancora in corso, che ha subito una brusca accelerazione con crolli di roccia e detriti sulla spiaggia, tanto da spingere la Capitaneria di porto, esattamente due anni fa, ad emanare un’apposita ordinanza con divieto di sosta e balneazione sulla spiaggia sottostante. Il provvedimento dell’autorità segnala «lo stato di degrado della falesia, costituita principalmente da roccia calcarea stratificata, e mira a garantire i prioritari interessi correlati alla tutela della sicurezza della navigazione e salvaguardia della vita umana in mare, con specifico rife-rimento alla situazione di degrado della falesia per la presenza sull’arenile di grossi massi, di dimensioni variabili di circa un metro, a poche decine di metri dallo stesso. Tale fenomeno è da ritenersi pericoloso per la pubblica incolumità e la sicurezza della navigazione – si legge nell’ordi-nanza -, in quanto potrebbe essere interessato da fenomeni franosi rivenienti dal retrostante prati-cabile demaniale marittimo». L’ordinanza, per la cronaca, vieta navigazione, sosta ed ancoraggio di tutte le unità navali, balneazione, pesca professionale e sportiva con qualunque tecnica, l’esple-tamento di qualsiasi attività subacquea ed in superficie, connessa agli usi del mare. Siamo in presenza, dunque, di un grosso rischio geologico che può ripercuotersi, anche a breve termine, sulla struttura della torre cinque-centesca, in quanto le sue fondazioni sono sfiorate dagli scoscendimenti e franamenti in corso, e quindi, potrebbero cedere con conseguente rovina del manufatto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400