Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:20

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

E' il drago non la lontra il simbolo del parco dell'Ofanto

di PAOLO PINNELLI 
E' il drago non la lontra il simbolo del parco dell'Ofanto
di PAOLO PINNELLI

Dopo la presentazione del logo del “Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto”, selezionato col Concorso di idee nazionale, indetto dalla Provincia Bat (che gestisce in via provvisoria l’Area Protetta) arrivano idee e proposte. Il logo presenta una lontra inscritta nell’ansa del fiume nel suo tipico tratto meandriforme di valle e - secondo i selezionatori - «identifica a pieno e restituisce fortemente il senso più profondo del Parco». E invece più che la lontra dovrebbe essere il drago, secondo Pasquale Pedico, già presidente di «Storia Patria» di Barletta. «Il progetto è partito dalla vista zenitale di Google Earth. Le spire sinuose del drago sono le reali anse del fiume Ofanto. Le campiture di diverso colore, che fanno da sfondo al drago, simboleggiano la prosperità delle sponde del fiume, e non sono altro che le diverse coltivazioni fiorenti del luogo» spiegano gli architetti Alberto Luca Pedico e Francesco Paolo Cuonzo, ideatori di questo logo.

Perchè il drago? «Si favoleggia di un Drago marino commesso da Nereo, Dio marino celebratissimo degli antichi Greci, posto nella notte dei tempi, alla foce del Fiume Ofanto a vigile guardia della sua valle e della Murgia territoriale. Drago che, benevolo ed attento, fissa con l’occhio vermiglio (espressione di autorità) ed incute rispetto e legalità a tutte le genti che popolano e coltivano le rigorose terre annesse a questo Parco, faro di cultura e progresso del primo ellenismo con Canosa celebrante nel tempo il luogo della sua nascita - spiega Pasquale Pedico - Il Drago simbolo e figura istituzionale metafora come logo identificativo del Parco dell’Ofanto. Drago, dal greco Drakos, vista, occhio, animale favoloso che dicevano avere la vista acutissima, l’agilità dell’aquila e la forza del leone, rappresentato sotto forma di un serpente, posto a guardia di tesori e di luoghi incantati che rimandano alla memoria il nostro Parco dell’Ofanto».

in qui il logo. Poi Pedico aggiunge: «Il prossimo passaggio annunciato dal presidente Spina, sarà la scelta delle sedi del Parco per le quali il presidente proporrà la sede legale a Barletta e la sede operativa a San Ferdinando. Dovrebbe essere invece Canosa la corretta e storicamente giusta sede del Parco - conclude il barlettano Pedico - strano che nessuno degli amministratori canosini lo abbia fatto ancora notare a Spina». Visto che, per la decisione, è prevista la consultazione con i sindaci, sarebbe il caso di farne ammenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400