Sabato 29 Febbraio 2020 | 12:18

NEWS DALLA SEZIONE

coronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
giustizia truccata
«Trani, i giudici puntavano al profitto»

«Trani, i giudici puntavano al profitto»

 
cos aci faceva lì
Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

Trani, è mistero sul ritrovamento di un coltellaccio su davanzale

 
evitare contagi
Coronavirus, nella Bat accessi regolamentati in ospedali; sospese attività studio al «Dimiccoli» di Barletta

Coronavirus, nella Bat accessi regolamentati in ospedali; sospese attività studio al «Dimiccoli» di Barletta

 
L'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla SS16: morta 56enne

 
Precauzione
Coronavirus, Ordine avvocati Trani, sospesa Scuola forense

Coronavirus, Ordine avvocati Trani, sospesa Scuola forense

 
Prevenzione
Coronavirus, Bat, «nessuna emergenza sanitaria ma stato di allerta»

Coronavirus, Bat, «nessuna emergenza sanitaria ma stato di allerta»

 
Teppisti
Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

 
L'appuntamento
Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

 
Tentato omicidio
Cagliari, pugnala al cuore compagno 23enne di Trani: arrestata 40enne

Cagliari, pugnala al cuore compagno 23enne di Trani: arrestata 40enne

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceè mistero
Lecce, quattro auto date alle fiamme nella notte: indagano i cc

Lecce, quattro auto date alle fiamme nella notte: indagano i cc

 
Materal'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 

i più letti

Il processo

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

L'uomo in concorso con persone non ancora identificate, avrebbe ferito le due vittime con diversi colpi di fucile, non riuscendo ad ucciderli

toghe, avvocati

BARI - La Procura di Bari ha chiesto la condanna alla pena di 16 anni di reclusione per il pregiudicato di Trinitapoli (Bat) Francesco Casalino, imputato per il duplice tentato omicidio dei pregiudicati Michele Buonarota e Michele Straniere, avvenuto il 10 maggio 2014 nell’ambito della guerra tra i clan rivali Carbone-Gallone e Miccoli-De Rosa per il controllo delle attività illecite nella città del nord barese. Stando alle indagini coordinate dalla pm della Dda di Bari Lidia Giorgio, Casalino, in concorso con persone non ancora identificate, avrebbe ferito le due vittime con diversi colpi di fucile, non riuscendo ad ucciderli perché i due prima fuggirono a bordo di un’auto e poi a piedi nelle campagne alla periferia di Trinitapoli. Alla identificazione di Casalino, gli inquirenti sono arrivati grazie a tracce di dna trovate su un berretto con visiera abbandonato dal sicario sul luogo dell’agguato.

La Dda contesta all’imputato le aggravanti della premeditazione e del metodo mafioso. Per la Procura c'è su quel territorio «una spessa coltre di omertà» e una «condizione di assoggettamento tale che risulta difficile penetrare l'incancrenita corteccia di riluttanza alla collaborazione da parte delle vittime e della popolazione in generale». La Dda evidenzia inoltre «l'attualità della scia di sangue tra i due clan», ricordando l’omicidio di Pietro De Rosa, avvenuto a Trinitapoli il 20 gennaio 2019, in una «spirale di vendette che risale indietro negli anni e che non accenna ad esaurirsi».
Il processo si sta celebrando con il rito abbreviato. La sentenza è prevista per il 21 febbraio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie