Martedì 23 Aprile 2019 | 00:48

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Raccolta fondi

Un regalo speciale per l'amico scomparso

Nicola Del Monaco, ad Andria, ha istituito una borsa di studio per gli specializzandi in bioinformatica per ricordare Pasquale Pisani, morto a 33 anni

Muore dopo trapianto, l'amico crea borsa di studio a suo nome

Pasquale Pisani, scomparso a 33 anni

Il 16 novembre è il suo compleanno, ma Nicola non chiede regali per sé ma una donazione. Servirà a finanziare una borsa di studio dedicata agli specializzandi in bioinformatica, in nome di Pasquale Pisani, suo fraterno amico, scomparso prematuramente a soli 33 anni. Nicola Del Monaco, giovane farmacista andriese, ha lanciato questa idea sui social ed in pochissimi giorni ha raggiunto già una cifra considerevole: 2230 euro. A dimostrazione che Pasquale era davvero amato da tanti.


«Negli ultimi giorni ho pensato molto a Pasquale – racconta Nicola - mi è mancato davvero molto. Una ricaduta, un piccolo bisogno di sostegno, un pensiero in più verso di lui. Ho catalizzato queste energie per raccogliere dei fondi per la Onlus che abbiamo fondato a suo nome io, Luigi Brandonisio, Nicola del Monaco e Agostino Ieva, il 22 marzo 2017. Una somma da destinare ad una borsa di studio dedicata agli specializzandi in bioinformatica, figura professionale che si occupa di progettare nuovi farmaci, esattamente quello che era Pasquale. Per il mio compleanno non voglio regali: donate! Nel suo nome, nel suo ricordo».


Pasquale Pisani è scomparso inaspettatamente, dopo un trapianto di cuore durato 20 anni, il 9 marzo 2016. «Pasquale è stato decisamente una figata – ricorda Nicola - Il miglior amico che una persona possa desiderare. E’ cominciato tutto per caso, con un corso di nuoto ma ci siamo persi di vista completamente durante le scuole medie. Finché una mattina dell’estate 1996 me lo ritrovo davanti nella vecchia sala giochi di corso Cavour: lui giocava, accanto a Marco e Gigi. Era irriconoscibile, ma da quel momento non lo avrei mai più perso. Pasquale era geniale. Abbiamo passato i cinque anni del liceo seduti quasi sempre vicini. Una mattina pasquale si presenta a scuola con un cellulare: una novità per degli adolescenti del 1997. Ci spiega tutto: reperibilità, lista d’attesa per un trapianto, il cuore». Pasquale soffriva di una malformazione cardiaca che rese necessario un trapianto.


«Una mattina, eravamo in via Atene all’epoca – sede vecchia del liceo scientifico Nuzzi, non si presenta in classe. Marco e Gigi ci aggiornano: è stato chiamato e in quel momento si trova sotto i ferri, a Bergamo. Quel giorno abbiamo ricevuto il regalo più bello della nostra vita. Un regalo da una persona altruista che ha deciso di donare i propri organi. Da allora un pit stop ogni sei mesi – scherza Nicola - Un regalo meraviglioso che è durato 20 anni. Una persona forte, pronta a ridere, che in momenti inaspettati ti dimostrava una forza mai vista da nessun’altra parte. Ero depresso, nel 2002. Di brutto. Pasquale in una settimana mi ha fatto uscire dalla depressione dovuta alla perdita di mio fratello, semplicemente stando insieme a me. Ero strapieno di amici, ma era a lui che volevo bene. Non ricordo di averlo mai visto piangere, Pasquale. Per questo per me è la persona più forte che abbia mai conosciuto. Incazzato sì, ma sempre col sorriso».


Una bronchite ha peggiorato le sue condizioni fisiche in pochissimo tempo, strappandolo alla vita quel 9 marzo di due anni fa. «Pasquale, so che tutto quello che ho detto finora mi avrebbe fatto guadagnare una serie di parolacce tue nei miei confronti. Ma io voglio celebrare la tua vita. Ti voglio bene amico mio: grazie di essere stato l’amico più importante». Nicola conclude con queste parole questa storia: una bella storia che merita di essere raccontata, perché descrive le fragilità e i dolori delle vite di ciascuno, ma che messi insieme possono diventare forza. Per chi vuole può contribuire alla causa con donazioni all’Associazione Onlus “Pasquale Pisani” (sede Legale in via Dante Alighieri 70 ad Andria, C.F. 90106200729) oppure con un bonifico alla Banca Sella - Andria (Iban IT 77 A 0326841340052980302890).La raccolta fondi per la borsa di studio scade il 16 novembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400