Sabato 19 Gennaio 2019 | 00:44

NEWS DALLA SEZIONE

Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi e diamanti. 
Imprenditore: così pagai milioni

 
Dalla Regione
Trani, fondi per il recupero del giardino Antonacci-Telesio

Trani, fondi per il recupero del giardino Antonacci-Telesio

 
Ambiente
Barletta, strani picchi di biossido d'azoto nell'aria

Barletta, strani picchi di biossido d'azoto nell'aria

 
Monitoraggio Caritas
Trani, padri separati non arrivano a fine mese

Trani, padri separati non arrivano a fine mese

 
Sulla SS16 bis
Corriere della droga fermato dai cc a Trani: hashish nascosto nel parafango

Corriere della droga fermato dai cc a Trani: hashish nascosto nel parafango

 
A Barletta
Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

 
Dal 14 gennaio
Andria, parte il servizio mensa a scuola ma fra tante polemiche

Andria, parte il servizio mensa a scuola ma fra tante polemiche

 
Tragedia sfiorata
Barletta, operatore Barsa ferito dal lancio di un petardo

Barletta, operatore Barsa ferito dal lancio di un petardo

 
Esposto in Procura
Andria, in ospedale per intervento di routine: muore una 60enne

Andria, in ospedale per intervento di routine: muore una 60enne

 
Operazione della Polizia
Barletta, preso trafficante di droga: in auto un chilo di cocaina pura

Barletta, preso trafficante di droga: in auto un chilo di cocaina pura

 
All'ospedale Dimiccoli
Barletta, la Befana arriva nel reparto di Pediatria

Barletta, la Befana arriva nel reparto di Pediatria

 

Il convegno

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

Procuratore Capo della Repubblica di Trani Di Maio: «Subito la Questura ad Andria»

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

«Lo Stato c’è in Puglia e nella Bat, ed è vincente»: questo il «grido» accorato e sentito che si è levato nel corso del convegno sulla “Sicurezza nelle città alla base della democrazia” organizzato dalla Sezione Territoriale Bat “Canusium” dell’Ancri. Il convegno, moderato dal giornalista della «Gazzetta», Paolo Pinnelli, ha visto la partecipazione insieme ai vertici nazionali dell’Ancri anche dei rappresentanti di vertice delle istituzioni. Già gli interventi d’apertura sono andati oltre i rituali saluti per un tema, quella della sicurezza, di particolare attualità alla luce del «decreto legge Salvini». È toccato al cav. Cosimo Sciannamea, organizzatore dell’evento, al sindaco di Canosa, avv. Roberto Morra, al presidente nazionale dell’Ancri, Tommaso Bove, al vescovo mons. Luigi Mansi e al Prefetto della Bat, Emilio Dario Sensi, introdurre il tema che ha visto i relatori lanciare numerosi spunti di riflessione sul tema della sicurezza. In primis quello del presidente Tribunale di Trani, Antonio De Luce, che ha sottolineato il difficile rapporto tra legislatori e operatori della Giustizia, «spesso spinti da emergenze a legiferare ma senza alcun coordinamento» e ha poi sottolineato: «Ognuno deve essere la prima finestra per segnalare quanto accade intorno».
Il procuratore Capo della Repubblica di Trani, Antonino Di Maio ha fatto il punto sulla situazione della criminalità nella Bat. «Secondo i dati del 2017 ci sono reati in diminuzione, come quelli legati allo spaccio di droga ma restano alti quelli contro il patrimonio. Crescono e preoccupano - ha proseguito - i reati legati alla violenza di genere. Procura e Tribunale stanno approntando un protocollo con l’Asl per creare “punti qualificati di ascolto”: di pronto soccorso nell’Asl e poi presso Compagnie e commissariati, per creare una rete che abbia come riferimento finale la Procura, per intervenire tempestivamente e con efficacia».
«La Bat - ha poi detto Di Maio - è un territorio fragile, schiacciato a nord dalla mafia garganica e, a sud, da quella barese» ribadendo la necessità che la questura di Andria venga al più presto realizzata.
Un monito alla collaborazione è arrivato dal comandante Regionale Puglia della Guardia di Finanza, il generale di Divisione Vito Augelli, che, a gran voce, rivolto soprattutto ai giovani studenti, ha sottolineato: «Lo Stato esiste ed è vicino ai cittadini. La Puglia dispone oggi di uomini rappresentanti delle forze dell’ordine e magistrati di altissimo valore professionale. Lavoriamo per gli operatori economici, per la sicurezza economico finanziaria affinché possano svolgere la propria attività e dare occupazione. In Puglia lo Stato c’è. Occorre tuttavia fare squadra, è una battaglia quella per la legalità che si vince tutti insieme».
Gli ha fatto eco il prefetto Francesco Tagliente, che da ex questore a Roma e Firenze ha offerto la testimonianza di come la lotta alla criminalità abbia bisogno di «sartorie istituzionali e sociali» simboleggiando con la «maniglia (l’accessibilità), la sedia (la disponibilità ad ascoltare) e la lampadina (l’attenzione)», il modo migliore per le forze dell’ordine «per creare le condizioni affinché chi dovesse trovarsi in una condizione di pericolo o di bisogno senta lo Stato vicino, accessibile e disponibile ad erogare sicurezza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400