Lunedì 25 Marzo 2019 | 02:58

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Il caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Parla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
Il caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
Analisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
Casa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
Il Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Le dichiarazioni
Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

La sentenza

Barletta, processo inquinamento
della cementeria: tutti assolti

Il gup accoglie le richieste della pubblica accusa: nessun colpevole

Barletta, processo inquinamentodella cementeria: tutti assolti

TRANI - Tutti assolti gli otto imputati del rito abbreviato accusati del presunto disastro ambientale attribuito alla cementeria Buzzi Unicem di Barletta. Dunque, tutto secondo previsioni l’esito del giudizio abbreviato, così come ipotizzato alla luce della dinamica del procedimento culminato con la richiesta di assoluzione da parte proprio della Pubblica Accusa. Peraltro, il Comitato Operazione Aria Pulita Bat aveva di fatto rinunciato alla costituzione di parte civile; hanno continuato a presenziare solo le parti civili “pubbliche” e cioè Comune, Provincia, Regione.

Il gup ha assolto, a seconda dei casi “perché il fatto non sussiste” o “per non aver commesso il fatto”: l’ingegner Giuseppe Gravina, il dr. Roberto Giua, Salvatore Ficocelli, Massimiliano Antonio Maurelli, Carmelo Capoccia, dipendenti dell’ARPA Puglia interessatisi al campionamento fumi ed ai relativi verbali di prelievo del 25 marzo 2011, e tre membri del Comitato Tecnico provinciale BAT che istruirono la pratica ed espressero parere favorevole alla concessione dell’autorizzazione di valutazione d’impatto ambientale alla gestione dei rifiuti: il dottor Francesco Contento, il geologo Andrea Salvemini, la dr.ssa Francesca Seccia.

Stessa sorte assolutoria si prevede per i nove imputati che non hanno scelto l’abbreviato e sono a dibattimento. Per loro la sentenza è attesa l’8 ottobre: anche in questo il pubblico ministero Simona Merra ha chiesto l’assoluzione.
Al vaglio dibattimentale ed al giudizio abbreviato si giunse in virtù dei provvedimenti dell’ex giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Trani Francesco Messina, nonostante la Procura (le indagini furono condotte dall’ex pm Antonio Savasta) avesse chiesto il «non luogo a procedere» per tutti gli imputati.

Fu chiesto il rinvio a giudizio anche di Silvio Picca e Pietro Buzzi, succedutisi quali legali rappresentanti della Buzzi Unicem spa; Giuseppe Angelo Dalena legale rappresentante della srl Dalena Ecologia che ha sede legale a Putignano e stabilimento a Barletta in Via Vecchia Madonna dello Sterpeto; Ruggiero Rosario Bruno, legale rappresentante della TRA.SMA.R. sas che ha sede a Barletta in Contrada Crocifisso. Ed ancora di altri membri del Comitato Tecnico provinciale BAT: l’architetto Pasquale Antonio Casieri, l’ing. Giancarlo Chiaia, l’avv. Giampaolo Sechi.

Per gli uffici della Regione furono imputati gli ingegneri Giuseppe Tedeschi e Paolo Francesco Garofoli, rispettivamente dirigente del Servizio Rischio Industriale della Regione Puglia e funzionario “alta professionalità AIA”.

Per quanto inizialmente ricostruì l’inchiesta, gli amministratori della Spa Buzzi Unicem avrebbero gestito “illecitamente di fatto un impianto d’incenerimento rifiuti speciali forniti dalle imprese Dalena Ecologia e Trasmar grazie all’autorizzazione o al falso parere favorevole all’esercizio di quest’attività, fornito dai funzionari regionali e dai dipendenti ARPA con la qualifica di pubblici ufficiali. Ci sarebbero state “emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti superiori al limite di legge prevista nell’ambito della tipologia dei rifiuti, trattandosi di un impianto ubicato nei 200 metri da insediamenti residenziali”.

L’inquinamento, si ipotizzò, sarebbe stato possibile anche grazie a qualche occhio chiuso da parte dei controllori istituzionali. Dal 18 febbraio 2012 in poi i fatti contestati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400