Domenica 21 Aprile 2019 | 04:17

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 
BrindisiL'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
LecceNel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
GdM.TVOperazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

L'imprenditore Dagostino

Inchiesta outlet, il «re» barlettano presenta carte false ai giudici per tornare libero

Dopo gli arresti per reati fiscali, il pm smaschera l'uomo esibendo un verbale di assemblea societario non veritiero

Inchiesta outlet, il «re» barlettano presenta carte false ai giudici per tornare libero

Il tribunale di Firenze

Davanti al tribunale del riesame di Firenze oggi il pm Christine von Borries ha reso nota l'esistenza di un falso verbale di assemblea per opporsi alla richiesta di liberazione dagli arresti domiciliari dell’imprenditore pugliese Luigi Dagostino, 51 anni, il 're degli outlet' che la procura indaga in più inchieste, una delle quali, peraltro, coinvolge i genitori di Matteo Renzi, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, estranei comunque a questa parte di indagini.

Dagostino è ai domiciliari dal 13 giugno per un filone dedicato a presunti reati fiscali, in particolare per accuse di evasione delle imposte sui redditi e dell’Iva legati a fatture false. Fatture emesse da sue società per operazioni che la procura ritiene inesistenti e che stima in un totale di circa 10 mln di euro in cinque anni. Su questo fronte, che ha portato Dagostino ai domiciliari, il suo difensore, avvocato Alessandro Traversi, ha presentato ricorso al riesame. E oggi, in udienza, chiedendo ai giudici la liberazione, ha sottolineato che si tratta di fatture ormai vecchie, del periodo 2012-2015, e che Dagostino ha comunque già attuato un 'ravvedimento operosò da 3,7 mln di euro con l’Agenzia delle Entrate per sanare la sua posizione fiscale. Inoltre, sempre la difesa, Dagostino ha incaricato uno studio tributario di integrare quel 'ravvedimentò già oneroso con altri versamenti al fisco come risulti dovuto.

Ma il pm von Borries, presente in udienza, non solo ha messo in evidenza la gravità dei reati fiscali contestati ma, riferendosi a un’altra inchiesta che lei stessa coordina e che coinvolge sempre Dagostino per la società Nikila Invest, ha svelato che la guardia di finanza durante intercettazioni del maggio scorso ha ricostruito che due professionisti, un commercialista e un avvocato tributarista, avevano redatto un verbale di assemblea della Nikila Invest con data retroattiva per giustificare un passaggio di denaro.

Riguardo al verbale falso, il pm ha fatto riferimento all’inchiesta per appropriazione indebita e autoriciclaggio che riguarda l’operazione immobiliare di Villa Banti a Firenze dove risultano indagati Dagostino e la compagna Ilaria Niccolai. Il verbale falso, a data 31 ottobre 2016, doveva servire a giustificare il passaggio di denaro (1.690.000 euro) da una società all’altra, dalla Nikila Invest alla Syntagma, entrambe controllate da Dagostino, e quindi anche la proprietà dell’immobile grazie ai denari così spostati. Passaggio che, però, senza l’autorizzazione dell’assemblea dei soci non è lecito anche se il titolare delle aziende è lo stesso. Nella vicenda Villa Banti fu anche messa sotto sequestro il 22 agosto 2017. Ora emerge che i due professionisti, che avrebbero predisposto il finto documento - il commercialista Federico Ariano e l’avvocato Matteo Faggioli - sono indagati per favoreggiamento reale. Secondo il pm von Borries i due hanno agito su impulso di Dagostino. Quindi, pur essendo questa altra inchiesta distinta rispetto a quella per fatture false da 10 mln totali, il pubblico ministero ha evidenziato che il profilo di Dagostino è tale da dover confermare la misura degli arresti domiciliari per pericolo di reiterazione del reato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400