Domenica 21 Aprile 2019 | 22:42

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Nella villa comunale

Trani, dopo l'annunciata chiusura riaprono acquario e voliera

«Riattivati» due servizi pubblici: la decisione di chiudere adottata dal gestore, dopo quindici mesi senza gare

Trani, dopo l'annunciata chiusura riaprono acquario e voliera

Trani - Tempo poche ore, e l’acquario della villa comunale ha riaperto. Anche la voliera simbolicamente lo ha fatto, sebbene sarebbe rimasta sempre visitabile, poiché si tratta di una struttura, ovviamente, da ammirare dall’esterno contenendo volatili al suo interno.

Quanto riferito e documentato ieri dalla Gazzetta ha avuto immediatamente effetto, nella misura in cui l’assessore al verde pubblico e arredo urbano, Michele Di Gregorio, sempre ieri mattina ha incontrato il gestore uscente delle due strutture della villa comunale, Vittorio Somma, chiedendo ed ottenendo che le riaprisse immediatamente per non interrompere un pubblico servizio.

Somma ha spiegato di avere chiuso soltanto perché, dopo quindici mesi senza gare, né proroghe, aveva ormai perso ogni speranza ed in lui era subentrata la rassegnazione: «Ho dovuto chiudere - ha chiarito - per evitare di lasciare le due strutture alla mercé di tutti, a cominciare da vandali e ladri».

La riapertura è avvenuta proprio in coincidenza con la celebrazione in villa comunale dell’anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana. Pertanto anche il sindaco, Amedeo Bottaro, ha incontrato l’esercente chiarendo con lui gli aspetti principali del problema.

«Di certo - ammette di Gregorio -, quanto prima va fatta una gara o, almeno, un’indagine di mercato per individuare il nuovo gestore delle due attrazioni. Purtroppo, l’alternanza dei dirigenti e le tante urgenze non ci hanno consentito di intervenire prima su questa materia».

Domattina nuovo incontro in villa comunale, nel quale sarà presente anche il direttore dei giardini, Giuseppe Merra, prima che il dirigente del Settore verde pubblico, Giacomo Losapio, si faccia carico della questione ed emani al più presto un’indagine di mercato per ricercare il nuovo concessionario delle due strutture.

Come già riferito ieri, acquario e voliera erano state affidate In concessione biennale, dal commissario straordinario uscente Maria Rita Iaculli, a Le favole di Esopo, gestita da Vittorio Somma, fino al 28 febbraio 2017. Da allora, Somma ha continuato a farsi carico a proprie spese delle due strutture, non ottenendo dal Comune né proroghe, né rimborsi, né tanto meno una nuova gara ad evidenza pubblica.

«Se ho riaperto, l’ho fatto soprattutto per i tanti bambini che è giusto continuino a visitare questi due punti di riferimento della nostra villa, affascinati come sono dagli animali di tutte le specie che, in tanti anni e con passione, ho portato qui».

Somma mostra con orgoglio diversi quaderni dei visitatori, in cui sono soprattutto i bambini ad esprimergli i complimenti ed i sensi di ammirazione, meraviglia, stupore per quello che hanno visitato. Tantissime le scolaresche, anche e soprattutto di altre città, che lo chiamano quasi ogni giorno per visitare acquario e voliera. E sarebbe stato difficile, all’improvviso, anche se la scuola sta terminando, dire no a tutti. E, ancora più arduo, sarebbe stato spiegare il perché proprio ad un bambino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400