Sabato 15 Maggio 2021 | 00:13

NEWS DALLA SEZIONE

Turismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
La novità
San Nicola  multimediale apre le porte a turisti e pellegrini

San Nicola multimediale apre le porte a turisti e pellegrini

 
Il caso
Bari, divieto senza preavviso a San Pasquale: automobilisti in rivolta

Bari, divieto senza preavviso a San Pasquale: automobilisti in rivolta

 
Nel Barese
Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

 
Nel Barese
Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto omicida

Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto killer

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
Il caso
Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

 
Il caso
Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis

Bari, nuovo arresto per ex gip: sospetto Dda che custodisse armi per il clan La difesa rinuncia al Riesame. Chiariello resta in carcere

 
Lutto
Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

 
Il caso
Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDibattito
Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

 
LecceL'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
TarantoEx Ilva
«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

 
LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

Corte d'Appello

Bari, femminicidio al Madonnella
le motivazioni della condanna

Confermati 22 anni di carcere al compagno di Donata De Bello

Bari, femminicidio al Madonnella: le motivazioni della condanna

Bari -  «Aveva preferito annullare la compagna, piuttosto che perderla» e, per questa «idea del controllo» della donna, l’avrebbe uccisa accoltellandola. Sono alcuni passaggi delle motivazioni con le quali la Corte di Assiste di Appello di Bari nel gennaio scorso ha confermato la condanna alla pena di 22 anni di reclusione nei confronti del 34enne barese Marco Basile, imputato per l’omicidio volontario e l'occultamento del cadavere della 48enne Donata De Bello, il cui corpo fu trovato il 13 luglio 2017 nella casa al quartiere Madonnella dove la coppia aveva convissuto.
Nelle motivazioni, i giudici ricostruiscono i «frequenti litigi e le colluttazioni» tra i due, come quello della sera del delitto, dimostrato «dalle escoriazioni e dalle ecchimosi anche di origine non recente rilevate sul corpo della donna». La Corte parla di «estrema disinvoltura con la quale Basile ha agito, sintomatica di un’indole malvagia» e anche di «odiosa natura e raccapriccianti modalità dell’azione».
Infatti, «dopo aver cagionato volontariamente la morte della compagna - si legge nella sentenza - , ha inteso occultarne il cadavere, avvolgendolo con un tappeto, un lenzuolo, un telo di cellophane e un piumino e trasportandolo al piano superiore, dove lo rinchiudeva in un armadio». «La realizzazione scientifica della operazione - concludono i giudici motivando la mancata concessione delle attenuanti nonostante fosse incensurato - evidenzia come l’intenzione dell’imputato fosse proprio quella di nascondere il corpo privo di vita della compagna per celare l’omicidio». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie