Lunedì 26 Luglio 2021 | 21:02

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

 
Covid
Calcio Bari, undicesimo giocatore positivo

Calcio Bari, undicesimo giocatore positivo

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
Notte movimentata
Bitonto, ladro entra in casa dal tetto e all'uscita trova i carabinieri

Bitonto, ladro entra in casa dal tetto e all'uscita trova i carabinieri

 
l'emergenza
Bari, cena in bianco no cibo di strada sì: polemica sugli eventi all’aperto

Bari, cena in bianco no cibo di strada sì: polemica sugli eventi all’aperto

 
mobilità
Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

Niente biglietti domani nelle stazioni di Foggia, San Severo, Bari e Lecce

 
L'incendio
Bari, rogo in azienda edile tra San Paolo e zona Stanic

Bari, rogo in azienda edile tra San Paolo e zona Stanic

 
Musica
Festival Costa dei Trulli: a Monopoli Gigi D’Alessio ed Annalisa

Festival Costa dei Trulli: a Monopoli Gigi D’Alessio ed Annalisa

 
Il video
No vax in protesta a Bari contro il Green Pass: in 200 a Piazza del Ferrarese

No vax in protesta a Bari contro il Green Pass: in 200 a Piazza del Ferrarese

 
I controlli
Bari, senza mascherine e distanziamento: raffiche di sanzioni a clienti ed esercenti

Bari, senza mascherine e distanziamento: raffiche di sanzioni a clienti ed esercenti

 

Il Biancorosso

Sport
Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sentenza
Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

Bari, maltrattamenti e abusi sui figli: confermate le condanne

 
Lecceil caso
Nardò, rissa al mercato: denunciati in quattro

Nardò, rissa al mercato: denunciati in quattro

 
FoggiaLa sentenza
Uso dei fondi Miur all'Ateneo di Foggia: assolti i 19 imputati

Uso dei fondi Miur all'Ateneo di Foggia: assolti i 19 imputati

 
GdM.TVLa rapina
La cassiera reagisce e aggredisce il bandito - IL VIDEO -

La cassiera reagisce e aggredisce il bandito - IL VIDEO -

 
TarantoSicurezza
Perrini: «Situazione esplosiva all'hotspot di Taranto»

Perrini: «Situazione esplosiva all'hotspot di Taranto»

 
PotenzaGli ultimi dati
Basilicata, Covid: nel fine settimana dieci nuovi positivi

Basilicata, Covid: nel fine settimana dieci nuovi positivi

 
PotenzaAllarme
Basilicata, povertà in aumento: coinvolta una famiglia su quattro

Basilicata, povertà in aumento: coinvolta una famiglia su quattro

 

i più letti

Il caso

Caccia aperta alla pantera di Locorotondo: tanti «avvistamenti» in campagna

Sopralluogo delle forze dell’ordine in contrada Marinelli, al confine con il territorio di Cisternino

Caccia aperta alla pantera di Locorotondo: tanti «avvistamenti» in campagna

LOCOROTONDO - Suggestione di massa o realtà? Lungo il crinale del dubbio s’insinua il mistero della pantera della Valle d’Itria. I primi avvistamenti, nei mesi scorsi, furono segnalati in agro di Ostuni.
Nei giorni scorsi il grosso felino sarebbe stato visto prima in territorio di Locorotondo, in contrada Pantaleo, e poi al confine con Cisternino, in zona Marinelli.

Le segnalazioni si moltiplicano: «Abbiamo visto un grosso animale camminare con passo felpato», dicono alcuni residenti della zona. Il buio della notte ha impedito una descrizione più accurata.
Le autorità, intanto, non trascurano alcuna segnalazione. In prima linea i Carabinieri forestali di Alberobello e gli ispettori del Nucleo di guardie ecologiche «Era settore ambiente». Insieme hanno verificato le presunte impronte della pantera in contrada Pantaleo. Esito negativo: «Dalle orme si notano chiaramente gli artigli. I felini - hanno specificato gli esperti consultati - hanno gli artigli retrattili, i canidi no. Possiamo concludere, per dimensione e per caratteristiche, che si tratta di un grosso cane».
Sul tema è stato ascoltato anche Matteo Legrottaglie, esperto di animali esotici in servizio allo Zoosafari di Fasano, che ha escluso che quelle impronte possano appartenere a una pantera. Ma le rassicurazioni degli specialisti non hanno tranquillizzato la popolazione. È di ieri infatti l’ennesimo avvistamento in contrada Marinelli.

Sul posto si sono recati ancora una volta i Carabinieri forestali e le guardie ambientali, stavolta con l’ausilio del nucleo cinofilo e di un drone per monitorare il territorio dall’alto.
I cani hanno fiutato la presenza di un predatore. Sono stati per questo rilevati campioni biologici che saranno sottoposti a esami molecolari per capire di che animali si tratta. «Sul territorio - commenta il capo ispettore di Era, Michelangelo Schiavone - ci sono naturalmente dei lupi. Non è il caso di fare allarmismo, né di esaltare la descrizione per avvalorare le proprie tesi di avvistamento. Ricordiamo che il procurato allarme è un reato».
Va detto che non è raro trovare in Valle d’Itria carcasse di animali smembrate dai lupi.
Il Comune di Locorotondo, intanto, segue attentamente la vicenda: «Abbiamo ritenuto opportuno fare un sopralluogo - dicono il vicesindaco Vito Speciale e il presidente dell’Aula, Martino Santoro - per verificare le operazioni in atto. Anche noi abbiamo ricevuto diverse segnalazioni riguardo la presenza di un grosso felino».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie