Lunedì 30 Marzo 2020 | 12:18

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza coronavirus
Acquaviva, fondi Cei anche per l'ospedale «Miulli»

Acquaviva, fondi Cei anche per l'ospedale «Miulli»

 
Le indagini
Modugno, rapinarono tabaccheria: arrestati fidanzati-banditi. Lui tradito dai tattoo

Modugno, rapinarono tabaccheria: arrestati fidanzati-banditi. Lui tradito dai tattoo

 
emergenza coronavirus
Bari, consegnate 42mila mascherine in Puglia: «Meno di un terzo del fabbisogno»

Bari, arrivano 42mila mascherine in Puglia: «Meno di un terzo del fabbisogno»

 
Sanità
Bari, doppio trapianto di reni eseguito al Policlinico

Bari, doppio trapianto di reni eseguito al Policlinico

 
Il virus
Covid 19, altri 4 casi in una Rsa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

Covid 19, altri 4 casi in una Rssa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

 
Sulla nave di crociera
Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

 
Solidarietà
Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

 
La denuncia
Covid 19, i medici baresi fanno esposto in Procura: «Dpi non idonei»

Covid 19, i medici baresi fanno esposto in Procura: «Dpi non idonei»

 
Solidarietà tra stati
Coronavirus, l'Albania invia 30 medici e infermieri: «Non dimentichiamo l'Italia che ci ha aiutato»

Coronavirus, l'Albania invia 30 medici e infermieri: «Non dimentichiamo l'Italia che ci ha aiutato»

 
Il virus
Coronavirus, 24 contagi nel centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano

Coronavirus, 22 contagi nel centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza coronavirus
Acquaviva, fondi Cei anche per l'ospedale «Miulli»

Acquaviva, fondi Cei anche per l'ospedale «Miulli»

 
FoggiaIl fatto
Foggia, incendio Borgo Mezzanone. La denuncia: «Vigili del fuoco aggrediti»

Foggia, incendio Borgo Mezzanone. La denuncia: «Vigili del fuoco aggrediti»

 
PotenzaLa decisione
Truffa parchi fotovoltaici in Basilicata, confermati sequestri

Truffa parchi fotovoltaici in Basilicata, confermati sequestri

 
Materacontrolli
Matera, a spasso con l'eroina: arrestato pusher

Matera, a spasso con l'eroina: arrestato pusher

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 
Hometragedia sfiorata
Galatina, fiamme al materasso, divampa incendio in stanza ospedale

Galatina, paura in ospedale: a fuoco materasso, fiamme in una stanza

 
TarantoIl personaggio
Camillo Pace esorcizza il Covid 19:  con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

Camillo Pace esorcizza il Covid 19: con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

 

i più letti

giudiziaria

Processo escort: a Bari chiese tre conferme di condanna e un non luogo a procedere

Chiesta condanna per Gianpaolo Tarantini, Sabina Began, Peter Faraone

Tribunale, toga

La Procura generale di Bari ha chiesto la conferma di tre condanne, pur a pene ridotte rispetto al primo grado, e il non luogo a procedere per un quarto imputato al termine della requisitoria d’appello del processo 'escort' in corso a Bari. La vicenda è quella delle donne portate fra il 2008 e il 2009 dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini nelle residenze dell’allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. A oltre 12 anni dai fatti sono prescritte 13 delle 32 condotte di reclutamento e favoreggiamento della prostituzione contestate.In particolare per Tarantini, condannato in primo grado alla pena di 7 anni e 10 mesi di reclusione, è stata chiesta la condanna a 6 anni di reclusione, ritenendo prescritti sette dei 24 episodi. Per Sabina Began, "l'ape regina» dei party berlusconiani, è stata chiesta la conferma della condanna a 1 anno e 4 mesi. Per il pr milanese Peter Faraone, condannato in primo grado a 2 anni e 6 mesi, è stata chiesta la condanna a 2 anni di reclusione per prescrizione di due delle tre imputazioni contestate.

Infine per Massimiliano Verdoscia, condannato in primo grado a 3 anni e 6 mesi, è stato chiesto il non luogo a procedere per prescrizione di tutte le quattro imputazioni di reclutamento contestate all’imputato. Nella requisitoria il sostituto pg che rappresenta l’accusa, Giuseppe Iacobellis, ha evidenziato che «è l’atto in sé del reclutamento di donne per farle prostituire che ha rilevanza penale, nonostante l’eventuale consenso delle stesse, perché degradante la dignità umana».
Nella prossima udienza del 25 marzo la parola passerà alle difese per le arringhe e nella stessa data ci sarà sentenza.

PATRIZIA D'ADDARIO E TERRY DE NICOLO' ESCLUSE COME PARTI CIVILI - Patrizia D’Addario e Terry De Nicolò non saranno parti civili nel processo d’appello 'escort'. I loro ricorsi contro la sentenza di primo grado che non aveva riconosciuto i risarcimenti dei presunti danni subiti sono stati depositati tardivamente. Lo hanno deciso i giudici della Corte di Appello di Bari, accogliendo l’eccezione dei difensori degli imputati condivisa dalla Procura generale, in apertura del dibattimento del secondo grado di giudizio sulla vicenda delle 26 donne, anche le due oggi estromesse, portate fra il 2008 e il 2009 dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini a Roma e Arcore nelle residenze di Silvio Berlusconi, allora presidente del Consiglio.
Nel processo quattro persone rispondono, a vario titolo, di reclutamento e favoreggiamento della prostituzione: Gianpaolo Tarantini (condannato in primo grado a 7 anni e 10 mesi di reclusione e 3mila euro di multa per 24 diversi episodi), difeso dall’avvocato Nicola Quaranta; Sabina Began, «l'ape regina» dei party berlusconiani (condannata a 1 anno 4 mesi e 200 euro); Massimiliano Verdoscia (condannato a 3 anni 6 mesi e 1.500 euro), difeso da Ascanio Amenduni e Nino Ghiro; e il pr milanese Peter Faraone, condannato in primo grado a 2 anni 6 mesi e mille euro di multa.
La sentenza di primo grado fu emessa dal Tribunale di Bari nel novembre 2015. Una volta in appello, poi, il processo è stato sospeso per quasi due anni in attesa che la Corte Costituzionale valutasse le questioni di legittimità della legge Merlin sollevate dai difensori di alcuni imputati, dichiarate "non fondate» a marzo scorso

«Ritengo che in questo processo abbia perso la donna, la cui dignità è stata calpestata, perché da accusatrice è diventata l’accusata». Lo ha dichiarato l’avvocato Pasquale Rago, difensore di Patrizia D’Addario, una delle donne portate dall’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini alle cene nelle residenze dell’ex premier Silvio Berlusconi, secondo l'accusa perché si prostituissero con l’allora presidente del Consiglio. Patrizia D’Addario aveva chiesto di costituirsi parte civile nel processo 'escort' in corso dinanzi alla Corte di Appello di Bari, dopo che in primo grado il Tribunale aveva rigettato la sua richiesta di risarcimento dei presunti danni subiti. I giudici dell’appello hanno dichiarato la sua richiesta inammissibile perché tardiva. A margine dell’udienza il legale, che ha assunto la difesa della donna nel dicembre scorso, a processo ormai iniziato, ha dichiarato, commentando l’esclusione come parte civile, che «se questo è il sistema, soprattutto in un momento di grave crisi sociale in cui parliamo di violenza in famiglia, di soprusi dell’uomo sulla donna, non avremo più nessuno che denuncia i soprusi subiti anche nell’ambito di queste forme di reclutamento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie